:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
invia la tua opera in concorso (Poesia e Racconto breve)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 59 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jan 24 04:19:56 UTC+0100 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Manuale della cattiveria VOL. 2

di Piero Passaro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/12/2021 08:27:00

Eccoli la, tutti. Tutte queste persone che sono capaci di deridere gli altri ma che poi ,finiti i sorrisi, si portano dentro un'amarezza di sé stessi da gelargli il cuore. L'etichetta degli insulsi e il galateo degli autostroncati: quelli che, ridendo esteriormente poi quando tornano a casa perdono di colpo il sorriso pensando a sé stessi. Il conflitto dipende dalla loro pigrizia spesso.

Una volta provai a definire "l'estetica del debole", sono i vari individui la cui indole non permette altro che questo rapportarsi con altri individui.

È proprio vero che tutto si muove intorno a chi decide: sono le persone con il potere nei contesti che pongono le basi dell'autodefinizione di sé.

L'egoismo trasale dai poveri imbecilli che non sanno applicarlo. Chi venera e non pratica è un disperso di sé stesso; inebetente su chi è davvero e cosa prova.

Magari pensa di avere un totem e invece non ha (il "non ha" a termine del periodo è voluto, si chiama "si, espongo uno stile anche se voi piccoli Moravia "mancati" - rifugiati nell'insegnamento perché privi di talento

- mi potreste dire qualcosa a proposito").

 

Ma suvvia andiamo avanti! Andiamo avanti con la descrizione di questi personaggi totem-dipendenti che non solo convivono con stocastici momenti di lucidità, in cui sono pervasi dal raggiungimento della consapevolezza di essere per natura destinati all'assoggettazione dei loro totem ma, in un' estetica del debole, pongono chi chiunque diverso dal loro totem solo materia informe, comunemente detta merda.

Infondo devo ammettere che hanno la coerenza dalla loro: quando il totem se ne va, perché si è saziato , si alza e se ne va come un maiale imbavagliato ad un banchetto, il debole lo accetta non cambia idea a riguardo sul suo totem e spesso prima di ogni cosa piange e basta. Lacrime intrise di convinzione che chi non è totem-based non è degno di essere menzionato. Ah, le convinzioni ostili dei deboli mostrate dalle lacrime sono la quinta essenza di ciò che si potrebbe definire disgusto.

Un disgusto talmente frastornante che nella sua estrema radicalità diviene quasi sessualmente attraente.

"La convinzione estrema è peggio della pazzia" ...e fa arrapare, dunque.

L'estetica del debole e del disgusto.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Piero Passaro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Piero Passaro, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Gli agenti del ricordo (Pubblicato il 02/11/2021 12:34:20 - visite: 68) »

:: Manuale della cattiveria VOL. I (Pubblicato il 13/10/2021 13:49:15 - visite: 75) »

:: Il prodotto audiovisivo seriale: parere non chiesto. (Pubblicato il 19/01/2018 20:54:32 - visite: 433) »

:: Questo non hai mai letto niente di Marx, Kant, Hegel e altri (Pubblicato il 07/01/2018 12:12:57 - visite: 504) »

:: Stai parlando a te stesso (parte3) (Pubblicato il 06/11/2017 23:26:20 - visite: 549) »

:: Stai parlando a te stesso (parte2) (Pubblicato il 04/11/2017 01:31:03 - visite: 444) »

:: Stai parlando a te stesso (parte1) (Pubblicato il 29/10/2017 15:31:41 - visite: 439) »

:: Questo scritto è stato acconsentito ’dall’altro’ (Pubblicato il 15/05/2016 20:59:19 - visite: 688) »

:: Qual è il modo giusto di vivere? (Pubblicato il 07/04/2015 14:54:31 - visite: 1876) »

:: Considerazioni romantiche sulla musica di Beethoven (Pubblicato il 26/03/2015 15:50:55 - visite: 722) »