:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1560 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jun 15 12:41:08 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

De brevitate vitae ( lettera dal mio diario)

di Alessandra Ponticelli Conti
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 01/01/2011 10:31:10

Firenze 26 marzo 2007

Ho sognato di essere seduta accanto alla finestra, in un angolo della mia casa nel quale si respiravano solo ricordi. Erano talmente tanti da togliermi l'aria; li vedevo accumulati ovunque, accatastati come mucchi di libri. Uno sull'altro, riposti in modo disordinato ma tutti riconoscibili alla prima occhiata. Costole di volumi scortecciate e qua e là strappate dalle quali era comunque possibile ancora decifrare il titolo del libro. Ricordi piccoli e grandi: alcuni dalle copertine a colori, altri senza più copertina, altri ancora in bianco e nero. Non avevo nessuna voglia di metterli in ordine perché ero convinta che non sarebbe servito a niente. Sarebbe stato solo un modo per far crollare tutto. Intimamente sentivo che la mia vita era fatta solo di ricordi, di momenti passati che, paradossalmente, avvertivo sempre più vicini man mano che si allontanavano. Ad un tratto riuscivo a mettere a fuoco un'immagine di grandi dimensioni; una sorta di affresco colorato dalle tinte una volta vivaci che il tempo e gli eventi della vita avevano sbiadito. Era come se qualcuno avesse deciso, comunque, di coprirlo con una mano di vernice trasparente per fare in modo che si conservasse negli anni. Sì, quella ero proprio io, con mio marito e il mio bambino. Un'immagine serena, nella quale guardavamo avanti pieni di speranza, perché avevamo dato vita a un sogno: nostro figlio Gaetano: Avrei voluto distogliere lo sguardo, coprirmi gli occhi o chiuderli per sempre per non vedere più. Ma non potevo. Il mio bambino, sorridente, mi diceva di continuare a osservare quella scena. Stava a me decidere. Lui non sapeva ancora che la sua vita sarebbe durata appena diciotto anni e continuava a sorridermi chiedendomi di non smettere mai di guardare. " Perché?".
" Non c'è un perché, mamma", mi diceva. Ho deciso: d'ora in avanti resterò a fissare quella scena per sempre, fino alla fine dei miei giorni, illudendomi di non sapere ciò che la vita aveva stabilito di riservarmi poi. Non mi chiederò più come possa accadere che un ragazzo muoia, improvvisamente, senza far rumore, in una giornata di aprile, dopo avere tradotto il " De brevitate vitae", ma...ecco, adesso sembra che il mio bambino si sia addormentato; cercherò di fare piano per non svegliarlo, aspettando che lentamente il sonno prenda anche me.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Alessandra Ponticelli Conti, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Alessandra Ponticelli Conti, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Scrivere per non morire (Pubblicato il 08/03/2021 10:23:29 - visite: 579) »

:: Ti ricordi di me? (Pubblicato il 13/07/2019 15:19:47 - visite: 564) »

:: Il cappello (Pubblicato il 31/03/2016 14:19:15 - visite: 1425) »

:: La caduta (Pubblicato il 31/03/2015 21:40:02 - visite: 1109) »

:: La vendetta (Pubblicato il 25/11/2013 13:03:19 - visite: 1068) »

:: Claudicatio (Pubblicato il 20/08/2013 16:44:54 - visite: 746) »

:: Pedalando (Pubblicato il 13/11/2011 10:16:56 - visite: 1307) »

:: La bottiglia (Pubblicato il 14/08/2011 17:39:12 - visite: 1400) »

:: Il viaggio di Alma (Pubblicato il 04/03/2011 09:50:26 - visite: 1286) »