:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE CON LE NOSTRE LETTURE CONSIGLIATE
Il vuoto č pieno di poesia, articolo di Donato Di Stasi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore č soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 805 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jul 17 23:16:48 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Poeti in dieci righe: Giorgio Bārberi Squarotti

Argomento: Poesia

di Alfredo Rienzi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/03/2017 16:05:13

Poeti (di Torino) in 10 righe - 8. Giorgio BARBERI SQUAROTTI

 

vedi aggiornamento su

https://alfredorienzi.wordpress.com/2021/01/07/poeti-di-torino-in-dieci-righe-giorgio-barberi-squarotti/

 

 

 

Giorgio Bárberi Squarotti (Torino, 1929), laureatosi con G. Getto all’Università di Torino,  dove è stato Professore ordinario di Letteratura italiana moderna e contemporanea, dal 1967 al 1999; noto per l'intensa e importante opera critica, ha dedicato attenzione anche alla letteratura contemporanea, tra rigore accademico e passione militante. Imponente anche la sua produzione poetica, con una ventina di raccolte, da La voce roca, Scheiwiller, 1960, fino al recente Le ancelle della regina Mab, Nuovi fermenti, 2016.

La definizione, ricorrente, di «anche poeta», se da un lato rimarca la preminente attività di critico, tra i maggiori italiani contemporanei, non deve sminuirne la vastissima opera poetica, che ritengo meriterà presto maggiori e più sistematici studi di quelli finora ricevuti. Fin dagli esordi, in tempi di sperimentalismo, la sua scrittura si è sempre connotata per la grande attenzione formale, i rimandi colti, l’illuminante creazione di folgoranti figure, quali le fanciulle nude, proustiane jeunes filles en fleur, vestali di Storia, Verità e Natura.

 

https://it.wikipedia.org/wiki/Giorgio_B%C3%A0rberi_Squarotti

http://www.treccani.it/enciclopedia/giorgio-barberi-squarotti/

https://lapoesiaelospirito.wordpress.com/2007/11/01/poesie-giorgio-barberi-squarotti/

 

 

Gli oleandri

 

Le tre ragazze brune in corsa sulla spiaggia

verso la linea immobile del mare

alternamente verde e grigio sotto il rapido

passaggio degli stracci delle nuvole

buie di una tempesta che non è giunta fino a questo giorno

di luglio, l’acqua si richiude sopra

i corpi scuri, sull’aureola nera dei capelli,

un vento lento cancella poco a poco

le orme sulla sabbia, e forse che

una traccia vi sarebbe restata più profonda

se qui Venere fosse nata dalle spume

delle onde, o se ci fosse stato un candido palazzo

di re o il fuoco rosso sulle torri vinte

di Ilio, più alto fu forse il suono di quei popoli

antichi o i baci che si scambiavano i ragazzi

in un angolo quieto della scena

di un giorno di vacanza, al mare: risalirono

ridendo il pendio dolce della spiaggia,

un po’ scotendo l’acqua dai capelli,

un po’ tremando per il filo freddo

d’aria, nell’ora del crepuscolo,

gente passava cantando per le strade,

e auto e un amaro odore di oleandri,

e la storia che è già oltre, in un altro tempo

e in n altro luogo

 

Varigotti, 12 luglio 1985

 

da In un altro regno, Genesi, 1990, p. 43

 

 

 

L’origine del vento

 

Da dove viene il vento? Ma che importa

se da occidente, portando luci d’alba

e viaggi di nuvole istoriate

con le figure degli dei del mare

che benedicono i sudditi nudi

fra i picchi e le pianure e i rami d’aria,

o da oriente: la ragazza si fumo

sinuosa, lieve, danza oltre la cima

del campanile fiammeggiante, oltre

la voce cavernosa che ne esala

come un rantolo d’agonia o di coito;

l’angoscia è per dove andrà a morire

con l’ultimo sospiro tenebroso,

nel fresco sogno d’alberi o d’un fiume

mosso appena da brividi che scorrono

verso chi sa che oceano di pace,

o in un vuoto spiazzo: qualche palma

secca, una bugainvillea viola

appesa al nulla di se stessa, due ragazzi

si torturano, poi i capelli biondi

avvolgono lunghissimi i due corpi,

li nascondono all’ultimo sussulto

molle, un fiato così debole che ormai

non arriva a scoprire, per un attimo

almeno, l’aspra smorfia dei due volti,

se mai sia noia o il trionfo della conquistata

conoscenza del tutto.

 

Alghero-Roma, 23 luglio 1994

 

da Dal fondo del tempio, Genesi, 1999, p. 78

 

 

Quadro

 

La donna opima lievemente dorata

è distesa nell'erba luminosa

e lieve, appena scossa da un astratto

vento e celeste, tutta nuda, esposta

sinceramente, il viso mite, un poco

per pudore arrossato, gli occhi volti

in basso, come per guardarsi il corpo

per il dolce imbarazzo e anche per l'ansia

che non ci fossero esigui segni

sulla pelle perfetta: una o due gocce

di rugiada, il rapidissimo velo

di una minima foglia o il filo d'aria

turbata: intorno, per accompagnarla

con l'armonia illuminata, i colli

appena sollevati come il pube

pur rilevato e le mammelle colme,

il taglio sfumato al di là degli alberi

leggeri, verso l'annuncio immaginabile

di una morbida valle e serenata,

tre nuvole nel cielo, sul punto, rosse

come sono nella luce, di sciogliersi

o allontanarsi per lasciare libero

del tutto lo splendore maturato

della donna nella pienezza breve.

 

Venezia, 12 dicembre 2002

 

da Le Langhe e i sogni, Joker Ed. 2003, Pref. F. Pappalardo La Rosa, p. 64


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Alfredo Rienzi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa puō sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di pių vai alla pagina personale dell'autore »]

Alfredo Rienzi, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Poesia ] Poeti in dieci righe: Franco Canavesio (Pubblicato il 28/11/2020 18:26:03 - visite: 203) »

:: [ Poesia ] Il coraggio di non lasciare il segno di Dario Talarico (Pubblicato il 07/11/2020 19:11:32 - visite: 260) »

:: [ Poesia ] Poeti in dieci righe: Augusto Blotto (Pubblicato il 05/10/2020 19:20:48 - visite: 178) »

:: [ Poesia ] Raffaele Piazza, Linea di poesia delle tue fragole (Pubblicato il 26/01/2020 18:11:54 - visite: 224) »

:: [ Poesia ] Incerto confine di Stefano Vitale e Albertina Bollati (Pubblicato il 25/01/2020 18:29:28 - visite: 259) »

:: [ Poesia ] I masticatori di stagnola, di Guglielmo Aprile (Pubblicato il 15/09/2019 18:50:21 - visite: 408) »

:: [ Poesia ] Poeti in dieci righe - Silvia Rosa (Pubblicato il 09/07/2019 19:35:32 - visite: 765) »

:: [ Poesia ] Artigianato sentimentale di Gabriele Borgna (Pubblicato il 24/06/2019 21:54:21 - visite: 702) »

:: [ Poesia ] Attraversamenti di Beppe Mariano (Pubblicato il 15/06/2019 23:04:31 - visite: 357) »

:: [ Poesia ] Poeti in dieci righe - Luigi Di Cesare (Pubblicato il 30/01/2018 15:55:44 - visite: 609) »