:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
“Tre monologhi. Penna, Morante, Wilcock”, di Elio Pecora [collana Racconti (Teatro)]
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1246 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Dec 1 00:27:18 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Troppa nebbia

di Serenella Menichetti
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/01/2012 12:58:27



Cazzo! Come vorrei riuscire a sciogliere, questa nebbia che mi copre di grigio l'anima, questo velo terribile che nasconde e imprigiona un casino di roba.
Vorrei poterla tagliare a pezzi e farla volare in cielo insieme alle nuvole che coprono questo giorno grigio.
Tutto è grigio oggi.  Dentro e fuori.
E' fredda la mia nebbia e densa e antica.
Ogni giorno che passa, lei acquista spessore. Avvolge, comprime tutto.
Spiazza, la luce e i colori  ancora una volta, fino a farli scivolare, nel pozzo dei  tanti desideri perduti.
E' il grigio adesso che prevale. Qui è tutto offuscato. Non riesco più a trovare la strada, per incontrarti.  Ho tentato, ma ho mai imboccato il percorso giusto.
Adesso è così difficile trovarlo....
Devo cercare di trovare i lembi di questo velo malefico, prima che s'infittisca e inghiotta tutto.
Devo riuscire a sollevarlo e, cercare  una luce, un segnale, che mi indichi la via per arrivare a te.
Mi piacerebbe che tuo padre diventasse l'uomo che fotografa la nebbia.
Gli  basterebbe aprire il cassetto dove giace da tempo la macchina fotografica, dimenticata e   polverosa. Premere il bottone e scattare immagini a questo paesaggio ancora bello, ma immerso nella nebbia.
Innumerevoli click, scattati con leggerezza, con amore con  l'intenzione di comprendere quello che non si rivela ai suoi, ai nostri occhi stanchi e annebbiati. Quindi aguzzare la vista per leggere queste immagini velate, con curiosità, con entusiasmo, senza paura di scoprire, un mondo sconosciuto.
Un mondo che io vorrei conoscere da vicino per cercare il labirinto, che hai preferito ad una strada  comoda e dritta. Forse per gettarti il gomitolo come  Arianna a Teseo.
Per liberarti. Per liberarci.
Ancora sbaglio....non son capace di non porgerti il mio aiuto.
Non voglio capire.
Finalmente stamani, forse le tue parole, sono riuscite a dissipare un po' di questa nebbia. Ho  compreso che quel labirinto è stato scelto da te. Sei tu che hai voluto intraprenderlo. Perché adesso questa è per te la strada necessaria da percorrere. 
Ho capito anche che possiedi la determinazione e la motivazione che ti aiuteranno a trovare la via di uscita.
La nebbia è meno grigia adesso. Se osservo bene, intravedo dei bagliori d'argento.
Ho estratto dal cassetto la macchina fotografica, per scattare nuove immagini.
Voglio fotografare l'immagine di quella donna che la nebbia mi ha nascosto. Voglio regalarla a tuo padre.
Chissà, forse la incornicerà accanto al tuo ritratto di bambina.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Serenella Menichetti, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Serenella Menichetti, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: La ricamatrice di parole (Pubblicato il 01/02/2021 17:13:43 - visite: 145) »

:: Intervista a Curzio Malaparte (Pubblicato il 24/04/2020 19:46:59 - visite: 559) »

:: Madri (Pubblicato il 31/10/2018 12:48:50 - visite: 379) »

:: Tormentata scelta. (Pubblicato il 05/11/2016 10:48:21 - visite: 906) »

:: La Surarnite (Pubblicato il 27/06/2016 15:25:56 - visite: 694) »

:: Gli insaziabili (Pubblicato il 05/06/2016 16:34:24 - visite: 1009) »

:: Odio Amore (Pubblicato il 01/06/2016 19:24:28 - visite: 684) »

:: Solitudine (Pubblicato il 21/10/2014 14:30:24 - visite: 811) »

:: Cotto e mangiato! (Pubblicato il 14/10/2014 19:18:48 - visite: 646) »

:: Il letargo di Chiara (Pubblicato il 03/06/2014 17:43:21 - visite: 1077) »