Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 903 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Sep 18 23:10:17 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La Fossa

di Maria Pace
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 15/12/2014 20:48:20

 

 

Un boato proveniente dalle gradinate troncò le parole sulla bocca del tribuno e l’attenzione di tutti tornò all’arena dove una dozzina di corpi giacevano per terra, morti o feriti; in piedi erano rimaste due sole coppie di combattenti: un lacqueator, che aveva già preso al laccio l’avversario e Valentinus che stava serrando Ostorio un po’ malfermo sulle gambe. Sdegnando i primi, l’interesse del pubblico si concentrò su questi due.

“Spedisci quel reziario a Caronte!” gridavano i sostenitori di Valentinus.

“Non avrai paura di quel secutore?” rispondevano quelli di Ostorio.

Non mancava, naturalmente il  sostegno degli amici; quelli veri.

“Forza Valentinus! - lo incitava Marco - Sei il più forte!”

“Valentinus! Valentinus!”  quello della piccola Keriat.

“Non dargli il fianco!... Attento alla destra. - e neppure mancavano gli avvertimeti di Milos. - Non sulla destra! Non sulla destra!...  “

Era la prima volta, forse, che il principe trace guardava dall’alto quella fossa insanguinata. Lui amava il rischio. Lui esultava quando sugli spalti i suoi tifosi urlavano di entusiasmo alla sua famosa “spaccata”. Quando, busto flesso e ginocchia protese, la rete appoggiata al braccio, quasi abbandonata sul fianco, aspettava l’attacco dell’avversario. Un atteggiamento che mandava in visibilio quella massa scatenata. La eccitava, creava confusione, la spingeva perfino a menar le mani.

E si eccitava anche lui al ruggito di quella belva. Belva più belva di tigri, tori e leoni. Belva che tanto più godeva quanto più lunghi erano gli spasimi dell’agonia di chi precipitava in quella fossa. Lo eccitava quel rombo finale di mille tuoni. Lo eccitava il silenzio precursore della lotta finale: il silenzio totale ed infinito delle decine di migliaia di respiri trattenuti.. l’attimo di estrema solitudine violentato dall’applauso intriso di piacere omicida. “Ahhh!” l’urlo che salì dalla fossa distolse Milos dalle sue emozioni: laggiù, il destino dei due gladiatori stava per compiersi.

Col braccio destro sollevato e pronto a lanciare la rete, Ostorio cercava di tenere lontano l’avversario con la punta del tridente.

Valentinus gli girava attorno saltellando allo  scopo  di afferrare un lembo della rete e tirarla a sé. Per farlo doveva ridurre al minimo la distanza e affrontare il tridente avversario. Con una mossa fulminea cancellò quella distanza  e tese in avanti un braccio.  Il primo dei tre denti, però, strisciò sul suo scudo e riuscì a raggiungere il braccio e squarciargli il muscolo.

“Ahhh!” Valentinus cacciò un urlo; l’intera tribuna fece lo stesso, poi balzò in piedi.

“Ferita leggera.” gridò il magnifico atleta, mentre, con un formidabile colpo di reni arretrava di un paio di metri.

 L’avversario incalzò; egli arretrò ancora. Di due o tre passi.

Ostorio imprecò, ma parve tornare baldanzoso.

“Scappi come un coniglio?” cercò di provocarlo.

Valentinus non rispose e il reziario tornò all’attacco. Puntò il tridente, ma questa volta la parmula di Valentinus riuscì a sviarlo. Fu Ostorio ad arretrare adesso e Valentinus ad incalzare,  riuscendo non solo a schivare il suo tridente, ma con un colpo secco dello scudo a farglielo volar via dalle mani.

Disarmato, Ostorio tentò l’unica carta: sollevò il braccio destro e lanciò la rete, che sibilò nell’aria sopra la testa di Valentinus.

La folla gridava dagli spalti: lo vedeva già in trappola come un beccaccino del Tevere. Guardava la rete quasi sospesa sul  capo.

Trattennero il fiato per seguirne la mossa azzardata, disperata, audace: invece di arretrare, Valentinus si fece avanti. Sotto la rete. Avanzò curvo, poi retrocesse con un formidabile colpo di reni. Non prima, però, di aver conficcato il suo gladio nel fianco destro dell’avversario.  La rete si afflosciò per terra sfiorandogli la spalla.

