:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 85 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Oct 1 22:35:23 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La visita

di Alessandro Carnier
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 04/08/2022 15:16:31

La visita
 
Era una splendida giornata di sole, e decisi di accettare l'invito di un mio amico pittore che viveva isolato in campagna.
Una volta parcheggiata l'auto nel cortile della casa di Glauco, una ex fattoria parzialmente ristrutturata, sentii la sua voce roca, era un accanito fumatore di sigari toscani.
Come al solito mi accolse con un forte abbraccio.
“Vieni dentro, c'è del caffè caldo... un po' bruciato, ma basta mescolarlo con dello zucchero di canapa è sarà buonissimo.”
“Sono sicuro che in questo luogo idilliaco staremo beatamente tranquilli.” Finita la frase con un tono ironico, cercai un posto a sedere su un lembo del divano libero da scartoffie.
“Scherza quanto vuoi, ma a me è accaduta un'esperienza che ha dell'incredibile.”
“Che vuoi dire Glauco?”
“Parecchi giorni fa, la mia amica poetessa Gina Versi portandosi dietro una medium è venuta a trovarmi, e appena entrata in casa la medium ha avuto una sensazione angosciante.”
“Sì. Che intendi dire? Casa tua è sempre stata un'oasi serena.”
“Ascolta, appena varcata la porta, si è arrestata di scatto, e si è guardata in giro con un'aria seria, poi mi ha detto che in questa casa era morto qualcuno, di morte violenta. Così… di colpo, sono rimasto senza parole, perplesso, e poi le ho risposto: qui, che io ricordi, è morta mia nonna... Maria, aveva cresciuto già tutti i suoi figli, che poi si erano sparsi per il mondo. Ma si era trattato di una morte serena, naturale. Si era spenta addormentandosi sulla sua poltrona preferita. La medium è rimasta in silenzio, e poi ha aggiunto: allora dev'esserci stato qualcos'altro... parecchio tempo fa.. perché qua... si tratta di una morte violenta. Io invece mi sono sempre trovato benissimo qua, anche da solo, con le finestre aperte, cioè: era casa mia. E vabbè... Nò, qui ho una sensazione di morte violenta, ripete, poi mi ha chiesto una candela, è salita le scale che portano di sopra. Qui è stata uccisa una ragazza di 16 anni, che era incinta, dal padrone di casa.”
“Addirittura un omicidio.” Il racconto di Glauco si faceva interessante.
“Dev'essere stato angosciante immaginare che nella propria abitazione sia avvenuto un fatto di sangue.”
“Infatti restai pietrificato... non sapevo neanche che domande fare.”
“Ma gli hai chiesto come faceva a sentire?”
“No Mauro. Poi ha disceso le scale, è uscita in cortile e si è fermata laggiù, su quel lato della casa, e dice: è stata sepolta qui, e mi ha detto anche il suo nome, Emma.”
“Diavolo!” Esclamai.
Poi Glauco continuò: “Emma... è una ragazza giovane, perché ha le sottane corte... si.”
“Quindi lei la vedeva?”
“Sì, poi la medium ha indicato un punto per terra. E qui, io vedo una cosa bassa... colpi di martello... La casa è sempre stata così, e allora sai ho cominciato a dubitare. E poi se ne sono andate, dovevano rientrare.”
“Però, si riferiva ad un'epoca precisa?” 
“Di certo non a questi ultimi cinquant'anni. Perché poi ricordai che qui all'inizio del secolo c'era un'osteria. Cento anni fa, forse l'unica del paese. Allora poi ho riflettuto. Lei vedeva una cosa bassa, perchè… indicò anche il punto esatto, da quella parte. Di là, vicino alla tettoia c'era il vecchio porcile. Sai, era una costruzione bassa, di legno e mattoni. Allora per una questione di rispetto, io non è che abbia voluto andare lì, dove mi aveva indicato la medium, per scavare e magari verificare se c'erano delle ossa. Però pensando intensamente a questa triste vicenda. Io ho detto: Guarda, se tu vuoi essere sepolta con le tue ossa dove riposa mia madre, senz'altro lei ti riceve. Perché, o credi o non credi, ma nel dubbio tu devi tenere aperta questa ipotesi, no? E allora ho aggiunto, come per parlare con questa povera giovane sventurata, guarda: se tu vuoi restare qui a casa mia… qui dove sei… io ne sono felice, è come se tu fossi mia figlia. Se vuoi invece avere una sepoltura cristiana, fammi un segno, in qualche modo che io capisca, che invece, devo togliere le ossa da qua, e portarle in cimitero.”
“Ma questa ragazza era stata uccisa, secondo lei dal padrone?”
“Sì, uccisa dal padrone dell'osteria, che voleva nascondere la gravidanza. La medium mi disse che così gli aveva detto la giovane in una visione. Probabilmente l'oste, sposato e con famiglia, voleva evitare lo scandalo in paese. La medium mi disse che in un'altra visione, aveva visto l'oste colpire la ragazza con una specie di martello al capo.”
“Si, è una storia che sta in piedi. L'oste ha approfittato di lei, e ha sedotto Emma, poi quando ha saputo che era rimasta incinta, si è liberato di lei in quel modo, magari con la complicità di qualcuno. Emma forse era un'orfana, e nessuno si è curato della sua scomparsa.”
“Già, Mauro. Potrebbe essere andata anche così... la medium non ha più voluto venire qui. La mia amica Gina, mi ha detto che era rimasta molto provata da questa esperienza.”
Si era fatto tardi, e dopo aver pranzato, io salì le scale al piano sopraelevato e sistemate le mie cose, mi stesi sul letto e cercai di dormire.
 
Di Alessandro Carnier
 
 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Alessandro Carnier, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Alessandro Carnier, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Una leggenda carnica - La leggenda di Celtine (Pubblicato il 09/01/2022 07:44:15 - visite: 212) »

:: L’ultimo viaggio felice (Pubblicato il 23/12/2021 11:51:57 - visite: 222) »

:: Spiaggia libera (Pubblicato il 24/10/2021 05:36:43 - visite: 513) »

:: Pedalando sulle grave (Pubblicato il 16/10/2021 07:46:12 - visite: 344) »

:: Preludio di guerra (Pubblicato il 13/10/2021 17:04:32 - visite: 330) »

:: La cavallina stella (Pubblicato il 10/10/2021 10:06:15 - visite: 148) »

:: Breve storia veneziana (Pubblicato il 30/09/2021 05:39:20 - visite: 213) »

:: Il cuoco stellato (Pubblicato il 27/09/2021 08:40:55 - visite: 152) »