Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 920 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Oct 28 01:43:52 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Foto d’un pino marittimo morto

di Emanuele Zeta
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 24/09/2013 23:10:49

Nella trama
che racconta
un albero spoglio
e secco tracciato
a china
su un azzurro che si perde
già nel passato
c’è la suggestione di qualcosa
che per passare al vento
dalla terra, nel suo circolo svagato e senza orari,
costruiva paziente nei secoli
la giusta struttura radiante,
soltanto uno sterile
cerebralismo come un altro.
C’è la storia priva di morale
figurata nelle valli
e nei canyon e in certe
sassose mulattiere spraticate
soffocate da sterpi, che altri,
più o meno uomini di noi
(ciò è da stabilire)
avrebbero forse chiamato fiume
o torrente, fossero stati già pratici d’inventari;
c’è l’afasica epigrafe,
o sembra esserci,
del mito
su cui interrogano le bianche
pizie della nostra era
il mitocondrio renitente e in fondo ignaro,
soprattutto della renitenza.

In quell’incidentale monumento
a ciò che senza scampo
chiamiamo morte
si ripete l’intreccio medesimo
nascosto nella carne
del braccio e della mano
che scrivono per me,
lo stesso che s’espande dal collo
nella polposa testa che pensa
d’essere me,
punta più punta meno,
dove si registra momentaneo
un fluire senza fine che, mi dicono,
ha nome vita.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Emanuele Zeta, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Emanuele Zeta, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Il nome a malapena (Pubblicato il 28/11/2013 23:59:57 - visite: 863) »

:: Gli ultimi giorni (Pubblicato il 30/08/2013 10:44:03 - visite: 845) »

:: A est non andrò più. (Pubblicato il 28/07/2013 17:41:39 - visite: 638) »

:: Ritorno (Pubblicato il 24/05/2013 09:45:16 - visite: 774) »

:: Ospiti (Pubblicato il 21/05/2013 20:37:46 - visite: 894) »

:: Quello che conosco. (Pubblicato il 16/03/2013 22:08:19 - visite: 1078) »

:: Il mondo sta finendo (Pubblicato il 19/12/2012 13:26:00 - visite: 889) »

:: Sono la morte (Pubblicato il 28/10/2012 11:02:59 - visite: 1051) »

:: a (Pubblicato il 23/10/2012 21:30:17 - visite: 872) »

:: t (Pubblicato il 21/10/2012 20:10:49 - visite: 953) »