Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 881 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jul 11 10:49:16 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

ritratto del mattino

di Vlad
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/05/2013 18:06:30

Che il focolare della notte

sia forma di scissione

l’addio del giorno

è sospeso nell’indice della fiamma

 

che puoi consolare  solo sciogliendo

la tua voce  nel mio sguardo.

 

Provo a scappare, sfregato sulle rotaie

di un treno che non ha mai pensato

di urlare il viaggio, ma le vertebre del cielo

 

conoscono chirurgie della mente

che sanno calcolare ogni tuo pensiero

 

al  secondo. Del tran e tran perverso

 

io, ritratto del mattino, creo

maschere del momento,

e pettino l’aria di frammenti

di sosta io, sto in qualcosa

che concepisca un fondo,

perché i morti amano le luci basse.

 

Io sono una voce che non si ascolta.

Sono il silenzio che procede in eco

ogni sua conquista. Sono il freddo

adoperarsi di una miseria

che si fa luce in bocca.

 

Di una ruggine dei tuoi pensieri,

che fece d’oro ogni mia parola,

sono una cosa consumata

che aspetta di salire sotto terra.

 

La libertà è solo ciò che resta.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Vlad, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Vlad, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: serapione (Pubblicato il 24/09/2016 00:43:14 - visite: 402) »

:: amai (Pubblicato il 08/08/2015 02:22:19 - visite: 536) »

:: amo te e i tuoi soldi (Pubblicato il 01/08/2015 00:39:56 - visite: 602) »

:: sposa (Pubblicato il 01/08/2015 00:33:18 - visite: 567) »

:: visita al cimitero (Pubblicato il 11/07/2015 14:52:01 - visite: 525) »

:: chi è che mi disse che strauss suona da dio? (Pubblicato il 11/07/2015 14:42:38 - visite: 543) »

:: in attesa di gutter (Pubblicato il 05/07/2015 00:24:56 - visite: 587) »

:: nei miei occhi è solo dipinta la tua voce (Pubblicato il 04/07/2015 02:17:39 - visite: 375) »

:: non dice mai che va via colui che non torna (Pubblicato il 04/07/2015 02:11:18 - visite: 363) »

:: il mio corpo è vergine da sempre (Pubblicato il 28/06/2015 01:19:44 - visite: 499) »