Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Scarica gratuitamente LaRivista n. 4/2016, Anno IV, Aa. Vv. (pdf)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - III edizione (2017)
 

Collana di eBook a cura di Giuliano Brenna e Roberto Maggiani

« ultimo pubblicato prec » « suc primo pubblicato »

eBook n. 149 :: Le Côté de Guermantes, di Marcel Proust
LaRecherche.it [Romanzo]

Invia questo eBook al tuo Kindle o a quello di un amico »

Proponi questo libro ad uno o più lettori: invia il collegamento all'eBook
http://www.larecherche.it/librolibero_ebook.asp?Id=152
Di Marcel Proust
puoi anche leggere:

Formato PDF - 5 MByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 360 volte

Formato EPUB - 1 MByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 133 volte


Downloads totali: 496
Ultimo download:
19/02/2017 13:04:00
Data di pubblicazione:
14/01/2014 12:00:00
 

# 5 commenti a questo e-book [ scrivi il tuo commento ]

 Sandro Angelucci - 23/01/2014 00:40:00 [ leggi altri commenti di Sandro Angelucci » ]

Franca Alaimo dimostra - ancora una volta -, con questa straordinaria presentazione al testo di Proust, di possedere quelle doti esegetiche, assai rare, che permettono di entrare nell’opera già prima di leggere.
Nel caso in questione, il suo incentrare il discorso sulla "prossimità" e sulla "distanza" è - a mio avviso - una vera e propria illuminazione che, sola, può mettere in evidenza il senso della percezione artistica della realtà: percettività totalmente coinvolgente. Così, il sogno risponde alle stesse leggi; il mito è soggetto tanto alla prossimità (giovinezza) quanto alla distanza (maturità).
Non posso, ovviamente, essere esaustivo ma certamente esauriente è questo prologo, che denota non soltanto capacità ma intenso ed autentico sentire.

Sandro Angelucci

 Giuliano Brenna - 20/01/2014 12:14:00 [ leggi altri commenti di Giuliano Brenna » ]

Rileggo questo volume della Recherche e sono molto colpito dalla bella analisi che ci offre Franca Alaimo. Una visione profonda e sentita che mette in luce i notevoli pregi di questo "côté" e lo lega al resto dell’opera, come inevitabile che sia, ma in modo nuovo e assolutamente non banale o prevedibile. Un grazie anche ad Alessandra per le bellissime traduzioni degli incipit.

 Eugenio Nastasi - 18/01/2014 13:11:00 [ leggi altri commenti di Eugenio Nastasi » ]

Trovo straordinaria l’analisi che Franca Alaimo propone al lettore per introdurre e almanaccare sul libro più scorrevole de La Recherche, con quel tanto di "vicinanza" emotiva e di "distanza" elaborativa che accostano le aspirazioni dell’autore a contorni e coloriti inconfondibili. Viene fuori, e la Alaimo lo dice chiaramente, il paradosso de "I Guermantes" e cioè la suprema illusione del racconto che si sostiene, ineffabilmente, dopo la distruzione di tutte le illusioni. In un susseguirsi di scene e di infiniti colloqui, i personaggi, costretti ad abbracciare la "rugosa realtà", mimano ad esprimere il succo presente e amaro dell’esistenza e trovano in questo necessario riconoscimento un paradossale principio di dimenticanza. E questo, come scrive la Nostra, per mezzo della scrittura di Proust, "complessa e prismatica" che riesce a combinare "l’elemento della distanza" inseguendo i suoi personaggi quasi per induzione, per approssimazione rendendoli quel tanto grotteschi da farli risultare di immediata fisionomia e, nello stesso tempo, di difficile catalogazione.
I miei rinnovati complimenti a Franca e alla sua operosità "da alveare".

 Gennaro Oliviero - 14/01/2014 12:24:00 [ leggi altri commenti di Gennaro Oliviero » ]

Franca Alaimo ci fornisce un’affascinante rappresentazione di questo volume della "Recherche",attraverso un’analisi efficace che consente al lettore di cogliere gli aspetti più interessanti delle tante "scene" che si susseguono ad un ritmo lento e incalzante al tempo stesso. Le numerose citazioni e i riferimenti puntuali al testo sollecitano certamente la lettura 0 la rilettura di questa parte dell’opera proustiana,che prepara l’ingresso in quel "Sodoma e Gomorra" nel quale i nodi della narrazione si sciolgono in un "delirio" ricco di suggestioni,che tanto scalpore determinarono all’epoca della prima pubblicazione. Un plauso per l’impegno,la competenza e la passione profusi in un ottimo lavoro di analisi e di commento.

 Artemisia Gentileschi - 14/01/2014 01:17:00 [ leggi altri commenti di Artemisia Gentileschi » ]

ottima iniziativa .