:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE CON LE NOSTRE LETTURE CONSIGLIATE
Il vuoto Ŕ pieno di poesia, articolo di Donato Di Stasi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore Ŕ soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1012 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jul 30 15:19:50 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Appunti su FragilitÓ del silenzio di Daniela Monreale

Argomento: Poesia

di Alfredo Rienzi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/09/2016 16:29:40

Alcuni appunti su Dire silenzio in Fragilità del silenzio di Daniela Monreale, Joker Ed., 2016

 

Il silenzio, sublime/ sintesi delle tre vie, è potere/ esclusivo degli déi.

A.R., da Antinomie, in Simmetrie, 2000.

 

 

 

 

 

«Resti tu, silenzio puro/ contro le inutili farse/ le sterili divagazioni/

di chi confonde l’oro/ con la patina triste/ del risorio».

 

A fronte di questi emblematici versi di Daniela Monreale (nella prima sezione, Dire silenzio, del volume, a pag. 19), il lettore potrà interrogarsi sulle motivazioni che spingono l’Autrice a rischiare la voce, la caduta dalla fune in equilibrio tra parola e «silenzio», key word dell’opera, sostegno sia del titolo della silloge che di quello della raccolta, nonché oggetto dei preziosissimi commenti di Armando Saveriano nella Postfazione (talmente esaustiva e precisa che è arduo aggiungere altro),  il quale proprio nell’evidenza della componente di fragilità ne identifica «la provvisorietà, la labilità, l’effimero». 

Cosa sostiene, quindi, la poetessa nel suo violare questo spazio rarefatto del non detto,  con la lieve tenacia del dialogo con un “tu” tanto presente quanto indefinito, «sia con il sé più profondo quanto con l’altro» (S. Montalto, nel risvolto di copertina)? Cosa opporre, nel recinto delle possibilità umane, a questa condizione pura? Daniela Monreale lo esprime con la chiarezza del suo dettato, dove lo scarto tra il movente e l’esito è minimo e consente al lettore un’adesione diretta e intima con la fonte del pensiero e del sentimento, senza dispersioni interpretative e decodificative che vadano oltre la suggestione di misurate immagini.

Una scelta pura e fragile, preziosa e “sognata” come quella del silenzio, può essere temporaneamente valicata solo da qualcosa di altrettanto elevato: «ogni pagina quotidiana/ si tingerà di sacro/ nel cono di luce/ appena necessaria» (p. 31), nel «libro che scrivo e ancora scrivo/ [«come tessuto dorato», p. 29]  quando la notte non c’è nessuno/ a soffiarmi cenere e fango» (p. 17). Sin dal testo d’apertura ammette, lucidamente: «Questo so fare e volere, scrivere come fosse/ l’ultima sillaba della mia avventura» (p.7).

Forte e inequivocabile, a fronte della «sete di verità», dell’anelito ad una «vita non posticcia,/ colma di fresca luce» (p. 9), è l’avversione - resa con voce chiara, diretta, intimamente convinta e convincente – per «la finta vita [che] procede […]/ tra retorica, gabbie e indifferenza»,  per la «finzione oscura/ che le cose/ non descrive, ma le trascina»,  per «la lunga indifferenza che seppellisce le domande», per  «l’autentico [che] digrada nell’effimero». Lo scarto tra la condizione autentica, sia essa frutto dell’indomabile parola sia del fragile silenzio, e quella effimera, eliottianamente svuotata, si dissemina di ferite («i malumori», «l’indifferenza e l’assenza», «la disperata attesa»,  «il dolore», «le paure», «la noia» e l’«insonnia») accolte a stillare amaramente, ma pronte alla speranza di una dimensione cardiaca ed altra, quella del «terzo occhio,/ quello intuisce stelle, quello che sa/ nuovamente cantare» (p. 22).

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Alfredo Rienzi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa pu˛ sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di pi¨ vai alla pagina personale dell'autore »]

Alfredo Rienzi, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Poesia ] Poeti in dieci righe: Franco Canavesio (Pubblicato il 28/11/2020 18:26:03 - visite: 205) »

:: [ Poesia ] Il coraggio di non lasciare il segno di Dario Talarico (Pubblicato il 07/11/2020 19:11:32 - visite: 261) »

:: [ Poesia ] Poeti in dieci righe: Augusto Blotto (Pubblicato il 05/10/2020 19:20:48 - visite: 179) »

:: [ Poesia ] Raffaele Piazza, Linea di poesia delle tue fragole (Pubblicato il 26/01/2020 18:11:54 - visite: 225) »

:: [ Poesia ] Incerto confine di Stefano Vitale e Albertina Bollati (Pubblicato il 25/01/2020 18:29:28 - visite: 261) »

:: [ Poesia ] I masticatori di stagnola, di Guglielmo Aprile (Pubblicato il 15/09/2019 18:50:21 - visite: 410) »

:: [ Poesia ] Poeti in dieci righe - Silvia Rosa (Pubblicato il 09/07/2019 19:35:32 - visite: 768) »

:: [ Poesia ] Artigianato sentimentale di Gabriele Borgna (Pubblicato il 24/06/2019 21:54:21 - visite: 704) »

:: [ Poesia ] Attraversamenti di Beppe Mariano (Pubblicato il 15/06/2019 23:04:31 - visite: 358) »

:: [ Poesia ] Poeti in dieci righe - Luigi Di Cesare (Pubblicato il 30/01/2018 15:55:44 - visite: 612) »