:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Raffaela Fazio
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 459 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Apr 12 18:38:11 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Omaggio agli attori

di Piero Passaro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/03/2015 15:55:19

Molte persone sono convinte e persuase di molte cose, seppur essere convinti è tremendo. Probabilmente, è giusto credere che con più convinzioni si possa vivere meglio ; tuttavia una convinzione non è una certezza. Una convinzione può essere definita come una certezza in cui si crede senza sapere che essa è una probabile illusione. Se non si hanno convinzioni quindi, non si hanno illusioni ; analogamente se non si hanno illusioni , si è pronti ad accettare disillusioni , e infine si potrà vivere con meno sofferenze. Essere disillusi però, porta a non avere speranze, e dunque neanche positività. Il pessimismo , che nega quelle positività ,è quindi una precauzione contro il vero male: l’esistenza. Coloro che stanno bene sono coloro che sono già rassegnati, coloro che non si pongono domande. Quindi il vero ottimista è il pessimista senza speranza.

E’ lecito quindi affermare che per il vero “ottimista-pessimista” l’intera esistenza sia un tentativo di trovare senso all’esistenza stessa. Nel tempo in possesso,  possiamo solo limitare il dolore che proviamo,  e talvolta neanche quello. La vita dunque, diviene crudele e insopportabile quando non riusciamo a placare i nostri dolori ; la vita è un continuo bluffare a poker contro il caso, senza possibilità di avere mai le carte vincenti. La scelta, tuttavia è possibile, ma solo al livello del caso : diventa quasi una punizione più che una liberazione. La scelta , nel momento in cui si compie , accende indecisione e insicurezza : tutto quello che sarà fatto e tutto quello che sarà sentito, rimarrà tutto frutto delle condizioni in cui si viene alla vita.

E’ tutto così contaminato e tutto accatastato ; bisogna combattere tutta la vita per la vita, ma per cosa?

Ci si appassionerà alla lotta solo se si avrà delle convinzioni . Ma cos’è un passione? E’ un condizionamento mentale s'inculca nel momento in cui si è impressionabile, che alcuni scambiano con la propria indole innata. Sarebbe stato diverso se si nascesse in condizioni di vita diverse? La passione è una costrizione travestita da sogno; il quale sentiamo di dover avere, altrimenti si paga una vita vuota , priva di significato.

La passione e la convinzione ti salveranno dallo squallore di esistere. E’ allarmante pensare però che entrambi siano solo distrazioni.

Viviamo per qualcosa o qualcuno ma chi o cosa vive per noi?

Perché deve esistere la legge? Non dovrebbe essere automatico che chi procuri male debba sentire il male?  La legge la creano gli uomini. Se non è scontato tutto ciò ,non esistono nè bene nè male. Il male e il bene individualistico sono le uniche cose che hanno senso, che hanno il riscontro secondo la legge. Ma basare il male e il bene sulle sensazioni fisiche e mentali di un uomo, è un concetto estramente debole e non assoluto. Ogni individuo è bene e male, e il male dovrebbe essere accettato in modo lungimirante proprio come il bene, perché in assenza di un’entità soprastante che governi queste concezioni, non possiamo stabilirle noi basandoci su sistemi così obiettivi.

Perché basiamo ogni funzione della vita sulla sacralità non autentica di pezzi di carta ?

I soldi sono un elogio al caso che impera nell’esistenza : se ne si posseggono tanti  o pochi , se si viene al mondo o no… sono due metafore tanto somiglianti.

La loro indifferenza è tagliente come una sciabola : chi evita l’essenziale domanda (perchè?) evita la realtà. Tali persone sono per caso le stesse che amano vivere? Scoprirsi indifferenti a questi ragionamenti vuol dire illudersi ; ma illudersi vuol dire vivere? Forse si,  quest’illusione deriva da una ben definita convinzione : quella che esistiamo per uno scopo.

Siamo fatti per soffrire e per far soffrire a nostra volta. L’umano è inevitabilmente egoista e impaurito. Questi ultimi due aggettivi, combinati insieme, sono un gancio nel fianco dell’idealismo umanitario, della speranza e della felicità. Possiamo invitarci l’un l’altro a divenire distratti, a seguire le distrazioni anche note come amore e passione.

Perché pensiamo? Perché abbiamo lo strumento del pensiero? Un’arma che non si può controllare ne lasciare,  a doppio taglio e senza controllo. L’unico controllo del pensiero è il caso. Se sei una persona che pensa tanto o che non pensa affatto … da cosa è deciso? Cosa decide dove nasci, come cresci ? Sempre Il caso. Quindi la vita è un caso, e l’esistenza invece, una convinzione. Le uniche cose certe sono , paradossalmente, quelle che non possiamo comprendere.

 

Io vi dico a voce alta , condita da grandi urli e allo stesso tempo sussurrata flebilmente come la mia bocca fosse alle vostre orecchie :

Attaccatevi alle passioni e sappiatevi illudere bene! 

Amate e fatevi amare!

Sembra quasi una costrizione ? Fare ciò che suggerisco per sopportare tutto…

Si vive in perenne illusione : si recita. Per tale motivo sostengo che le persone più importanti dell’umanità siano gli attori, che con l’interpretare attivano l’arte della finzione, creando continue illusioni. La vita è una recita , e chi recita per lavoro vive autenticamente.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Piero Passaro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Piero Passaro, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Il prodotto audiovisivo seriale: parere non chiesto. (Pubblicato il 19/01/2018 20:54:32 - visite: 336) »

:: Questo non hai mai letto niente di Marx, Kant, Hegel e altri (Pubblicato il 07/01/2018 12:12:57 - visite: 432) »

:: Stai parlando a te stesso (parte3) (Pubblicato il 06/11/2017 23:26:20 - visite: 482) »

:: Stai parlando a te stesso (parte2) (Pubblicato il 04/11/2017 01:31:03 - visite: 353) »

:: Stai parlando a te stesso (parte1) (Pubblicato il 29/10/2017 15:31:41 - visite: 379) »

:: Questo scritto è stato acconsentito ’dall’altro’ (Pubblicato il 15/05/2016 20:59:19 - visite: 613) »

:: Qual è il modo giusto di vivere? (Pubblicato il 07/04/2015 14:54:31 - visite: 1769) »

:: Considerazioni romantiche sulla musica di Beethoven (Pubblicato il 26/03/2015 15:50:55 - visite: 660) »

:: Onsoul (Pubblicato il 08/03/2015 19:11:47 - visite: 553) »

:: Non voglio imitarti ma apprezzarti ! (Pubblicato il 08/03/2015 18:52:23 - visite: 562) »