Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1492 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Apr 17 07:56:59 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Non dimentico

di Maria Musik
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 13 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »



Questo testo ha una registrazione audio che l'accompagna, per ascoltare clicca su Play:

Clicca qui per visualizzare, di tutti gli autori, tutte le poesie con l'audio »

Pubblicato il 17/05/2013 18:49:52

di Edo ricordo i colori

 

il pantalone arancio scoppiettante

 

la camicia arcobaleno

 

e sul far dell’estate

 

l’India addosso.

 

 

 

di Edo ricordo la bianca mano affusolata

 

che si librava a dirigere l’orchestra inesistente

 

dei suoi pensieri pacifici ed aggraziati

 

che ricadeva stancamente

 

come foglia oblunga appassita.

 

 

 

di Edo ricordo il dolore negli occhi

 

e il coraggio di non lamentarsi

 

del gioco perverso dei compagni/Compagni

 

che lo chiamavano frocio negli spogliatoi

 

e lo lasciavano a casa se c’erano donne nella comitiva.

 

 

 

di Edo ricordo la casa (a piazza Tuscolo)

 

sopra alla sede dei fasci

 

che con virilità di cotone nero

 

lo picchiarono una sera

 

per la maglietta rosa.

 

 

 

Edo era omosessuale?

 

non lo so, non chiesi, non me ne fregava niente.

 

ma non lo dimentico!

 

e non dimentico te, ora avvocato,

 

che davanti tacevi e dietro lo irridevi.

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 13 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Maria Musik, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Amore sorride (Pubblicato il 24/02/2019 07:50:35 - visite: 89) »

:: In un altro mondo (Pubblicato il 17/02/2019 21:46:25 - visite: 118) »

:: Ninna Nanna (Pubblicato il 10/02/2019 17:58:34 - visite: 168) »

:: Non merito #GiornoMemoria (Pubblicato il 27/01/2019 12:13:16 - visite: 171) »

:: Tre Rose (Pubblicato il 22/12/2018 07:24:54 - visite: 128) »

:: 9 dicembre 2017 (Pubblicato il 09/12/2018 21:57:58 - visite: 126) »

:: Comunista! (Pubblicato il 29/07/2018 13:29:00 - visite: 293) »

:: Cose che si fanno nell’Equinozio d’Autunno (Pubblicato il 22/09/2017 19:47:05 - visite: 278) »

:: Rimangono solo le scarpe (Pubblicato il 14/05/2017 09:58:37 - visite: 608) »

:: Che d’è ‘n anno? (Pubblicato il 27/03/2017 21:08:55 - visite: 341) »