Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - III edizione (2017)
I vincitori
 

Collana di eBook a cura di Giuliano Brenna e Roberto Maggiani

« ultimo pubblicato prec » « suc primo pubblicato »

eBook n. 154 :: La Prisonnière, di Marcel Proust
LaRecherche.it [Romanzo]

Invia questo eBook al tuo Kindle o a quello di un amico »

Proponi questo libro ad uno o più lettori: invia il collegamento all'eBook
http://www.larecherche.it/librolibero_ebook.asp?Id=157
Di Marcel Proust
puoi anche leggere:

Formato PDF - 4 MByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 356 volte

Formato EPUB - 1 MByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 142 volte


Downloads totali: 500
Ultimo download:
22/03/2017 22:20:00
Data di pubblicazione:
14/03/2014 12:00:00
 
 

# 2 commenti a questo e-book [ scrivi il tuo commento ]

 Cristina F. - 14/03/2014 15:43:00 [ leggi altri commenti di Cristina F. » ]

L’introduzione è parte integrante del libro che in edizione digitale è fruibile con comodità, anche nell’incasinata vita di tutti i giorni. Bravo! (à la française)

 Anna Maria Vanalesti - 14/03/2014 09:48:00 [ leggi altri commenti di Anna Maria Vanalesti » ]

Bravo! E’ questa la prefazione giusta per La prisonnière! Una disamina puntuale della storia editoriale del volume e poi un’analisi testuale che segna il ritmo dell’opera e la restituisce al suo ruolo all’interno di tutta La recherche! Se è vero, come a me sembra, che Proust esercita un sortilegio sui suoi lettori, dilatando il tempo stesso di lettura, prolungandolo e costringendo tutti a raddoppiarlo, a ripeterlo, per entrare meglio nella cattedrale e accompagnare l’autore in quel suo forsennato e ossessivo recupero del passato, che è poi recupero della vita che si credeva perduta, è vero anche, come sostieni tu nella tua introduzione, che proprio nella Prisonniére si compie il ritrovamento del tempo perduto.