Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 587 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun May 26 05:12:29 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Gli occhiali magici

di Cinzia Perrone
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 27/09/2016 12:15:40

C’era una volta in un villaggio costiero del sud, una giovane madre che viveva da sola con il suo bambino. Quel bambino era l’unica cosa che le rimaneva del suo grande amore che, aimè, l’aveva lasciata molto prematuramente. Aveva sposato, dopo essersene innamorata perdutamente, un giovane e affascinante pescatore di un villaggio vicino. Una volta sposati i due non vedevano l’ora di completare e sigillare la loro unione felice con l’arrivo di un figlio. Infatti, solo dopo un mese la donna fu incinta e entrambi impazzirono di felicità. Ma un destino scellerato e infame, in una notte scura e tempestosa, si portò via l’uomo; in una sfortunata pesca notturna la sua barca, non riuscendo a resistere ai flutti del mare in tempesta, si ribaltò portando giù negli abissi con sé tutto il mal capitato equipaggio. La donna piombò nella più cieca disperazione: non riusciva a darsi pace per la sua enorme perdita e non capiva come avrebbe potuto continuare ad andare avanti senza il suo grande amore. Ma il tempo le diede agio di riflettere e la donna capì che il suo grande amore in realtà non l’aveva mai lasciata, pulsava in lei attraverso il battito del loro bambino; l’ultimo dono più grande che le aveva fatto, incarnazione del loro amore: quello le avrebbe dato la forza e quello ora sarebbe diventato il bene più prezioso della sua vita. Fu così che diede alla luce un bel maschietto e lo chiamò Paolo come suo padre. Ora la donna e il suo piccolo vivevano in un’atmosfera di armonia e serenità, tutto quello che secondo la madre non sarebbe mai dovuto mancare al suo bambino. Erano felici, nonostante il vuoto che portavano dentro entrambi; sua madre aveva cresciuto il piccolo Paolo nel ricordo amorevole e gioioso di suo padre, e quando parlava di lui a suo figlio lo faceva sempre col sorriso sulle labbra, senza versare mai una lacrima. Ma Gertrude, questo era il nome della donna, era anche una madre affettuosa e presente, oltre ogni limite; la sua triste storia l’aveva legata a doppio filo a suo figlio: come biasimarla! L’importante comunque era che insieme riuscivano ad avere una vita allegra e spensierata. Un giorno però, l’ennesima sventura stava per rompere gli equilibri che la povera Gertrude aveva a fatica creato. La donna ebbe la triste notizia di essere affetta da un male incurabile e che la sua dipartita non avrebbe fatto attendere molto; le restavano al massimo un paio d’anni, nella più rosea previsione. Il pensiero di lei andò subito al suo amato figlio, che dopo il padre, sarebbe stato derubato anche da sua madre da un destino troppo crudele; sua madre, che era l’unica persona che gli era rimasta, l’unica luce che illuminava il suo cammino. Questi erano i pensieri che turbavano la donna, l’angoscia per il futuro di suo figlio, no di certo la paura della morte; ma si propose con gran caparbietà di porre un rimedio a questa triste situazione, a costo di scendere all’inferno e fare un patto col diavolo. Infatti ella pensò subito di rivolgersi al vecchio stregone del villaggio, da cui tutti si tenevano alla larga, anzi, si guardavano bene anche del solo nominarlo: aveva la reputazione di uno che praticava la magia nera, e si sa che quel tipo di magia è molto rischiosa perché ha sempre un prezzo da pagare. Ma alla donna tutto questo non interessava minimamente; lei sarebbe andata avanti perseguendo il suo proposito. Una volta giunta dal vecchio stregone, gli espose minuziosamente la sua situazione e il suo intento, cioè di non voler lasciare suo figlio senza alcuna protezione. Lo stregone, dopo averci pensato un po’, tosto esclamò di avere qualcosa che facesse al suo caso; andò a rovistare in un vecchio baule impolverato, rilegato in un angolo nascosto della sua casa, e in un attimo tirò fuori un paio di occhiali. La donna si chiese a cosa mai potessero servire un paio d’occhiali; il vecchio le si avvicinò, avendo intuito le sue perplessità, le elencò con dovizia le proprietà magiche di quelli che a un comune osservatore sembravano solo dei semplici occhiali. Avrebbero potuto chiamarsi occhiali della felicità, perché avevano la peculiarità di deformare la realtà sempre in positivo agli occhi di chi li portasse, riuscendo a captare quale fossero i desideri e le aspirazioni del suo portatore. Quando si dice “vede solo ciò che gli fa comodo”; proprio così, quegli occhiali avrebbero protetto Paolo nel corso della sua vita da qualsivoglia delusione, da ogni dolore, da tutte le amarezze che il destino può avere in serbo, avvolgendo il suo sguardo, e di conseguenza il suo cuore, in un alone