Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 24 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Oct 22 12:21:49 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

a Berta

di Giulia Archer
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 04/09/2020 13:19:24

Non è tornata oggi la merla

che ieri sembrava cercarti

tra i rami del bosso

tua ombra

rubata alla canicola d’agosto

quando spossata poggiavi

la vellutata testa nella pozza

che d’acqua fresca rinnovavo a sera

perchè potessi bere senza fatica.

Il giardino è pieno di morti

che ancora convivono con me

consolando l’ultima neve

nell’addio di un marzo grigio

già profumato a dire

il nuovo rotondo ritorno

di rose ambiguamente amate

che non posso offrire.

Mi volgo a questi cieli velati

come a sentieri delle vostre voci

e allungo la mano a sfiorare

seta di fulvi mantelli :

accoglietemi in festa

come dopo ogni assenza

quando sarà per me

giunto il momento.

 Svolano intanto cince gioiose

e cardellini sui semi di girasole

offerti in dono.

Bisogna pur amare

in attesa di morire.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giulia Archer, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giulia Archer, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Vivo di rendita (Pubblicato il 04/09/2020 13:28:27 - visite: 46) »

:: Pioppi (Pubblicato il 04/09/2020 13:26:08 - visite: 36) »

:: Piemonte dal treno (Pubblicato il 04/09/2020 13:23:29 - visite: 34) »

:: Il calendario dell’Avvento (Pubblicato il 04/09/2020 13:15:27 - visite: 27) »

:: Ciminna (Pubblicato il 04/09/2020 13:10:51 - visite: 29) »

:: Il traduttore (Pubblicato il 09/01/2018 10:59:59 - visite: 291) »

:: Una giornata (Pubblicato il 09/01/2018 10:58:06 - visite: 164) »

:: Genova dal treno (2) (Pubblicato il 09/01/2018 10:52:05 - visite: 228) »

:: Genova dal treno (Pubblicato il 09/01/2018 10:48:19 - visite: 193) »

:: Luna (Pubblicato il 09/01/2018 10:42:01 - visite: 155) »