:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 69 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jun 30 21:37:15 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Manuale della cattiveria VOL. III

di Piero Passaro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/02/2022 18:52:11

I deboli si meritano di essere deboli. I deboli si meritano i megalomani che essi stessi alimentano. La politica del trattar persona e di recar importanza ci giunge tutt'attorno dalle continue consapevolezze ed accettazioni degli altri. Un potere sovrumano. Lo stesso potere che portò Hitler a diventare un capo di stato.

E' inquietante notare come gli individui quando divengono collettività sono molto pericolosi; attivano dei processi sociali singoli che insieme generano una nuova realtà. Se si finisce dal lato sbagliato, ci sente soverchiati, ci si sente distrutti. Almeno, per tutti coloro a cui capita di far parte di quei sistemi; coloro che permetteranno sempre alle implicazioni sociali stocastiche di creare la propria vita a colui o colei che accetteranno quelle condizioni.

E' proprio grazie a questi status mutevoli e commutanti che il megalomane vince. L'uomo che doveva a tutti i costi di dimostrare di averlo lungo davanti ad ogni situazione. 

I megalomani però, se gli si pone del potere in modo incontrollato, se conquistano troppo, diventano pericolosi. E' incredibile pensare come la fatalità delle approvazioni di gruppo diano potere; supponiamo la poco bella (inteso per persona non per donna) di turno; non ce la può fare con la persona per cui spasima ed è inebriante per altri: la classica formula d'amore non corrisposto che le tragedie e i drammi e tutto ciò che di drammaturgico c'è a questo mondo ci ha insegnato e ci inculcato come archetipo. Se la persona poco bella però esegue le mosse giuste e si fa promotore di una dinamica sociale ultra-accettante e consensual-popolare allora sarà lecito per lui far tutto: arrivare all'altra persona, che potrà cedere e farsi mungere a dovere con il suo nuovo campione sociale. 
Come la natura che punge e compie il suo corso: la persona bella è ormai preda della persona che non poteva farcela; i giudici sono coloro che hanno assistito alla scena. E c'è qualcosa di sessualmente eccitante, una vera frustata di tempestosa ingordigia nell'osservare questo processo che ha la stessa naturalezza di una decomposizione. 

E' natura sociale, qualcosa di aberrante in fondo ma gestita dagli individui che hanno troppo bisogno, nelle loro alquanto inutili viti, di tali spettacoli. 

I megalomani non sono diversi dalle persone che non possono farcela; magari la loro risolutezza è più decisa e consapevole e meno frutto della casualità. 
Tuttavia i mali del mondo sono arrecati da questa branca dell'ego "occidentalizzato"; l'ego dell'uomo che è cresciuto con certi valori. 
Il megalomane che urla non è da assecondare, bisogna capire i suoi argomenti e poi affrettarsi ad ignorarlo se questi ultimi sono inconcludenti o di scarsa rilevanza. Lo consideriamo e gli attribuiamo potere in relazione ai suoi argomenti (quindi praticamente mai). 

E' un brutto costrutto della società, il megalomane, un nato brutto, o un nato male. Meglio non arrecargli potere (se non il suo analista). Se si decide in ogni caso di investire energie in questo tipo di individui vuol dire che si è deboli. Le persone deboli si meritano di essere deboli. Se avessero la consapevolezza di esserlo non lo sarebbero, o peggio ancora, assoggetterebbero altri alla debolezza. 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Piero Passaro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Piero Passaro, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Manuale della cattiveria Vol. IV - Invito alla mediocrità (Pubblicato il 16/03/2022 07:58:00 - visite: 208) »

:: Manuale della cattiveria VOL. 2 (Pubblicato il 10/12/2021 08:27:00 - visite: 134) »

:: Gli agenti del ricordo (Pubblicato il 02/11/2021 12:34:20 - visite: 118) »

:: Manuale della cattiveria VOL. I (Pubblicato il 13/10/2021 13:49:15 - visite: 134) »

:: Il prodotto audiovisivo seriale: parere non chiesto. (Pubblicato il 19/01/2018 20:54:32 - visite: 473) »

:: Questo non hai mai letto niente di Marx, Kant, Hegel e altri (Pubblicato il 07/01/2018 12:12:57 - visite: 543) »

:: Stai parlando a te stesso (parte3) (Pubblicato il 06/11/2017 23:26:20 - visite: 590) »

:: Stai parlando a te stesso (parte2) (Pubblicato il 04/11/2017 01:31:03 - visite: 968) »

:: Stai parlando a te stesso (parte1) (Pubblicato il 29/10/2017 15:31:41 - visite: 481) »

:: Questo scritto è stato acconsentito ’dall’altro’ (Pubblicato il 15/05/2016 20:59:19 - visite: 724) »