:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 446 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jun 21 10:14:49 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Paradosso Relativo

di Martin Palmadessa
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 19/05/2023 11:47:24

Pensavo al fatto che si dica sempre che bisogna unire le forze per produrre di più, che da soli non si va lontano, mentre in due si produce per tre e ci si fa forza a vicenda. Dunque si fanno riunioni di cervelli, si creano team che fanno brainstorming per arrivare al concetto che “l’unione fa la forza”. Per protestare bisogna essere in tanti, in più si è e più sembra avere potenza. Si dovrebbe ottenere più ascolto. In teoria.

A meno che non si voglia fare la rivoluzione armata o la guerra, i numeri contano, a parità di armi. Eppure Dario è capitolato di fronte ad Alessandro con un esercito triplo del suo.

Ora mi viene in mente il buon Einstein.

Che mi lascia di stucco con la sua Teoria.

Sembra quasi dire l’opposto: dividersi per moltiplicare la potenza. E Santo Dio la reazione a catena derivata dalla divisione e non dall’unione la conosciamo tutti.

L’accelerazione che provoca il disgregarsi a catena fa impallidire il sole.

Forse allora si deve giocare con le parole.

Unire un team di ricercatori o un gruppo di persone con competenze specifiche differenti certamente porta a raggiungere un risultato preciso. Se tutti avessero le stesse competenze sarebbe meglio farli lavorare divisi. Ci sarebbero molte e diverse visioni di strade di come arrivare all’obiettivo.

Ora l’esempio calza perfettamente, secondo me, su una potenza ancora più folgorante della bomba atomica: l’Amore.

Su di Lui è stato scritto di tutto fin dai Babilonesi. Come fosse la più straordinaria magnificenza buona e potente dell’universo. Dolce, tenero, colorato, felice, ispiratore di carezze e passioni, poemi... e guerre.

Ora il paradosso è sempre lì.

L’Amore è il più spietato sterminatore di coscienze, pilastri, destini e certezze come niente altro. Per Amore si mente, si uccide, ci si stravolge la vita, ci si suicida, si fanno cose sconsiderate, si sovvertono poteri accertati, si fanno le rivoluzioni.

Ogni Amore, per nascere, deve prima dividere qualcosa di precedente.

La crudeltà di quel sentimento non ha paragoni, non ti guarda in faccia, si nutre di ciò che aveva creato prima in una continua reazione a catena che non ha fine. 

Ognuno di quei ricercatori del team ne ha avuto almeno uno di Amori, forse di più, eppure non si mettono a cercare insieme cosa è e che obiettivo ha. Non c’è l’obiettivo. Non si condivide niente di ciò che ritieni tuo, no. Lo condividi con la compagna. Punto, fine della reazione a catena.

La potenza si limita a due Esseri.

Ma poi, all’improvviso, un’equazione improvvisa e sbagliata ti fa rifare i calcoli.

E, per quanto tu sia preparato in specificità tue, non ti servono a niente.

Sei fottuto. E cercherai il modo di risolvere quel “problema” che però come risultato ti darà sempre un otto rovesciato o “impossibile”.

Oh sì, certo che lo troverai il modo, ma dovrai minare tutto il resto. E se la fusione è iniziata non tornerai indietro.

È iniziata la scissione e moltiplicazione degli atomi, e la cosa drammatica è che vanno tutti nella stessa direzione. Divisi ma nella stessa direzione.

Sarà che Albert avesse ragione... divisi per moltiplicare la potenza. E=MC2.

Se non è un cazzo di paradosso questo.

Ma guarda la tua vita e quella di chiunque e vedi se non ha ragione lui.

 

©Martin Palmadessa - 10 Febbraio 2020 

 

* 4° Classificato e Menzione d' Onore

I Concorso

"IL GRANDE SORPASSO", Sezione Giornalismo.

(Montesilvano, Pescara, 22 Aprile 2023),

 

Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

LIBRI DI MARTIN 

  

Tanta roba di me 

(Silloge poetica, Aletti Editore, 26 Febbraio 2021)

https://www.larecherche.it/testo.asp?Tabella=Articolo&Id=3266

 

L'Amore è una guerra

https://www.larecherche.it/testo.asp?Id=3290&Tabella=Articolo

(Silloge poetica, Edizioni Setteponti, 26 Novembre 2021)

 

Il Successo 

(Saggio di Economia Motivazionale, Edizioni Setteponti, 26 Agosto 2021)

https://www.larecherche.it/testo.asp?Id=3276&Tabella=Articolo

 

Gocce di sangue blu sotto al ciliegio viste dalla balaustra del mio giardino 

(Silloge poetica, Edizioni Setteponti, 26 Novembre 2021)

 

Tsunami 

(Silloge poetica, Edizioni Setteponti, 26 Maggio 2022)

 

La Teoria delle lucertole 

(Saggio di filosofia, Edizioni Setteponti, 26 Febbraio 2023) 

https://www.larecherche.it/testo.asp?Id=3283&Tabella=Articolo

 

 

Aggiornamento dettagli principali:

Imola, 22 Febbraio 2024

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Martin Palmadessa, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Martin Palmadessa, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: L’Amore è una guerra (Pubblicato il 08/02/2024 15:02:32 - visite: 291) »

:: Viaggio di un secondo (Pubblicato il 30/01/2024 02:22:11 - visite: 484) »

:: Sognare non è gratis (Pubblicato il 23/12/2023 17:23:18 - visite: 231) »

:: Magellano (Pubblicato il 16/10/2023 19:57:33 - visite: 382) »

:: Esistenze dimezzate (Pubblicato il 06/10/2023 14:56:03 - visite: 407) »

:: Lo scrittore (Pubblicato il 22/08/2023 16:03:05 - visite: 361) »

:: Sto tornando - Prosa in 100 parole (Pubblicato il 08/08/2023 03:13:46 - visite: 339) »

:: L’abbraccio della notte (Pubblicato il 15/06/2023 10:45:10 - visite: 661) »

:: 8 Marzo 2023 (Pubblicato il 08/03/2023 14:34:41 - visite: 229) »

:: I Ponti di Madison County (Pubblicato il 10/01/2023 15:01:38 - visite: 187) »