Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 1832 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jun 16 21:38:46 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Aforismi distratti

Poesia

Filippo Rolla
Memoranda Edizioni

Recensione di Roberto Maggiani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le recensioni scritte dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/08/2008 19:03:07

Questa raccolta di aforismi di Filippo Rolla, di soltanto 32 pagine, ha carisma. Leggendolo si ha la sensazione di buttarsi a capofitto giù per un poggio di erba fresca, scivolando si arriva in fondo d’un tratto, ci si emoziona, si ha un sussulto di leggerezza, ma finisce subito e allora si ritorna in alto e ci si rilancia, così è questo librino che si rilegge volentieri più volte. In fondo alla breve raccolta si trova, nel piego della terza di copertina, “Il manifesto della Poesia Fotografica”, dove è riportato: “La poesia fotografica nasce forse dalla volontà di render visibile e leggibile sul foglio bianco i flussi di coscienza ascoltati e percepiti dall’io…”. Un interessante punto di vista sulla poesia e sul suo legame con la fotografia, due forme d’arte che, in un certo senso, a parte la differente “strumentazione”, hanno lo stesso fine “…è il gesto istantaneo che desidera sollevare l’emozione soggettiva e trasformarla in un sentimento senza confini…”.

“Ossa / stanche / nel diluvio / dell’esistenza.”, versi brevissimi che sono lampi di poesia fine, levigata, somiglianti, per rimanere in tema, a scatti fotografici, che in frazioni di secondo rubano un mondo, lo impressionano per sempre; nelle poesie di Rolla le parole, fulminee, fotografano un contesto, una sensazione, una percezione dell’anima, ma, in un certo senso, le poesie/fotografie sono sfuocate e si mettono a fuoco soltanto nella sensibilità del lettore attento che stampa le immagini sulla carta sensibile della propria anima alla luce della propria visione del mondo: “parole / àfone / di… / discorsi / silenziosi.”

E’ pubblicato da una piccola casa editrice a cui è legata una ancora più piccola libreria chiamata “Libri Nascosti”, si trova a Ronchi di Massa-Carrara e vive di piccola editoria, una impresa non facile in un mondo editoriale commercialmente travolgente. In bocca al lupo.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »