:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Il giardino di Sophia (Roma, 05/12/2022)
🖋 Benedetta Berio intervista a Il ramo e la foglia edizioni
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 53 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Nov 30 18:25:04 UTC+0100 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il cuore grande del mare

di Luca Gamberini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 23/11/2022 16:52:29

Oggi il mare ha portato a riva

una cagnolina morta.

L'ho percepita femmina

dalla dolcezza dei suoi interi resti.

Ho pensato molto sul da farsi.

Ho chiesto aiuto alle mie lacrime

mentre la accarezzavo, la mia poca

mobilità è diventata un impaccio

grande per queste cose, mi ha preso

una disperazione angelica, tipica

dell'incapace, sono andato a cercare

dei bastoni. Avrei voluto costruire

una barella, di più inutile solamente

il mio pensiero. Ho camminato

qualche metro sulla mite sabbia

senza trovare nulla di valevole.

Sconsolato, sono ritornato sui miei

incerti passi, un'onda se l'era ripresa.

Mi sono sentito sollevato, vederla

tra le braccia del mare mi ha ricordato

quando, bambino, mi lasciavo cullare

in braccio a mia madre. Tutto ha una fine

che non finisce se la morte sa essere dolce.

 

da: LO SGUARDO DELUSO DEGLI SPECCHI

dal I° dicembre in farmacia


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Luca Gamberini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Luca Gamberini, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Ottobre (Pubblicato il 10/11/2022 17:17:20 - visite: 60) »

:: Subordinazione (Pubblicato il 13/10/2022 11:45:45 - visite: 78) »

:: Eternità (Pubblicato il 09/03/2021 16:58:38 - visite: 490) »

:: Barbàglio (Pubblicato il 21/07/2020 16:53:53 - visite: 716) »

:: Vestigia (Pubblicato il 15/03/2018 20:01:58 - visite: 1341) »

:: Precipitazione chimica (Pubblicato il 16/02/2018 19:32:46 - visite: 1187) »

:: Via Emilia (Pubblicato il 21/08/2017 17:50:41 - visite: 1184) »

:: Bambino (Pubblicato il 16/03/2017 18:29:53 - visite: 1167) »

:: Solo (Pubblicato il 02/01/2017 17:56:58 - visite: 1231) »