:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE CON LE NOSTRE LETTURE CONSIGLIATE
Il vuoto è pieno di poesia, articolo di Donato Di Stasi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 121 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Aug 4 01:46:44 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Pensiero costante

di Martin Palmadessa
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 09/04/2021 13:17:04

Osservando il mondo ti si scioglie il cervello.
E sempre quel cervello che torna.
Vedevo ieri sera un’intervista all’appena morto Franco Zeffirelli.
Diceva qualcosa del tipo: “L’Artista è la persona più vicina a Dio”...
Mi trova d'accordo.
A lui spetta raccontare ciò che vede e come lo vede, per far comprendere certe sfumature instabili che può vedere solo chi dentro ad una farfalla ci vede un uragano di latte.
Solo che non è una fortuna, non è un lavoro, è una disgraziatamente fottuta meraviglia che TI IMPONE di doverlo fare. Sei stato creato per quello.
Sei costantemente incinta e abortisci di continuo perché non hai tempo di mettere fuori le tue creature.
Quelle che arrivano, appena fuori dalle tue viscere non sono più tue, sono “OPERE” a disposizione delle coccinelle e degli illuminati, delle madri e dei figli, dei cretini e dei geni.
Parole che restano, che non chiedono fama, che devono correre come i pensieri e come foglie in balia della corrente che scende a valle.
Arterie reticolate di un pianeta liquido che appoggia le sue vene vicino ad uno specchio di acqua che ti lambisce i piedi se ti siedi sulla riva di un ruscello.
Il sangue della terra scorre più o meno color traslucido.
I colori sono i tuoi. Prendili.
A me spetta solo cercare di farteli vedere, annusare, mangiare, trasformarli o solo farti capire che c’è qualcosa da vedere. Servo a questo.
Non è questione di saperlo fare, è questione che qualcuno ti sussurra nelle orecchie qualcosa di un colore che tu devi decifrare e usare una biro per scriverlo.
Quello che esce è quello che tu sei.
Quello che gli altri leggeranno.
Alla fine del sorriso, quando metti il punto, sei daccapo.
Qualcuno sussurra ora... DEVO ANDARE A SCRIVERE.
 
©Martin Palmadessa - 18.07.2019


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Martin Palmadessa, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Martin Palmadessa, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: L’Amore ai tempi del coronavirus (Pubblicato il 30/04/2021 13:18:47 - visite: 107) »