:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: le interviste agli autori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 52 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jun 21 08:55:36 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Era un vecchio cane

di Vincenzo Corsaro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/06/2021 19:14:48

Era un vecchio cane dal pelo bianco,

la sua età corrispondeva circa ai nostri sessanta anni,

ma nell'animo era ancora un cucciolo,

con la ritrovata voglia di vivere,

perché amava la sua padrona e avrebbe dato la vita per lei.

Quest'ultima,

una signora di mezza età, bassina e neanche magra, con capelli e occhi neri,

una mattina di mezza estate scese in cortile col suo gatto fra le braccia,

non vide il cane e se ne meravigliò,

provò a chiamarlo, ma niente.

Un'ombra attraversò il suo viso, era abituata a trovarlo sempre ad aspettarla.

Notò che il vicino la osservava, allora gli chiese:

"Ha visto per caso Vincente?"

"Si, l'ho visto stamattina uscire dal cortile"

"Coosa?, ma non l'ha mai fatto, può essere in pericolo là fuori,

può finire sotto un'auto o in un burrone."

"Oh non credo, sa badare a se stesso."

"Ma perché l'ha fatto?"

"Credo di saperlo, è bastato guardarci negli occhi,

e penso che non le piacerà sentirselo dire."

"Voglio che me lo dica lo stesso!"

"Bene allora, Ricordo ancora quando, quasi un anno fa,

solo e sperduto lo accolse con amore

prendendosi cura di lui come un essere umano,

dandogli tutto l'amore di cui era capace.

Passava tanto del suo tempo con lui,

gli ha insegnato tante cose, rendendolo degno della sua razza,

proprio per questo scelse quel nome: "Vincente".

Quanti giochi facevate, quanti sorrisi,

gli parlava tanto e lui l'ascoltava con devozione,

come se capisse ciò che gli diceva,

era rinato a nuova vita.

Poi,

piano piano, ha cominciato ad allontanarsi da lui,

giochi e sorrisi si sono diradati,

le parole si sono tramutate in silenzi,

vi erano giorni che non si faceva vedere e sentire neanche,

era diventato quasi invisibile, un peso,

un qualcosa di cui si poteva fare a meno.

Oh certo, le sue famose occupazioni,

le sue cose "personali", o piuttosto non era una fuga la sua?

Ma nonostante tutto, lui era sempre lì ad aspettarla,

tutto il giorno davanti alla porta o sotto la terrazza,

con le orecchie tese come a voler rubare al silenzio anche solo una sua parola.

Ho visto il suo sguardo spegnersi pian piano,

lo vedevo guardare l'uscita del cortile,

ma subito si girava, con un'espressione di speranza negli occhi,

per vedere se lei arrivava,

e credo di aver visto anche delle lacrime scendere dai suoi occhi.

Negli ultimi giorni il suo vuoto sguardo era sempre diretto verso l'uscita,

finché l'ha imboccata.

So dov'è andato,

è andato a cercarsi un angolo dove dovrà solo aspettare che la sua misera esistenza abbia fine."

"Io vado a cercarlo."

"No, glielo impedirò se ha intenzione di continuare a trattarlo come adesso,

sarebbe troppo atroce illuderlo ancora, non può spingersi fino a tanto.

Che le piaccia o no, anche lui ha un'anima e prova emozioni come noi.

Se lo andrà a cercare, dovrà prendersi cura di lui come non mai,

dovrà dimostrargli quanto amore ha per lui,

come lui ne avrà per lei fino al suo ultimo respiro,

è per amor suo che ha deciso di andar via,

proprio perché la ama a tal punto che ha deciso di liberarla di quell'inutile peso che era diventato.

Si tenga ben stretto il suo gatto, almeno lui.

La saluto signora De Curtis."


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Vincenzo Corsaro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Vincenzo Corsaro, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Fuga dall’inferno (Pubblicato il 26/01/2021 18:35:38 - visite: 116) »

:: Il giardino non (1973) (Pubblicato il 22/01/2021 17:46:30 - visite: 75) »