Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
La classifica del Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
W.H. Auden, L’età dell’ansia, di Franco Buffoni | e-book n. 240]
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 61 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Apr 2 07:18:58 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il Richiamo

di Maria Teresa
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 16/02/2020 02:56:11

Dal romanzo IL RICHIAMO, 2017

(...)
Soccorsa era ormai ricoverata da oltre dieci giorni nella Casa Sollievo della Sofferenza, inaugurata nel 1956, la cui costruzione fu resa possibile grazie alle donazioni provenienti da sostenitori e credenti di ogni parte del mondo.
Aveva ultimato tutti gli esami previsti per procedere all’asportazione della cisti, seguita amorevolmente dalle cure delle monache.
Il giorno prima dell’intervento, Maria portò la bambina da Padre Pio, affinché la benedicesse.
La donna, in palpitante attesa, in fila tra i tanti fedeli, temeva l’incontro, per paura di non essere degna del supporto benevolo del frate. Si era diffusa la voce del suo carattere burbero e del fatto che non si facesse scrupolo di rifiutare le benedizioni a chi non aveva un animo retto o cacciando in malo modo chiunque omettesse particolari peccaminosi durante la confessione.
Trepidante, stringendo la piccola per mano, con il cappottino in panno sul pigiamino e il berretto di lana calcato in testa, arrivò dinanzi a colui che, di lì a poco, sarebbe stato santificato. Avesse potuto, ora sarebbe scappata, ma inginocchiatasi al suo co-spetto, il petto in tumulto, fece avanzare la bambina.
Le parole le vennero meno:
– Padre, domani mia figlia deve operarsi – fu tutto ciò che riuscì a dire.
– E perché l’hai portata qua “chë stu frìddë? Va’, pëccënè va’”, vai al caldo. Mamma tua è sciagurata “tu në ndi’ pucchètë” – e così dicendo le pose una mano, il palmo rivestito dal mezzo guanto di lana marrone, tra il capo e la fronte.
Pochi attimi in cui Maria ebbe la sensazione di aver visto i suoi occhi avere un moto di tenerezza per poi ridiventare rigidi e autorevoli. Le sospinse a lato della fila, in segno di commiato.
La donna si incamminò per fare rientro alla casa di cura, confusa, rimproverandosi per avere osato tanto.

Quella stessa notte, appisolatasi su uno dei lettini vuoti della cameretta d’ospedale, fu svegliata di soprassalto da un violento attacco di tosse di Soccorsa.
Prontamente la sollevò a sedere, ma la tosse aumentava sempre più. La bambina sembrava perdere il respiro, cominciò a diventare cianotica, il corpo smosso da continui sussulti. Non riusciva neanche a piangere, solo gli occhi dilatati ne facevano intuire il terrore.
Maria si precipitò in corridoio, urlando spaventata e chiamando le suore che, in due, accorsero prontamente.
Le poverette si prodigarono al meglio, inutilmente, fin quando una di loro, corse a cercare il medico di turno, vedendo ormai la bambina allo stremo. Sfinita. Senza più forze.
D’un tratto si afflosciò tra le loro braccia. Smise di tossire.
Temettero il peggio.
Poi, un primo colpo di tosse e al secondo – che sembrò squassarle il petto – Soccorsa sputò la cisti.
Grossa come una noce, finì tra le mani della suora, incredula.
Da quello stesso momento la sua guarigione fu completa, senza bisogno di ulteriori cure. Solo sporadici controlli per seguirne la cicatrizzazione, che avvenne in maniera altrettanto naturale e veloce.
Si gridò dapprima al miracolo, ma il responso ufficiale fu che clinicamente era possibile accadessero episodi simili, anche se di rarissima eventualità.
Maria sapeva bene dentro di sé, che così non fu. L’intera famiglia era consapevole di essere stata oggetto di un evento soprannaturale, grazie alla magnanima intercessione di Padre Pio. La donna non dimenticò il guizzo di benevolenza verso la bambina, sfuggito agli occhi del frate.
Cercarono di spiegare l’accaduto, poi finsero di accettare la diagnosi definitiva, fors’anche per il timore di essere ridicolizzati. In fondo non erano che gente comune, priva delle conoscenze e delle credenziali adatte per controbattere le tesi di professori e medici specialisti. Ma la devozione per il frate, da quel momento, fu ancora più completa e incondizionata.

Maria avrebbe sempre fatto in modo di ricordare a sua figlia la mano santa che la benedì e la miracolò: “Va’, pëccënè va’, tu në ndi’ pucchètë.”
Ogni 9 marzo per tutti gli anni a venire, madre e figlia si sarebbero recate in visita dal frate, e successivamente a pregare sulla tomba di “San Pio da Pietrelcina.”
In tutta la loro semplicità non ebbero bisogno della canonizzazione per sapere che fosse un Santo, un prescelto da Dio.


* (E perché l’hai portata qui con questo freddo? Vai piccolina, vai. Vai al caldo. Mam-ma tua è sciagurata, tu non hai peccati)



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Maria Teresa, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Maria Teresa, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Il Richiamo (Pubblicato il 16/02/2020 02:46:39 - visite: 58) »

:: Il Richiamo (Pubblicato il 15/02/2020 01:36:59 - visite: 56) »

:: Il Richiamo (Pubblicato il 15/02/2020 01:33:07 - visite: 53) »