Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 328 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Oct 13 00:56:25 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Floriana Porta - Dove si posa il bianco

Argomento: Poesia

di Manuel Paolino
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/03/2017 14:24:37

È un ritmo alterno dei respiri

quello che si sente battere.

Pochi tocchi repentini

reclusi nel tempo,

imprigionati nella pietra

e nella sabbia.

Un gioco di riflessi duplice,

sull’incerto confine

dell’altrove.[1]

 

 

Fra le tappe di un viaggio dentro lo sterminato bianco che abbaglia per i suoi numerosissimi dettagli, segni d’un ignoto siderale irraggiungibile, eppure visibile a tratti, percepibile, si materializzano le tracce esistenti di esplosioni poetiche silenziose. Su questo sentiero ermetico, impreziosito da sospiri surrealisti, si snoda il cammino di Floriana Porta.

Cadenzate e simili nella struttura, come uno spettacolo teatrale breve ed intenso suddiviso dalle chiusure e dalle aperture d’uno stesso sipario – firma, questa, della poetessa – le sue liriche parlano di mondi nascosti oltre l’orizzonte. I suoi piedi percorrono bordi poetici d’ignoto, eppure reali: il poeta poggia s’una materia familiare soltanto a lui, e celata per gli altri.

La Porta testimonia attraverso i suoi sguardi, le sue continue torture, la vita, intesa come vita del poeta, perchè non può essere nient’altro che tale: onirica, intellettuale; la realtà, intesa come realtà del poeta, riflessa come una luce che si posa in molti luoghi, riflesso di riflesso, fino alla sua ultima comparsa come luce pura, essenza magica.

Nuove infinità si susseguono nell’anima di questa autrice – in ogni sua cellula disobbediente agli dei – che incarna il merito universale di saperle cogliere col suo dono, all’interno di una precisa estetica, e di scolpirle sul bianco: Là dove risuonano misteri impenetrabili.   

 

Manuel Paolino

(Poeta, critico, traduttore)



[1] Floriana Porta, Respiri e riflessi, da Dove si posa il bianco, Sillabe di Sale Editore, Condove (TO), 2014.

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Manuel Paolino, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Manuel Paolino, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Poesia ] Da Baudelaire alla poesia dominicana (Pubblicato il 28/02/2018 19:53:42 - visite: 288) »

:: [ Poesia ] L’idromele Parte prima - Recensione (Pubblicato il 25/09/2017 20:40:02 - visite: 365) »

:: [ Poesia ] Manuel Paolino in un’intervista su L’idromele parte prima (Pubblicato il 12/08/2017 10:00:13 - visite: 452) »

:: [ Poesia ] Poe-tando (Pubblicato il 28/04/2017 19:26:36 - visite: 393) »

:: [ Poesia ] José Manuel Glass Mejía (Pubblicato il 13/02/2017 19:47:24 - visite: 513) »

:: [ Poesia ] Antonio Fernández Spencer (Pubblicato il 13/02/2017 18:31:13 - visite: 433) »

:: [ Poesia ] Freddy Gatón Arce (Pubblicato il 13/02/2017 18:19:02 - visite: 477) »

:: [ Poesia ] Rafael Américo Henríquez (Pubblicato il 13/02/2017 14:19:23 - visite: 517) »

:: [ Poesia ] Manuel Llanes (Pubblicato il 13/02/2017 14:09:55 - visite: 419) »

:: [ Poesia ] Paesaggio creazionista (Pubblicato il 21/01/2017 19:29:15 - visite: 615) »