Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Scarica gratuitamente LaRivista n. 4/2016, Anno IV, Aa. Vv. (pdf)
Partecipa al Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - III edizione (2017)
 

Collana di eBook a cura di Giuliano Brenna e Roberto Maggiani

« ultimo pubblicato prec » « suc primo pubblicato »

eBook n. 157 :: Albertine disparue, di Marcel Proust
LaRecherche.it [Romanzo]

Invia questo eBook al tuo Kindle o a quello di un amico »

Proponi questo libro ad uno o più lettori: invia il collegamento all'eBook
http://www.larecherche.it/librolibero_ebook.asp?Id=160
Di Marcel Proust
puoi anche leggere:

Formato PDF - 6 MByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 334 volte

Formato EPUB - 1 MByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 119 volte


Downloads totali: 455
Ultimo download:
17/01/2017 08:31:00
Data di pubblicazione:
14/04/2014 12:00:00
 

# 1 commenti a questo e-book [ scrivi il tuo commento ]

 Franca Alaimo - 21/04/2014 22:06:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

La presentazione firmata da G. Linguaglossa è pregevole, anche se sembra giungere alla conclusione in modo affrettato ( inoltre vi sono rimasti alcuni refusi). Sì, è vero, "Albertine disparue" si muove intorno al nucleo narrativo dell’assenza; e soprattutto intorno alla mobilità dei sentimenti, qualora siano sottratti ai sensi, come se quest’ultimi fossero il veicolo principale delle nostre relazioni con gli altri. Così mentre la lontananza diventa motivo di immaginazione, mitizzazione e struggimento, come ho cercato di mettere in rilievo nell’introduzione ai Guermantes; l’assenza, sottraendo l’oggetto amato, conduce con sé l’oblio. Proust è un narratore legato
ai sensi, tanto che ogni ritorno della memoria è legato sempre ad una qualche percezione concreta: il sapore di un biscotto, un brano musicale, un quadro, un paesaggio, un profumo. Insomma, Proust finisce con il raccontare i meccanismi complessi della memoria e come al suo riaccendersi e svanire siano legati anche i sentimenti umani, mai stabili, mai del tutto definibili, ma sempre vaghi. Il secondo tema dell’apparire, pure messo in risalto da Linguaglossa, è in qualche modo legato al primo, se è vero che ciò che sembra potersi definire ad un primo sguardo, non corrisponde spesso a verità. In questo modo lontananza, assenza, apparenza costituiscono gli ostacoli più comuni per la conoscenza di se stessi e degli altri.
Grazie sempre ai direttori della rivista, che, fedeli a Proust, ci danno la possibilità di rileggerlo e di capirlo di più attraverso le riflessioni di scrittori contemporanei che lo amano.