Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 298 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri May 24 06:43:48 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Mille e quarantacinque

di Emilia Filocamo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 04/03/2017 14:02:59

E' venuta già l'ora delle farfalle.

Si, dei lepidotteri in picchiata,

dei ronzii. E dello smielare.

L'ora che il mare avvampa

in cerchi di schiusa a riva,

e le gambe smettono l'inverno.

Tre o quattro volte ho sentito

già cambiarsi il cielo e le montagne,

con la faccia che hanno le cose

quando sanno arrivare un conto

diverso. E tutto respira senza affanno.

Dalla luna, invece, vengono tue notizie,

del tuo svernare, che un po' mi appartenne,

setaccio di un letargo strano, gelato 

e lieve, lento e micidiale.

Ti ho immaginato incastrato fra due

rocce, un utero senza gentilezza,

a dormire i giorni che ci hanno

appaiati, noi venuti da un corredo opposto.

E poi, d'improvviso, svelato.

Un'agitazione di bozzolo,

una fermentazione primaverile.

Senza più una sola forzatura,

una catena.

Come quando alzi il bicchiere

sotto cui tenevi prigioniere

due ali, non importa la fattura.

E dall'apnea, campana di morte

momentanea, incubatrice inversa,

fai venire finalmente via

il battaglio/ Icaro

che hai  provato a fare terrestre.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Emilia Filocamo, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Due Mila e uno (Pubblicato il 15/02/2018 11:24:17 - visite: 190) »

:: Due mila (Pubblicato il 24/01/2018 11:25:01 - visite: 180) »

:: Due Mila Uno (Pubblicato il 11/09/2017 18:14:09 - visite: 258) »

:: Due mila (Pubblicato il 17/08/2017 16:19:35 - visite: 230) »

:: Mille e quarantasette (Pubblicato il 18/04/2017 17:08:32 - visite: 347) »

:: Massimiliano (Pubblicato il 12/04/2017 20:57:15 - visite: 259) »

:: Mille e quarantasei (Pubblicato il 08/03/2017 20:24:10 - visite: 277) »

:: Mille e quarantaquattro (Pubblicato il 23/02/2017 17:08:49 - visite: 295) »

:: Mille e quarantatre (Pubblicato il 15/02/2017 19:31:11 - visite: 351) »

:: Mille e quarantadue (Pubblicato il 11/02/2017 20:26:30 - visite: 467) »