:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: le interviste agli autori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1166 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jun 7 03:52:47 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Apri Le Braccia E Corri

di Domenico De Ferraro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 24/04/2010 14:04:54


APRI LE BRACCIA E CORRI



Apri le braccia e corri incontro al vento che mite soffia tra i rami degli alberi
in fiore. L’inverno ci ha lasciati con mille dubbi con un terribile dolore chiuso
nel petto ,palpitante al suono delle note che giulive, ballano spensierata nell’aria d’aprile. Giunta la mite stagione , l’animo s’incanta ad ammirare i colorati passaggi, leggiadre voci , nel vento ritornano. Perduto nel mito l’ombre della sera ,strisciando vengono , ingorde ossessive si radunano aggressive nell’ore plagiando l’amore d’un tempo addietro e immemori sono i momenti trascorsi inseguendo
i propri ricordi . Un grido che s’ode in mezzo alle strade , dove passano le auto , dove i passanti tirano diritto senza guardarti negli occhi , un orda di barbari barbuti sull’onda di soavi melodie approdano in questo antico porto , dove affonda lentamente questa nave carica di speranza. E con essa la storia che ha generato ogni cosa ,ogni lotta , ogni sforzo ora sepolto sotto un mucchio di terra senza un nome , senza onore . Dorme sull’alture del Golgota , ai piedi d’un monte tenebroso , sulle pendici innevate ove i stambecchi saltano felici rincorrendosi nel silenzio.
Dorme sognando un mondo migliore, meno inquinato ,senza ladri o assassini.
Dorme ai piedi d’una croce , nel sorriso che culla i fanciulli vestiti di rosa e d’azzurro che escono di scuola gridando, che salgono gioiosi nelle macchine dei loro genitori. Breve pomeriggio ove si consuma questa passione , questo delirio di frasi senza metro , messe ad asciugare fuori al balcone insieme a vecchi indumenti bagnati . Un raggio di sole che penetra attraverso fitte oscure nubi a illuminare i tetti delle povere case ,delle chiese , dei palazzi , dei castelli pendenti sui colli dormenti . Muore e rinasce ogni cosa nello spirito della resurrezione ,nel sogno di nuove generazioni di corsa verso nuovi traguardi .
Alla ricerca d’una pace ,d’una breve illusione ,d’una dolce canzone , di un qualcosa che ti renda felice , senza continuare a sentire dentro di sé questa ipocondria , tornare ad essere spensierato come un tempo abbandonarsi in mezzo alla folla, ire perduto e contento con i libri sotto il braccio come si faceva da studente . Guardare curioso le vetrine e le belle donne , la gente che viene da lontani paesi . Che cammina e sorride con te , tre metri sopra al cielo e pare non aver paura di questa strana storia che bussa forte , fuori alla porta e vuole entrare ad ogni costo a raccontarti della sua vita , del suo mistero.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Domenico De Ferraro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Domenico De Ferraro, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Tre Canzoni Per Te (Pubblicato il 22/03/2020 15:55:37 - visite: 207) »

:: Mater Matuta (Pubblicato il 12/05/2019 18:06:14 - visite: 214) »

:: Fantarime Di Aprile Dolce Dormire (Pubblicato il 28/04/2019 18:23:30 - visite: 161) »

:: Il Senso Di Un Canto Di Aprile (Pubblicato il 17/04/2019 17:14:31 - visite: 201) »

:: Canto Funebre Di Carnevale (Pubblicato il 05/03/2019 18:54:30 - visite: 448) »

:: Ditirambo D’una Notte D’inverno (Pubblicato il 20/01/2019 19:19:07 - visite: 243) »

:: Primo Canto Di Gennaio (Pubblicato il 04/01/2019 14:20:11 - visite: 267) »

:: Verso Un Nuovo Anno (Pubblicato il 31/12/2018 19:45:54 - visite: 283) »

:: L’ode Dell’Altro Mondo (Pubblicato il 07/12/2018 22:06:45 - visite: 314) »

:: Canto Dei Goti (Pubblicato il 11/11/2018 19:50:10 - visite: 239) »