Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 78 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Aug 12 22:00:25 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

lettera a mia madre da tre angoli del tempo

di Domenico Pelini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/07/2020 13:33:22

lettera a mia madre da tre angoli del tempo

 

 

 

c’è un cornicione che cinge la piazza del paese, offrendosi ai ghiacci della Maiella.  Un bambino di quattro anni sta sopra  il filo di seta  di un sogno teso sul ciglio del burrone. Mezzo paese trattiene  il fiato perché quell’angioletto non spicchi  il volo. Carponi il babbo con la sua divisa pesante lentamente come lenta può solo essere la paura, strisciando su quel limine di pietra si avvicina a prendere il figlio che la sorte gli ha  affidato. C’è una cella, che di notte è buia assai: verso sera si apre alle tue mani che mi porgono del cibo. Sei stata gentile, allora, ma non tenesti aperta la guardiola.  Quella penombra la ricordo ancora, ma il buio della notte, la prima cella del vuoto, quello è precipitato nel fondo come la tua obbedienza .

 

 

                                                            °°°

 

 

c’è un ragazzo con riccioli bellissimi e un sorriso che rende gli angeli contenti. Tu  lo pensi al mare con i suoi  amici . Ha preso, un treno in un bel mattino d’estate; un viaggio che lui si gode divorando i campi, le città e i monti. C’è una grande stazione che si apre al suo cuore, l’aria che gli solletica le gambe che escono lisce dalle sue corte braghe. C’è un uomo gentile che lo prende per mano., mentre tranquilla lo pensi al mare. Quell’uomo è sceso dal cielo, gli offre  una bibita fresca nella sua casa, e, cambiato di veste, gli fa attraversare in silenzio Parigi in un crepuscolo d’oro, Ci sono i quadri mangiati dal vivo, c’è una dolce puttana che scuote le chiavi, c’è la protezione di Dio mentre tu ignara pulisci la casa alleggerita di un figlio.

 

 

                                                            ***

 

c’è una testa calva d’adulto, liscia come di notte in estate il mare. Tu, lo pensi appena malato, mentre lui scompare, e diviene chimera, sempre due in uno. Non lo vedi per un anno , forse lo pensi al mare. Quando lo vedi, non sai cosa dire   

gli offri del pesce  che non può mangiare, sotto un chiosco di femmine antiche.

 

                                                           °°°

ho preso dal tempo tre angoli robusti, per stringerti ora la mano, per fare  pace col cornicione di pietra, per avere il coraggio di guardarti in viso come quei quadri, e sommessamente, a capo chino, chiamarti mamma, con un lieve sorriso.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Domenico Pelini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Domenico Pelini, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: la lacuna bianca (Pubblicato il 09/07/2020 17:10:46 - visite: 61) »

:: Il cappello lasciato indietro sulla strada (Pubblicato il 23/02/2018 11:49:56 - visite: 290) »

:: Dialoghi con la felce (Pubblicato il 13/02/2018 12:54:00 - visite: 252) »

:: una piccola vocale, una i ad esempio (Pubblicato il 08/02/2018 17:28:34 - visite: 370) »

:: se tutto va bene (Pubblicato il 03/02/2018 11:55:24 - visite: 294) »

:: hai il passo di tuo padre (Pubblicato il 31/01/2018 19:14:48 - visite: 278) »

:: povere mani (Pubblicato il 30/01/2018 19:34:04 - visite: 268) »