Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Proust 2017: IL PROFUMO DEL TEMPO (Invito a partecipare)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - III edizione (2017)
Intervista a Giuseppe Lamarca, III classificato sezione Racconto breve
 

Collana di eBook a cura di Giuliano Brenna e Roberto Maggiani

« ultimo pubblicato prec » « suc primo pubblicato »

eBook n. 103 :: Il momento della partenza, di Michele Nigro
LaRecherche.it [Saggio]

Invia questo eBook al tuo Kindle o a quello di un amico »

Proponi questo libro ad uno o più lettori: invia il collegamento all'eBook
http://www.larecherche.it/librolibero_ebook.asp?Id=106

Formato PDF - 328 KByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 994 volte



Downloads totali: 995
Ultimo download:
23/04/2017 01:04:00
Data di pubblicazione:
06/03/2012 12:00:00
 
 

# 5 commenti a questo e-book [ scrivi il tuo commento ]

 maria-jose ballota - 17/03/2012 14:27:00 [ leggi altri commenti di maria-jose ballota » ]

Magnifico !
Me alegro mucho por todo esto !
Desde España es para mi un placer !
Con toda mi gratitud.......Maria-jose ballota-

 Narda Fattori - 07/03/2012 14:15:00 [ leggi altri commenti di Narda Fattori » ]

Premesso che il libro di Tolkien non ho mai voluto leggere, che non amo tutta la letteratura fantasy che ne è scaturita e che va tanto per la maggiore ( è quella che si vende insieme ai libri di ricette), ho trovato interessante questo saggio di Nigro per l’ardito accostamento, che poi, a leggere, tanto ardito non è.
Diciamo che ho perduto alcuni pregiudizi. A me la Terra di Mezzo, Gandalf e Frollo mi avevano sempre insospettito, il sospetto mi resta da buona razionalista, ma penso che le strade per lanciare messaggi possono essere le più diverse, anche quelle che non approvo. E non approvo perchè è il duro lavoro, l’impegno, l’onestà a fare l’uomo, non i poteri e i mezzi magici.
Però veramente interessante il saggio. Sono curiosa e ho voluto leggere poco entusiasta e mi sono ricreduta.
Complimenti all’autore e alla sua creatività nell’apparentare Manzoni e Tolkien.
Narda

 Leopoldo Attolico - 07/03/2012 13:41:00 [ leggi altri commenti di Leopoldo Attolico » ]

Il monitoraggio ( per meglio dire , lo sguardo ) di Nigro è introspettivo e didascalico nell’accezione migliore del termine : i suoi referenti sono il bassorilievo del loro spessore umano / storico / sociologico , cui è facile rivolgere interesse e riflessione .
Ma oltre all’indagine saggistica questo lavoro evidenzia il robusto imprinting del trait d’union tra l’Autore e i Motivi del suo empatico spendersi . A tutto beneficio del lettore .
Con stima
leopoldo attolico -

 Elisabetta Manfucci - 07/03/2012 07:29:00 [ leggi altri commenti di Elisabetta Manfucci » ]

Il lavoro di Michele Nigro ha di certo un merito: quello di levarci dal naso gli occhiali da miope.
L’inaspettato lo sperdersi ci fa sentire più vivi, attiva i sensi, sconquassa i pregiudizi. Lo spaesamento rompe gli schemi mentali in cui incaselliamo il mondo (esattamente come scrive Andrea Bocconi in Viaggiare e non partire).
Colombo sbagliò strada e finì come sappiamo con la scoperta dell’America. Credo che questo succeda spesso al viaggiatore ma anche allo scrittore: cerca una cosa e ne trova un’altra. E’ un bene? Un male?
Michele Nigro sperimenta, ovviamente senza saperlo, il metodo Bates di scrittura. Ovvero: indebolisce e giocoforza rafforza certe immagini mentali, indebolendo o rafforzando la capacità di vedere del lettore.
Il primo a sperimentare tale metodo fu lo scrittore Aldous Huxley, come scritto nel saggio L’Arte di vedere.
In mezzo agli spunti dell’autore c’è una sfida interessante. Il viaggio, il gioco di rimandi e di sguardi è dunque iniziato.
Per vedere bene è sempre necessario creare un forte contrasto.

 Alessandra Ponticelli Conti - 06/03/2012 13:22:00 [ leggi altri commenti di Alessandra Ponticelli Conti » ]

Tutte le mie congratulazioni a Michele Nigro per questo interessantissimo saggio. Ho trovato molto suggestive le analogie tra i due testi. L’elemento della partenza forzata, del viaggio, dell’abbandono obbligato della propria casa, della propria quotidianità,che poi diviene la ricerca di se stessi, lancia un messaggio universale che supera ogni contesto storioco e culturale. Davvero un lavoro molto valido.
Con stima
Alessandra Ponticelli Conti