Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 1527 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Aug 22 16:51:53 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Sinfonia n. 42

Poesia

Roberto R. Corsi (Biografia)
Nessun Editore

Recensione di Roberto Maggiani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le recensioni scritte dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/06/2011 12:00:00

Questa settimana proponiamo la lettura di una raccolta poetica che potete immediatamente scaricare gratuitamente e leggere senza continuare ulteriormente la lettura di questa segnalazione/recensione, che è comunque volutamente breve per dare spazio alla lettura diretta dei versi. Solitamente non recensiamo eBook, ma ci sembra che non sia brutta l’idea di iniziare a farlo anche nell’ottica di favorire la buona poesia al di là della barriera editoriale a stampa che spesso preclude, per misteriose motivazioni, la strada a poeti e scrittori che non abbiano capacità scalatorie o pecuniarie. Così in questo caso riconoscendo il valore di questo giovane poeta, Roberto R. Corsi, ci sembra opportuno proporre la lettura di questa sua ultima produzione scaricabile dalla seguente pagina:

 

http://robertocorsi.wordpress.com/books/sinfonia42/

 

Nella e-mail pubblicitaria, che l’autore ha inviato per informare di questa sua pubblicazione fresca fresca (giovedì 16 giugno 2011), tra l’altro si legge:

È online in formato pdf la mia ultima raccolta/plaquette (sono diciassette poesie) dal titolo Sinfonia n. 42.

Che dire? Solo che è la raccolta con cui almeno per ora, e credo per un bel po' (salve le cose che sono già in giro) esaurisco il mio dire. Se vogliamo, mi re-setto.

 

Mi ha colpito molto “esaurisco il mio dire”. Penso che, similmente a un’ultima sospesa nota di una sinfonia, ben piazzata nel gran finale, che non sospende ma anzi prolunga il dire del compositore, così questa raccolta di Corsi è in realtà il preludio a un risonare di pensieri da parte del lettore/ascoltatore. Soprattutto, partendo dalla sua esperienza di poeta, egli lascia venire a galla, usando i suoi versi come un liquido a bassa densità, una sorta di disillusione, certamente non verso la poesia ma verso il mondo che la circonda e la pratica con faciloneria e/o presunzione:

 

[…]

 

Per tutta la vita ho succhiato luce riflessa e nervi rossi,

nuvole di bugie cosi spesse da farsi architrave,

piani sequenza d'un film che non trova piu fondi.

Nessuna coniugazione nei miei giorni – eppure scrivo

e mi difendo dai professorini della poesia vera, religiosa, popolare

con la ferocia indifferente del dio Indra o del Teseo viennese,

come chi schiaccia zanzare sul muro appena imbiancato.

 

(Tratta da consiglio a un Consiglio)

 

Certo, fare poesia solo per il gusto di dirsi poeti è minima cosa, o per la vanagloria del dire per dire:

 

[…]

 

Mi residua un ambire che non sia

nudamente gettarsi nella gola

del verso, solo per poter dire

di lasciare qualcosa (a chi poi, e per quanto?)

che non sia quella ruota di pavone

che fanno certi autori per spiegare

(recintare) il concetto di poesia?

Sarò mai tra gli eletti,

io che sempre mi scanso?

 

[…]

 

(Tratta da finale. Allegro misterioso)

 

Penso che Corsi, consegnandoci questi suoi ultimi versi, ci abbia fatto un bel dono, si ha l’impressione, almeno io l’ho avuta, di uscire dalla lettura come una bella salsiccia sgrassata nell’acqua bollente e di cui rimane la parte meno evidentemente saporosa, forse, ma più sana. Egli si è tolto qualche sfizio, lanciando in varie direzioni moderati strali e garbati, onesti pensieri. Riporto per intero la poesia intitolata “Lo schiaffo”:

 

Stridiamo entro un'aria microbica di trapianti e rigetti –

tu per anagrafe e vizio calcistico di simulare,

io per tremore e ignavia. Uscirai dalla scena

come il padre di Zeno Cosini, con odio demenza e l’applauso del giusto –

o martire d’un figlio deludente comunista interista,

senza un dio senza un campanile, poeta perditempo

reddito basso, non scava non striscia non fiuta la terra il lavoro

non venera il sedile dell'auto il padrone il massone

niente spina dorsale e ovviamente niente fica

o poca squattrinata impresentabile.

 

Mentre il sonno subentra alla linfa sei ogni minuto piu conservatore,

i magistrati una setta assassina che insidia governi di latte,

maltratta te la tua famiglia che io non sono non difendo mai.

Il tempo sedimenta, semplifica i composti erode il fondotinta,

rende i giorni concorso di stimmate, ma la fine imminente

(la tua, la nostra) e da sola ovattato contrappasso, non servira a nulla

scagliare per aria specchi rotti, gia dormi in poltrona.

 

Andate a leggerlo: http://robertocorsi.wordpress.com/books/sinfonia42/

Potete anche lasciare i vostri commenti nella sua pagina, ma se volete anche qui da noi.

Buona lettura.



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Leggi altre recensioni ai libri di Roberto R. Corsi:

:: Cinquantaseicozze - Italic
(Pubblicata il 22/07/2016 12:00:00 - visite: 1388) »