Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1234 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jun 15 17:35:44 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Piccola regina più forte delle fiabe

di Giovanni Ivano Sapienza
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 10 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 29/07/2012 23:01:36




Lo sbuffo della manica
è da regina di antica elezione,
ma il mistero assale ,a stringerle la gola,
confondersi di un fato
di acque limacciose:
ora scuote il riverbero ,
punta se stessa a sfida
contro il nero della notte,
ben tese le braccia
sotto l’indaco triste
di una volta di lamiera,
un impeto galante
è l’ unico diversivo al male
di unicorni e principesse sospese,
ma uno schiocco di dita disperde
quell’assonnata parentesi,
bivio di Morfeo
abituato a barare:
viso regale turbato
da un riflesso d’onice,sardonico
ebano d’ amaro sentiero,mesto
accordo d’incerta fabula,
come affiorante
dal tempo indicibile,
rimosso,
capovolto,
diffida del varco offerto,
misura gli spazi
-lei, così farfalla…-
alla pantomima del suo vasto mare
oppone i brandelli di una gioia in frantumi.
labbra a cullare
la nenia al rivolo
con un trastullo di fragili barchette.






« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 10 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giovanni Ivano Sapienza, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Ma il cane attende sul promontorio (Pubblicato il 26/11/2013 00:55:29 - visite: 887) »

:: ciel d’or (Pubblicato il 06/08/2013 23:58:00 - visite: 862) »

:: InSTALLAZIONE (Pubblicato il 04/08/2013 19:17:34 - visite: 887) »

:: Scherzo notturno (Pubblicato il 29/06/2013 11:14:59 - visite: 1144) »

:: La grande onda (Pubblicato il 05/04/2013 20:01:43 - visite: 1349) »

:: Bene (Pubblicato il 17/03/2013 20:06:26 - visite: 946) »

:: Ora puoi (Pubblicato il 10/01/2013 15:56:42 - visite: 951) »

:: Venti (Pubblicato il 03/01/2013 17:35:51 - visite: 988) »

:: L’arpa di Ethel (Pubblicato il 02/12/2012 20:08:24 - visite: 1230) »

:: L’esito (Pubblicato il 22/11/2012 19:12:33 - visite: 984) »