:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 classifica e vincitori del Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1083 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Aug 11 16:11:37 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Per Antonia Pozzi

di Alessandro Vetuli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/09/2011 16:29:00

“ Vorrei essere un frate silenzioso

che va con i suoi sandali di corda

sotto gli archi di un chiostro

e attinge acqua all’antica vera del pozzo

e disseta le lavande e le rose ”

 

ANTONIA POZZI

 

I.

 

Pasturo è un artiglio di pietra

Dove brillano i cocci dell’erba

Che hai rotto ,

E profumano le zolle sfigurate

Dal pianto.

 

Ma tu sei ancora bella come un frate francescano

E metti le tue parole una vicina all’altra

Negli spazi vuoti del cielo

Come mattoni tenuti insieme dalla calce della rinuncia

 

Non perdono più sangue i tuoi piedi nudi

Perché anche la terra ti ha rivelato le sue piaghe

E tu le hai baciate , perché il disamore e il rancore ormai

Le sentivi dentro la carne.

 

Dove vedesti “ Per la prima volta volar nel sereno l’allodola ”

Ora la poesia siede come un fratello

Vestito solo di stoffa di sacco

Fissando i denti rotti della corona di roccia

che indossò solo un re crocefisso

 

Ma la tua voce ora è dischiusa ,

e quando ti chini per bere al ruscello

nella mani ritrovi acqua e fango

Mentre l’amore incrocia il tuo sguardo…

 

Lo sguardo che ti ha uccisa ,

lo sguardo che ti ha salvata.

 

 

II.

 

Le montagne sono i rilievi aguzzi del perdono

Affilato come una piuma che non può ferire

Ma può solo esser ferita.

 

Spingono i tuoi talloni resistenti come felci

Nella scalata aspra ,

nella non accettazione d’un male

Che è frumento d’ombra , patiboli preparati all’alba

O una ragazza esanime sul prato brinato

A scivolare in silenzio nella propria deriva ,

esplorazione d’una poesia che non verrà mai più scritta.

 

Con la bocca impastata di polvere

Rimescolavi le sillabe , caramelle che erano sassi

Ma che la tua anima d’adolescente

Non poteva fare a meno di chiedere

 

Le rocce adesso

Rivelano un lungo selciato di vento

Dove solo chi è sensibile

Può vedere le orme della comprensione

E del divino

 

E solo chi vive raccolto nella poesia

Può ancora ascoltare quella parola impronunciata

Rimasta in un paio di labbra gelide

Chiamata Antonia.

Da Come la pietra e il vento Fermenti , 2011



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Alessandro Vetuli, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Alessandro Vetuli, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: In morte di Andrea Zanzotto (Pubblicato il 22/10/2011 17:06:14 - visite: 1175) »

:: Quadro (Pubblicato il 24/06/2011 17:05:57 - visite: 970) »

:: Sentiero tra i boschi (Pubblicato il 24/06/2011 12:21:47 - visite: 836) »

:: Ad un sassofonista di strada (Pubblicato il 23/06/2011 21:40:33 - visite: 1164) »

:: Poteri della poesia (Pubblicato il 23/06/2011 21:35:44 - visite: 898) »

:: David Maria Turoldo (Pubblicato il 23/06/2011 21:31:59 - visite: 903) »