Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 131 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Oct 23 12:48:00 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

A Narcel

di Giuseppina Iannello
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/01/2020 18:31:16

Io ch'ero in mezzo ai nembi,

ti vidi accanto a me.

Eri un fanciullo pallido

e dolce come il miel.

 

Ritornello

O Winkelmann,1

vieni con me...

Ti do la stella bianca.2

 

E se la giovinezza,

non ti consolerà,

rimanga ogni carezza,

da consolarti, amor.

Vieni dipingi l'arca,

lascia quel grattaciel

e non aver paura

dei lupi intorno a te.

Io che non ebbi un dono

da regalarti amor, vieni ti

porto a casa,

sarà felice Annethe.

Siam giunti...

Ora ci siamo

affetteremo il pane...

Indosserai il costume

della giocondità.

Senti la neve fiocca...

Fiocca di bello...

Quelle heure est-il...

Se furono le dieci

ritorni il canto antico.

Se furono le nove

non dire la verità

che ti strappai alla strada

pallido come un fiore.

 

 

Johann Wolfgang Goethe, originario della Baviera, fu perseguitato dal regime Prussiano perché ligio alle idee di libertà. Costretto ad una forzata esistenza nelle vicinanze di Francoforte, gli era precluso dal governo qualsiasi approccio con il mondo circostante. Nonostante tutto, il Poeta ama, riamato Annethe, Wolfgang non ha il tempo di dichiararsi alla fanciulla... Questa gli viene strappata da abominevoli loschi individui. Il Poeta soffre immensamente, fino al pensiero di togliersi la vita, ma è proprio Annethe, con le sue luci, a sollevarlo, promettendogli che sarà la sua sposa.

Narcel è il secondo affetto in quella terra di “ghiaccio”. Si tratta di un fanciullino, che il Poeta vedeva sempre con il nonno, morto il nonno il bimbo, già orfano, si trova in una situazione di panico. Il Poeta gli va incontro; lo accarezza, lo coccola... Lo porta nella propria abitazione. Vorrebbe tenerlo per sempre, ma sa di essere perseguitato. “Non dire a nessuno come sei giunto a me...” Il bimbo è riconoscente al Poeta; lo chiama papà Ghoté e con il suo sguardo amorevole, gli assicura eterna gratitudine.

Il sogno di tenere Narcel, non si realizza, per le solite spie...

1Winkelmann, forse il cognome di Narcel.

2Si tratta di una girandola, realizzata dal Poeta manualmente. La girandola fu molto cara ad Annethe.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giuseppina Iannello, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giuseppina Iannello, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Addio Mortelle (Pubblicato il 14/02/2020 14:13:14 - visite: 127) »

:: La filastrocca di Valentino (Pubblicato il 13/02/2020 17:52:57 - visite: 114) »

:: Uno specchio sprovveduto (Pubblicato il 03/02/2020 15:44:28 - visite: 117) »

:: Dedicata al mio sposo (Pubblicato il 31/12/2019 16:33:16 - visite: 169) »

:: Dei sogni infranti (Pubblicato il 29/12/2019 17:11:24 - visite: 141) »

:: Il ricordo di nonna Giuseppina (Pubblicato il 20/12/2019 17:25:54 - visite: 180) »

:: Padre (Pubblicato il 16/12/2019 12:09:29 - visite: 167) »

:: Addio, scuola di riviera (Pubblicato il 14/12/2019 18:00:02 - visite: 185) »

:: Sodalizio d’inverno (Pubblicato il 13/12/2019 13:04:04 - visite: 164) »

:: Si perse il tempo (Pubblicato il 10/12/2019 13:41:19 - visite: 172) »