:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 L'età della rovina a Lecce il 9 febbraio 2023
🖋 Rethorica novissima a Roma il 10 febbraio 2023
🖋 Le rovinose a Firenze il 10 febbraio 2023
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 34 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Feb 6 05:07:15 UTC+0100 2023
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

I Ponti di Madison County

di Martin Palmadessa
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/01/2023 15:01:38

L'Arte del dire troppo non è cosa da tutti. 

E quello di scrivere ancora meno.

Ci vuole del gran talento e pure smisurato.

Ma senti che cazzo dici? 

Ma hai letto quello che scrivi?

Ogni parola lasciata in eredità traccia solchi profondi, difficili

da colmare.

È una responsabilità, spesso sottovalutata.

Non ci sarà mai nulla di paragonabile, divina saetta nel cuore.

Invano. 

Tutto inutile, se non l'avere reso irrecuperabile un tocco.

Si lasciano cadaveri di anime

perdute nuvole di vite mai vissute per davvero

sul percorso del tempo.

Tutto con una consapevolezza viscerale.

Ma a chi riguarda? 

A chi davvero sa e tace.

Tace il non essere cosa buona e giusta, ma resta...

e di grazia plena.

Aborto.

Vite perse, uccise, per dare l'alito di un respiro ad altre

che pure interessano il giusto.

Soffrire per non far soffrire

si soffre comunque

si soffre e basta.

Ma soffrendo forse si darebbe un senso a tutta questa ipocrisia.

E allora soffriamo dai.

Già, per dare un motivo a ciò che non ne ha.

Un titolo, un senso di colpa o il dovere, valgono

più di un sentimento vero

più della verità di una carezza

della consapevolezza

di sé stessi.

Stai lì.... forse è davvero il tuo posto.

Chi può tenere al guinzaglio un'Anima irrequieta? 

Chi riesce a bendare la sua passione

senza preoccuparsi nemmeno per un attimo

che ce ne possa essere abbastanza

da poterla condividere al mondo. 

No, nessuno può accedere. 

La meraviglia è che non può funzionare

per sempre. 

Ci si dovrà fare i conti.

Arriva tranquillo, arriva per tutti.

È come voler fermare una reazione a catena...impossibile.

Non si ha più voglia di vedere la felicità altrui

se prima non è stato appagato il proprio ego.

Si continua a fare i soprammobili ...

IO vivo e decido IO dove stare.

Il rischio non è per tutti. 

La confort-zone è pantano.

Chi si accontenta muore.

E allora muori.

Accontentati.

Bravo predicatore e mediocre razzolatore.

Coerente però, almeno una volta. 

Insulto vero. Vita fasulla.

Vivila allora questa farsa e auto insultati senza fine.

Anzi la fine l'hai tracciata tu.

Questa volta…

 

Non c'è niente di più viscido dell'omertà.

 

©Martin Palmadessa

 

(Da "L'AMORE E' UNA GUERRA", Maggio 2021, Edizioni Setteponti)


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Martin Palmadessa, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Martin Palmadessa, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Vorrei invecchiare con te (Pubblicato il 07/06/2022 15:46:17 - visite: 255) »

:: Luna Park (Pubblicato il 14/10/2021 15:38:17 - visite: 177) »

:: Si scrive così (Pubblicato il 05/05/2021 11:29:25 - visite: 169) »

:: Ti ho baciata di blu (Pubblicato il 12/04/2021 14:26:57 - visite: 354) »

:: La nevicata del ciliegio (Pubblicato il 02/04/2021 16:51:24 - visite: 220) »