:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 126 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat May 28 23:47:52 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Tamerisco XVI

di Salvatore Solinas
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 25/01/2022 14:22:37

XVI

 

Preoccupazioni del commissario Tango




Un dì si venne a me Malinconia / e disse: “Io voglio un poco stare teco”.

Il primo verso di questa bellissima poesia di Dante Alighieri, che per me potrebbe essere il testo di una canzone francese dell’epoca della Piaf e di Sartre, stava a titolo di un libricino che trovai sui tavoli di un congresso di Psicologia che si teneva nelle sale attigue alla biblioteca.

L’acquistai senza sapere di che cosa trattasse, soltanto attratto dal titolo. Quante volte acquistiamo un libro perché ci piace il titolo o il disegno sulla copertina: 

“I fiori del male” di Baudelaire, per esempio, è in prima fila sui banchi di tutte le librerie. Chi, pur non avendo mai letto una poesia, non ha comprato quel libro? E magari qualche anno dopo, dimenticatosi di possederlo, lo ha acquistato di nuovo.

Così tutti noi ci troviamo a possedere almeno due o tre edizioni di “Les fleurs du mal” avendone letto se va bene due o tre poesie.

La fortuna presso il grande pubblico e la sua diffusione, pur non essendo un testo di facile lettura, sta nel felice ossimoro costituito dai fiori e dal male, e dal fascino che la malvagità esercita sulla nostra anima.

Così a causa del bel verso di Dante in copertina non seppi resistere all’impulso di acquistare il libro. Quando lo sfogliai capii che l’argomento era difficile e complesso e richiedeva una lettura attenta e continua, non frammentaria e superficiale, come usa essere la mia. Decisi pertanto di dedicargli il tempo delle vacanze. Proposito che non ho mai mantenuto, sebbene siano passati alcuni anni e parecchi periodi di ferie.

Fu nelle prime pagine di questo libro che trovai la considerazione che gli antichi Greci, fino al quinto secolo AC., non avevano la nozione del corpo come un tutt’uno, come armonia delle parti. Essi, bensì, concepivano le parti del corpo a seconda della loro funzione: la pelle come involucro, gli arti per il sostegno e la motricità, la psiche  era pneuma, cioè respiro. Essa era parte fisica del corpo e fuggiva con l’ultimo respiro, oppure col sangue, dalla ferita mortale, per divenire ombra nell’Ade.

Il soma, il corpo intero, era il cadavere inerte. Soltanto dopo il quinto secolo, i Greci acquistarono un’immagine unitaria e armoniosa del corpo umano. La Psiche divenne allora anima immortale, in un certo senso antagonista del corpo stesso.

Facevo pressappoco questi pensieri una mattina in bagno mentre mi sbarbavo, operazione che per me è fonte e occasione di profonda meditazione. Mi dissi che ero un greco arcaico, che dovevo evolvermi, progredire; dovevo considerare Adelina come un’armonia, un bel corpo di donna viva, con un’anima ricca e interessante. Consideravo che se avessi raggiunto a letto una forma così elevata di civiltà, sicuramente il nostro rapporto ne avrebbe tratto un notevole giovamento, sia per quanto riguardava l’attrazione puramente fisica, sia per l’amore spirituale. Questi due processi dovevano incontrarsi a letto: la mia anima doveva baciare il corpo di Adelina, il mio corpo doveva baciare  la sua anima. Come fare? Decisi di parlarne con lei nei termini chiari, come ora ne ho riferito.

Stavo appunto sbarbandomi quando una scampanellata nervosa mi distolse bruscamente dalle meditazioni. Andai alla porta: era Gina in veste da camera, il viso sfatto e assonnato. “Mi sono alzata all’alba per te” Mi disse con aria di rimprovero “Per parlarti. Ieri è venuta quella ragazza bionda, molto bella, ti cercava, aveva premura. Io non sapevo dov’eri né come cercarti. Avevi il cellulare spento. Così è andata via. Era molto agitata” Mi disse con un tono come se fosse stato mio dovere informarla d’ogni recapito; mi sentii colpevole di avere spento il cellulare, quasi a volermi nascondere, a volere interrompere il cordone ombelicale che mi teneva legato alle sue premure materne. 

“Quale ragazza?” Domandai cercando di capire, infastidito da quel gusto di fare indovinelli e misteri che spesso Gina aveva per mettere in imbarazzo l’interlocutore. Mi irritava quell’aria da vittima, quando poi si capiva chiaramente che spesso voleva trarne un suo tornaconto.

“Quella ragazza bellissima che era venuta a trovarti proprio la sera che ti ho portato l’opera” Disse indicando il monolito.

Era dunque venuta a cercarmi Susanna dicendo d’avere urgente bisogno di me. Lo stupore mi aveva fatto seccare il sapone da barba sul viso. Ero uscito da casa con la faccia rasata per metà. Completai la rasatura nel gabinetto della biblioteca con una lametta comprata strada facendo in un tabacchino. Adelina aveva riso vedendomi conciato in quel modo. Le raccontai della visita di Gina e lei disse che forse avrei dovuto avvertire Tango. 

Michele venne a trovarmi in Biblioteca e questa volta andammo a prendere un caffè al bar di fronte; passeggiammo sul marciapiede percorrendo un centinaio di metri. 

Era visibilmente preoccupato: “Vedi, più che Pietro e Maria, mi preoccupa Susanna. Sembra che l’abbiano presa di mira. Non credo che vogliano punirla perché ha aiutato Pietro. Per quanto possano essere pazzi e criminali, questo non può essere il solo motivo”

Fece una lunga pausa ciondolando il capo quasi volesse contare le pietre che recingevano l’aiuola al bordo del marciapiede. “Se torna da te, trattienila con una scusa e fammi uno squillo sul cellulare, intesi? Basta uno squillo”.





« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Salvatore Solinas, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Salvatore Solinas, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Tamerisco X seconda parte (Pubblicato il 27/05/2022 16:20:03 - visite: 12) »

:: Tamerisco IX seconda parte (Pubblicato il 21/05/2022 17:32:21 - visite: 17) »

:: Tamerisco VIII parte seconda (Pubblicato il 11/05/2022 11:25:14 - visite: 26) »

:: Tamerisco VII parte seconda (Pubblicato il 11/05/2022 08:50:31 - visite: 30) »

:: Tamerisco VI seconda parte (Pubblicato il 26/04/2022 16:51:11 - visite: 41) »

:: Tamerisco V parte seconda (Pubblicato il 18/04/2022 07:59:50 - visite: 44) »

:: Tamerisco IV parte seconda (Pubblicato il 25/03/2022 07:10:41 - visite: 103) »

:: Tamerisco III parte seconda (Pubblicato il 17/03/2022 13:11:03 - visite: 140) »

:: Tamerisco II parte seconda (Pubblicato il 08/03/2022 16:58:58 - visite: 45) »

:: Tamerisco parte seconda (Pubblicato il 03/03/2022 14:49:17 - visite: 37) »