Premendosi il fianco, Ostorio si chinò a raccoglierla e la issò sulla spalla sinistra. Guardò anche in direzione del tridente, con l’intenzione evidente di recuperarlo.

Lo capì la folla, lo capirono i suoi sostenitori:

“Il tridente ! - gli gridarono - Prendi il tridente e infilza quel beccaccino di un secutore!”

Lo capì anche Valentinus che partì all’attacco.

Di nuovo l’uno di fronte all’altro; il braccio di Valentinus sanguinava vistosamente, ma anche il fianco di Ostorio.

Seguirono      lunghi attimi di  immobilità, nel silenzio più assoluto sceso sugli spalti e nell’arena poi Ostorio indietreggiò, sempre con lo sguardo fisso sul tridente a pochi passi da lui. Tentò di recuperarlo, ma senza riuscirvi. Più volte.

Tentò per l’ennesima volta, ma non riuscì ad evitare che l’affilatissima lama del gladio di Valentinus producesse un lungo squarcio alla rete appesa al braccio.  Divisa in due tronconi, un lembo scivolò per terra. Ostorio si chinò per raccoglierlo.

Valentinus  gli assestò sul capo una grossa piattonata con la lama.

Ostorio barcollò. Annaspò. Un guizzo d’orgoglio lo raddrizzò. Tentò una volta ancora di recuperare il tridente, ma l’avversario lo prevenne e con un calcio mandò l’arma lontano da lui.

Trascinandosi dietro il moncone della rete, Ostorio retrocesse barcollando. Il sangue gli usciva copioso dalla ferita, rigando il suolo cosparso di armi e corpi agonizzanti o morti. Cadde, infine, sul ginocchio sinistro poi rovescioni per terra.

Valentinus gli si avvicinò, gli pose un piede sul ventre.

Ostorio si sollevò su un braccio e tese in avanti il petto.

Valentinus aspettò il verdetto della folla e di Cesare: pollice verso.

 

 

“Mi dispiace, amico!” disse.

“Non  dispiacerti troppo! - agonizzò l’altro e con un ultimo guizzo

di rabbioso orgoglio raccolse le ultime forze assieme a un pugnale lasciato a terra da qualche altro disgraziato e  lo conficcò nel petto dell’avversario proprio mentre questi stava per vibrare il colpo mortale - Ti porto con me nell’Averno!”

L’urlo di disappunto della folla raggiunse il cielo.

Senza un gemito Valentinus si accasciò sul corpo dell’avversario confondendo  gli ultimi palpiti di vita con quelli di lui.

Giunsero i lorari con uncini e barelle per trascinar via i corpi dei vinti e dei vincitori.

La folla aveva smesso di rumoreggiare. 

(continua)

brano tratto da   "LA DECIMA LEGIONE - Panem et Circenses"  

di MARIA PACE

presso le migliori librerie o direttamente alla EDITRICE MONTECOVELLO

oppure da richiedere on line preso:

 - IBS.it

- webster.it

- Libreriauniversitaria.it

- Deastore.com

- net-ebook

. Omniabuk.com

- Wuz.it





« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Maria Pace, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Maria Pace, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Djoser (Pubblicato il 10/08/2019 14:43:30 - visite: 202) »

:: ROMA ANTICA - I Protagonisti vo. I (Pubblicato il 18/09/2018 14:29:06 - visite: 266) »

:: TARQUINIO IL SUPERBO... e il cocchio di Tullia Minore (Pubblicato il 17/09/2018 18:37:40 - visite: 264) »

:: Nella fossa (Pubblicato il 13/09/2015 19:19:06 - visite: 937) »

:: La Violenza - (Pubblicato il 06/09/2015 12:26:28 - visite: 683) »

:: LA DECIMA LEGIONE - Sulla via per Gerusalemme - vol. II (Pubblicato il 06/09/2015 12:22:23 - visite: 806) »

:: Sogno (Pubblicato il 05/03/2015 19:01:11 - visite: 841) »

:: La Frusta di Allah (Pubblicato il 07/10/2014 13:58:38 - visite: 758) »

:: Nel cantiere della Piramide di KAFRA (Kefren) (Pubblicato il 24/07/2014 03:33:00 - visite: 1174) »

:: Ombre e Gelosie (Pubblicato il 18/07/2014 08:23:26 - visite: 1215) »