:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 360 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon May 17 20:04:41 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Stai parlando a te stesso (parte2)

di Piero Passaro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 04/11/2017 01:31:03

Cerchi continui negli insiemi di persone. Osservo la circonferenza, il raggio, il diametro occupati da individui. La ricerca si pone nell'armonia delle bocche, nell'armonia delle movenze di queste persone. Mentre mi passano vicino intuisco il loro deforme spostamento; mentre scambio con loro lo sguardo ho già in mente l'angolazione che le pupille e le palpebre prendono evitando lo sguardo.

Il problema principale è lo "stare". Esserci. Occupare quello spazio materico che l'esistenza ci ha consegnato gravandoci di questo. Avere nella mano un drink poi, è un altro problema contemplativo, tutti lo fanno e nessuno sa come. 

La festa prosegue ed io ancora oscillo terribilmente sulle considerazioni dei corpi che si agitano; ammassi di carne inconsapevoli o fuochi fatui che si agitano mescolandosi alla vita?

La domanda davvero mi attanaglia anche se offro da bere alla festeggiata, mi piace davvero - penso - ma è meschinità. Perchè alla fine sono interessato al rimando di un'idea perchè il rimando non deve porsi il problema dello "stare". Com'è possibile non amare quello che semplicemente "c'è" senza che lo "stare" lo inguatti? 

La mia folle ricerca del giusto contesto dev'essere il giusto armistizio tra la goliardica ed edonistica foga immotivata della situazione particolare e il tremendo rintoccare dell'inadeguatezza per ogni momento ed ogni cosa. 

Quel calore che mi faceva capire io non lo sento più; forse ha a che fare con l'uomo bendato che ho visto allo specchio l'altra mattina in bagno: "stai parlando a te stesso" mi ripeteva.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Piero Passaro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Piero Passaro, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Il prodotto audiovisivo seriale: parere non chiesto. (Pubblicato il 19/01/2018 20:54:32 - visite: 346) »

:: Questo non hai mai letto niente di Marx, Kant, Hegel e altri (Pubblicato il 07/01/2018 12:12:57 - visite: 439) »

:: Stai parlando a te stesso (parte3) (Pubblicato il 06/11/2017 23:26:20 - visite: 491) »

:: Stai parlando a te stesso (parte1) (Pubblicato il 29/10/2017 15:31:41 - visite: 388) »

:: Questo scritto è stato acconsentito ’dall’altro’ (Pubblicato il 15/05/2016 20:59:19 - visite: 624) »

:: Qual è il modo giusto di vivere? (Pubblicato il 07/04/2015 14:54:31 - visite: 1782) »

:: Considerazioni romantiche sulla musica di Beethoven (Pubblicato il 26/03/2015 15:50:55 - visite: 670) »

:: Onsoul (Pubblicato il 08/03/2015 19:11:47 - visite: 562) »

:: Non voglio imitarti ma apprezzarti ! (Pubblicato il 08/03/2015 18:52:23 - visite: 570) »

:: Discorso intorno alla mentalità delle famiglie di via Rossi (Pubblicato il 08/03/2015 18:50:10 - visite: 479) »