Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 100 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri May 24 02:57:38 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Amore sorride

di Maria Musik
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 24/02/2019 07:50:35

toglievi gli occhiali

e Pesca Rosa diceva

che occhi grandi che hai!

sono una civetta. Rispondevi.

naso a naso

ruotavano le teste

una in senso orario

l’altra in antiorario

e il tuo minuscolo orologio da polso

scoccava risate argentine.

 

e venne il giorno buio.

la vista abbandonò, fedifraga

le tue perle nere.

Pesca Rosa pensava

come farai, Civetta

senza le tue amate righe misteriose?

non tolse i tomi di filosofia

dal comodino gravido di pensiero

ma li sposò a un registratore

che leggesse per te ad alta voce.

 

e venne il giorno vuoto.

Demenza, la ladra d’intelletto

cavò il terzo occhio alla Civetta

le perle nere persero la profondità

e si vide il buco lasciato dal suo dardo

al centro della fronte distesa.

Pesca Rosa cambiò nome

immergendosi nel fonte del Nulla

e scoprì che Amore sorride

sulle labbra secche degli stolti.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Maria Musik, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: In un altro mondo (Pubblicato il 17/02/2019 21:46:25 - visite: 126) »

:: Ninna Nanna (Pubblicato il 10/02/2019 17:58:34 - visite: 179) »

:: Non merito #GiornoMemoria (Pubblicato il 27/01/2019 12:13:16 - visite: 180) »

:: Tre Rose (Pubblicato il 22/12/2018 07:24:54 - visite: 145) »

:: 9 dicembre 2017 (Pubblicato il 09/12/2018 21:57:58 - visite: 138) »

:: Comunista! (Pubblicato il 29/07/2018 13:29:00 - visite: 307) »

:: Cose che si fanno nell’Equinozio d’Autunno (Pubblicato il 22/09/2017 19:47:05 - visite: 281) »

:: Rimangono solo le scarpe (Pubblicato il 14/05/2017 09:58:37 - visite: 624) »

:: Che d’è ‘n anno? (Pubblicato il 27/03/2017 21:08:55 - visite: 350) »

:: Diritto d’ossimoro (Pubblicato il 18/03/2017 13:22:17 - visite: 438) »