Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 179 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Oct 19 15:11:32 UTC+0200 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Evasione dagli atomi (psichiatrico)

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/04/2017 01:05:44

Le medicine trattengono le mie accelerazioni

e allora qui mi riverso, tra i poeti simultanei.

Perchè e dove andrebbero i miei versi se non fossero sedati?

E le mie vene di cristallo? Il tossire di mia madre?

La pubblicità alla radio. Interrompe.

Ma divago per astinenza dall' oblio. Con le cuffie da studio.

Come dovessi rendere conto a ciascuno dei miei atti

mi abbandono ad una pigrizia fuori mercato.

Per non fare danni e limitarli.

Un arrocco mai capito fino in fondo.

Scacco matto della mia psichiatra.

Eppure mi ci vorrebbe una spinta, perchè non cercarla nella chimica?

Se si tratti di doping? Non saprei dirlo.

Tutto vada bene per qualche istante

il sole tra le serrande del vicolo esplora prime colazioni

le foglie sugli alberi come nelle canzoni importanti

e poi questa musica che non riesco a togliermi dalla testa

che mi fa muovere il collo.

Tempo al tempo.

Come vorrei essere bello è un desiderio di potenza.

Che si arresta al primo specchio.

E' la bellezza di certe donne che racchiude le chiavi dell' Universo.

Ho fede in questo. Ma io sono figlio degli occhi, non conto

che in una ricostruzione dei fatti sommaria,

senza leggi che valgano in generale

o una buona condotta, esempio da adottare, che funzioni

per più di qualche secondo.

Comincio ad apprezzare i vantaggi di questa condizione.

Lo sconto al cinema. Gli sguardi distanti.

Ma è solo suggestione di come lo immagino.

Perchè interpreto la realtà attraverso l'altalena dei miei cardini.

Se potesse tornare ad essere veramente bello vivere!

Sento che ci siamo quasi, ci vorrebbe uno sforzo.

Ancora non ce la faccio, ho bisogno di allenarmi.

E quante parole sprecate, forse.

Che il dubbio rimanga è una circostanza da non eludere

con un' alzata di spalle.

Potrebbe essere la formula da applicare a tutte le cose

nelle loro dinamiche.

Poi può capitare quell' evento occasionale, di portata straordinaria:

sono sicuro che ti amo, non c'è dubbio alcuno.

E allora sono caschi. Per pararsi dai colpi.

Ci sono cose che voglio fare e che posso fare, sciocche che siano

rientrano nell' ambito delle possibilità e già per questo

meriterebbero più attenzione da parte mia.

Poi dove mi conducano, cosa vuoi che sia.

Non dovrebbero esserci conseguenze troppo spiacevoli

se riesco ad essere soddisfatto di quello che ho fatto.

Ma in verità non parto mai e il tempo passa

aspettando una buona occasione che non colgo.

Perchè questa necessità di raccontarsi?

A volte mi sembra di non saper scrivere d' altro.

Sono davvero così scarso?

Ma alla fine non m' importa, per quanto mi piace scrivere.

E' il mio rito pagano.

La preghiera con cui mi prego di essere migliore.

Speriamo funzioni ma temo che saranno necessari i metodi duri.

Delle frasi di alleggerimento, per il galleggiamento primario,

per respirare non andare a fondo, poi ci si preoccupa

di come spostarsi nello spazio, il principio della rotazione dell' elica.

Ecco dove eravamo rimasti, al punto in cui interrompo il contatto,

spegnendo il computer.

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 15)

Adielle, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Dolce dormire (Pubblicato il 13/06/2017 02:05:01 - visite: 161) »

:: Le voci (Pubblicato il 03/02/2017 18:04:30 - visite: 238) »

:: Un volume immenso di dati (Pubblicato il 03/02/2017 04:14:46 - visite: 231) »

:: Scenario possibile (Pubblicato il 03/02/2017 03:31:34 - visite: 181) »

:: Appuntamenti decisivi per somme parziali (Pubblicato il 03/01/2017 01:30:36 - visite: 202) »

:: Come imbattersi non sia un caso (Pubblicato il 27/12/2016 01:48:47 - visite: 204) »

:: testimoni oculari (Pubblicato il 16/11/2016 02:34:24 - visite: 230) »

:: Per ogni volta (Pubblicato il 17/09/2016 03:55:12 - visite: 295) »

:: Nelle stagioni (Pubblicato il 02/09/2016 03:03:14 - visite: 243) »

:: Funzionari della specie (Pubblicato il 28/08/2016 03:23:37 - visite: 328) »

:: Uso personale (Pubblicato il 23/08/2016 06:43:24 - visite: 266) »

:: senza titolo (Pubblicato il 15/11/2015 02:38:16 - visite: 452) »

:: Candy Candy (Pubblicato il 03/08/2015 14:16:47 - visite: 547) »

:: In mente (Pubblicato il 05/06/2015 16:27:58 - visite: 494) »

:: Sintetizzatori di grandezze infinite (Pubblicato il 29/05/2015 03:18:21 - visite: 471) »