di positività assoluta. Gertrude non doveva preoccuparsi neanche della misura di quel paio di occhiali, perché essi magicamente si sarebbero adattati a chiunque li avesse indossati, in tutti i sensi. Fu così che la donna afferrò gli occhiali e corse a portarli al figlio, avendo secondo lei sentito abbastanza e lasciando lo stregone lì impalato al centro della stanza intento a continuare nella sua spiegazione. La madre chiamò il figlio a sé per parlargli con la dovuta serietà; Paolo si mostrò da subito preoccupato e ansioso, ma Gertrude lo tranquillizzò: gli diede gli occhiali e si fece giurare che li avrebbe sempre indossati, in qualsiasi momento, senza fare domande perché doveva fidarsi di lei, che lo stava facendo unicamente per il suo bene. Il ragazzo avrebbe voluto parlare e fare mille domande, tanto era stupito da quel discorso della madre, ma in ossequio alla promessa fattale. Indossò gli occhiali e tacque. La fine di Gertrude non tardò ad arrivare, e proprio in quella circostanza gli occhiali palesarono il loro grande potere: Paolo non versò una lacrima per la morte della madre, anche se il suo animo continuò ad essere amorevole e compassionevole verso la donna fino alla fine. Era come se vivesse tutto con un metodico distacco, senza mai un coinvolgimento emotivo; non era diventato né arido e né cattivo, perché la sua personalità era rimasta inalterata da quella sorta di incantesimo continuando ad essere il ragazzo dolce di sempre, ma la sua anima non avrebbe mai arso al sacro fuoco della passione sia nel bene che nel male. Il tempo passò inesorabilmente, Paolo ormai un uomo felice e allegro, aveva mantenuto fede alla promessa fatta alla madre e continuava a portare assiduamente gli occhiali. La sua vita scorreva senza intoppi: mai un litigio, mai un’inimicizia, mai un’ingiustizia, almeno ai suoi occhi, che continuavano sempre a sorridere. Quel sorriso perpetuo attirò le attenzioni di una fanciulla del paese che aveva pressappoco la sua età. I due cominciarono a frequentarsi e così a poco a poco, si conobbero meglio. Ella fu subito presa da quel giovanotto affascinante così allegro e amabile, nonostante le dure prove che aveva dovuto affrontare: nato orfano di padre, poi orfano di madre, cresciuto in solitudine contando sulle sue sole forze, eppure così pacato, senza una briciola di risentimento contro la vita; per la ragazza tutto questo appariva più che ammirevole. Qualsiasi altra persona al suo posto, ella pensò, si sarebbe imbruttita e inaridita: lui no. Questa riflessione di lei non faceva altro che aumentare a livelli esponenziali il fascino di Paolo. Finalmente i due si sposarono con estrema gioia di tutti. Un giorno mentre Paolo era in cantiere, lui lavorava come carpentiere in un cantiere navale, ci fu un tremendo crollo delle impalcature dove si trovavano alcuni operai tra cui lui. Nella caduta perse gli occhiali che andarono distrutti, e Paolo sempre memore di quel giuramento chiuse gli occhi, dopo di che cadde in uno stato di incoscienza. Si risveglio in ospedale in condizioni gravissime accanto a sua moglie. “Apri gli occhi Paolo”, furono le parole tremanti di lei; lui per amor suo aprì gli occhi e gli apparve la donna che aveva sposato e ne sentì subito la mancanza, in un misto di amore struggente e dolore lacerante. Iniziò a piangere, non l’aveva mai fatto e fu strano vederlo piangere anche per sua moglie. Pensò a sua madre, a come l’avesse protetto anche dopo la morte, a come quegli occhiali gli avessero impedito di piangerla come meritava, e per questo cominciò ad odiarli. Era la prima volta che provava un sentimento ostile verso qualcuno o qualcosa; intanto continuava a guardare la sua amata, non più con un distacco amorevole, ma terrorizzato dal pensiero di perderla, bruciando di desiderio per lei. Le sue ultime parole furono all’incirca queste: non sento più il distacco dalla vita ma un totale attaccamento ad essa, e mentre soffro per questa morte inaspettata gioisco ora più che mai attraverso i ricordi di una vita vissuta a metà, e tu mia cara non sei stata mai così bella ai miei occhi. In quel momento la donna ormai in lacrime capì che era arrivato il momento, quindi si affrettò a sussurrargli qualcosa all’orecchio. Poi Paolo serenamente spirò, col sorriso più bello che avesse mai fatto durante la sua breve vita con gli occhiali magici.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Cinzia Perrone, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: La corriera (Pubblicato il 13/05/2018 15:08:55 - visite: 168) »

:: La piccola designer (Pubblicato il 21/12/2016 11:00:29 - visite: 358) »

:: Il percorso della vita (Pubblicato il 16/12/2016 17:35:37 - visite: 421) »

:: Un dono speciale (Pubblicato il 15/12/2016 17:49:54 - visite: 310) »

:: Il fiore, il fungo e la piantina (Pubblicato il 15/12/2016 17:12:02 - visite: 281) »