:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 107 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Oct 2 00:33:50 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Claudio Salvi ‘una presenza assordante’ “Sequenze”, Anterem.

Argomento: Poesia

di Giorgio Mancinelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/09/2022 17:17:46



Claudio Salvi ... ‘una presenza assordante’
“Sequenze”, silloge poetica edita da Anterem Edizioni 2022

In primis c’è la pagina bianca appena ombrata dalla mano che scrive, un fil di penna sottile, quindi l’inchiostro che non macchia, che non lascia sbavatura alcuna, che non allude ad alcun colore, quasi assente nella sua infinitesima corposità, e che pur traspare la presenza di un pensiero latente che si posa – quasi per caso – sulla superficie. “Quasi emergesse dal fondo di una purificazione”, scrive Giorgio Bonacini nella sua post-fazione, alla cui nota va aggiunta un’altra riflessione che espone l’autore, Claudio Salvi, ad una cercata assenza/presenza assordante …
“e non sapere / senza parole / […] adesso so che / parola preme non dire”
Se la parola ha un senso, se diamo ad ogni parola un senso, siamo qui messi di fronte a una parola mancante, che l’autore non dice, che non ha bisogno di dire, frutto di una sorta di melanconia sopraggiunta, albeggiata dietro un amore perduto (?) o, forse un sentimento non appagato (?) chiuso su se stesso, devitalizzato dall’esperienza di un vissuto che preme da lontano …
“preme lontano da lontano / parola / preme basta – / parole suono / mano”
Quella mano che un giorno ha incominciato a scrivere sulla pagina bianca, riproponendosi in un gesto onomatopeico, imitativo di un pensiero che ritorna, e che “preme, fa premura” in costante attesa “come se fosse vedi / per ricordo”. Ma i ricordi si sa vengono dal passato e raggiungono il presente, giammai sono proiettati nel futuro, per quanto entrino in noi in forma di corrispondenze, di configurazioni, di possibilità …
“non ti vedo e vorrei / mancano le cose viste insieme, ti chiedo di aspettare”
Ha dello straordinario il ‘senso’ che si dà alle parole quandanche isolate non sembrano voler dire nulla, quandanche il nulla di per sé non esista, esiste il vuoto dei pensieri, della mente riposta, della freudiana memoria inconscia, “non so quando chiami mi giro come se abitassimo insieme” …
“intanto che aspetto guardo la finestra, i nuvoli hanno forma come da noi in estate”. […] “sono una macchina di parole”.
Siamo macchine di parole fin troppo spesso buttate giù alla rinfusa da apparire senza senso, quando invece un ‘senso’ ce l’anno, lo devono avere, sempre. Claudio Salvi non è poeta che si espone alla rinfusa ma l’altra faccia della melancolia idealizzata, l’auto-rimprovero di sensi di colpa, caratterizzato dalla presenza/assenza che l’ha condotto a scrivere in forma poetica, nel modo che più si addice a un potenziale narratore che ‘frammenta’ le frasi, che ‘aggira’ gli ostacoli della lingua scritta per dare figurazione ai vuoti (nella pagina) che non si riempiranno mai …
“aggira l’ostacolo, ogni deviazione descrive un segmento, è analisi di figura a proposito di frammento, ogni segmento […] disegna una linea, non colma la distanza”
Vuoti che dicono, vuoti di parole omesse, dimesse dal senso, che non parlano, che nell’assenza della sottomissione, lasciano percepire la presenza assordante della propria voce, di colui che nell’assenza riempie il vuoto di parole, di un soggetto ideale più probabile di una presenza, idealizzazione essenziale di una reazione alla mancanza di una separazione affettiva: “chi ama indica una preferenza” …
“dal buio non metto insieme chiarezza, io penso se guardo una finestra che vedono dentro”
Nel cercare una definizione poetica che rispecchi il pensiero significante di Claudio Salvi va fatta distinzione, fra parola e pensiero, fra senso e sentimento, che spieghi un perché, pur nell’ottica di una possibile contraddizione: l’aver dato voce all’”altro incommensurabile” che è in ognuno di noi, che ci accomuna tutti nel prescindere da ciò che non capiamo, che non vogliamo intendere perché scomodo, o forse solo complicato, se non addirittura pesante …
“si parlerà d’altro senza fine finché / non può essere data se non per ciò che dà”
Come voler cercare un pretesto, o forse una ragione, una qualche risposta agli interrogativi della vita, quella stessa che si era detto: “albeggiata dietro un amore perduto (?) o, forse un sentimento non appagato (?), un pretesto dunque …
“pretesto – ragione apparente di cui ti servi per nascondere un disegno”
Allorché la pagina si apre e ci si accorge ch’è rimasta bianca, appena ombrata dalla mano che scrive, un fil di penna sottile, d’inchiostro che non macchia, che non lascia sbavatura alcuna, che non allude ad alcun colore, quasi assente nella sua infinitesima corposità, ma che pur traspare alla presenza di un pensiero latente che si posa – quasi per caso – sulla superficie …
“non ancora educato segna la casa di numeri, la musica non è che un abito della matematica”.

L’Autore.
Claudio Salvi milanese scrive. È questa la cosa che mi sembra più importante in questo momento in cui nessuno legge, onde lasciare un ‘segno’ della propria esistenza, della propria esperienza di vita.
Sue pubblicazioni inoltre:
gammm.org
nazioneindiana.com
vibrisse.wordpress.com
leparoleelecose.it
il cucchiaio nellorechio.it



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giorgio Mancinelli, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giorgio Mancinelli, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Alimentazione ] Davide Racca … o l’orizzonte liquido del mare interiore. (Pubblicato il 27/09/2022 17:52:47 - visite: 36) »

:: [ Alimentazione ] A tutto Jazz e Altro - Giornata Mondiale della Musica 2022 (Pubblicato il 18/06/2022 16:59:45 - visite: 298) »

:: [ Società ] Bla, bla, bla … quando sono tanti galli a cantar... (Pubblicato il 13/06/2022 11:30:24 - visite: 125) »

:: [ Libri ] Allì Caracciolo, ’Blood’ - Anterem Edizioni 2022 (Pubblicato il 11/06/2022 19:08:38 - visite: 186) »

:: [ Musica ] I ‘frenetici’ anni ’50/’60. Vintage revival (seconda parte) (Pubblicato il 06/06/2022 11:22:47 - visite: 229) »

:: [ Musica ] Ritornano i ‘frenetici’ anni ’50 / ’60. (Pubblicato il 03/06/2022 16:28:22 - visite: 190) »

:: [ Cinema ] Cannes 2022 in coop. con Cineuropa News (Pubblicato il 30/05/2022 09:32:09 - visite: 221) »

:: [ Cinema ] Bla, bla, bla...a Cannes 2022 c’è più guerra che in Ucraina (Pubblicato il 22/05/2022 07:02:43 - visite: 111) »

:: [ Musica ] Franco Battiato ...verso l’assoluto di mondi lontanissimi (Pubblicato il 18/05/2022 10:11:15 - visite: 233) »

:: [ Cinema ] Cannes in coop. con Cineuropa News (Pubblicato il 18/05/2022 09:02:31 - visite: 172) »