Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 1377 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Nov 12 14:43:19 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

May, shower and the third bed

BraniMusicali

Finest Black
Revalve Records

Recensione di Roberto Biagiotti
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le recensioni scritte dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/03/2012 12:00:00

May, shower and the third bed è l’ep d’esordio dei romani Finest Black registrato nel Marzo 2011 e distribuito dall'etichetta italiana Revalve Records. Quintetto decisamente rock con un occhio puntato alla Seattle di metà anni 90 e l’altro all’Hard Rock / Heavy Metal made in usa fine 80.

Cd ottimamente registrato, mix granitico, cover e booklet minimali ma curate e attente agli stilemi di genere.

Band solida capitanata dalla voce di Lorenzo Pagani, rocker puntuale e di mestiere con timbriche da stoner singer, molto evidenti nella terza traccia “lands of nowhere” una ballade che si apre con un bell’arpeggio di acustica che richiama atmosfere a metà tra Dave Matthews Band e Pearl Jam.

Ep poderoso nell’esecuzione, con la sezione ritmica (basso di Dario Iocca e batteria di Fabio Luongo) veramente stretti a sostenere il vocalist, confortati da due massicce e taglienti chitarre (Edoardo Mancini ed Enrico Orlandi) che riecheggiano gli Whitesnake di Here I Go Again e i primi Soundgarden.

Nel primo brano All i ever wanted to say si percepisce un certo solismo alla Slash, (come anche  nella già menzionata  lands of nowhere) ma le citazioni potrebbero essere diverse altre come ad esempio nella terza traccia Finest Black, il riff portante sembra essere di matrice hard rock (più Purple che Zeppelin). Nello stesso brano a metà traccia troviamo prima atmosfere grunge (Nirvana in primis) e poi addirittura un secondo riff che sembra un omaggio agli Stones di I can’t get no in chiave post rock, con una maestosa batteria in evidenza per potenza e precisione.

A chiudere, Purple Monster un pezzo dal sapore più “bad” e orientato al metal classico 80/90, Metallica - tanto per fare un nome - che potrebbe essere riduttivo ma sicuramente evocativo.

Molti i richiami di questo lavoro dei Finest Black che - almeno per ciò che ascolto nelle 4 tracce - sembrano quasi esibirsi in un prontuario di Hard/Metal/Grunge/Stoner Rock cioè di buona parte di ciò che è successo al rock più duro negli ultimi 40 anni.

Ineccepibili dal punto di vista compositivo e da quello esecutivo, fedeli alla tradizione forse anche troppo… si soffre forse un poco la mancanza di qualcosa di sorprendente (cosa peraltro ormai molto difficile per chiunque nel genere), di qualche elemento che spiazzi e faccia un po’ sognare, perfino, forse, di qualche bizzarria magari timbrica o melodica che allontani fantasmi e cliché sempre in agguato.

Comunque un esordio che fa ben sperare, nel senso che stoffa ce n’è di sicuro e molta, ora bisogna che il “sarto” ci sorprenda con una foggia davvero originale pur non tradendo il più rigoroso Finest Black!

 Web: www.myspace.com/finestblack

  



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »