:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 classifica e vincitori del Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 151 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Aug 15 15:25:30 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Quaderno croato


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/04/2022 12:00:00

 

I

Laghi di Plitvice

 

Il primo giorno precipita sempre nello stesso punto

quella rapida che arriva all’incontro

del fiume bianco col fiume nero

e più ci pensiamo pronti e gli occhi scaltri

più gli aggettivi o bastano allo stupore:

il verde spinge al delirio le pupille

le spinge dentro i torrenti lacrimanti accanto ai piedi

nell’oscurità acheropita degli antri in sequenza

e nelle spelonche verticali scolpite

come da una mano capace di tutto.

 

Pure da qui sarà passato Giuda

e se non proprio quello dalle labbra ardenti

un Giuda qualunque si sarà perso

in questo reticolato mistero del rimorso.

I Laghi cascano nei laghi come fruste sui rami cedevoli

scorrono in altre acque e piovono così

eterni

perfettamente indenni.

 

 

 

VI

Šibenik

 

Ogni cosa come noi viene da altrove:

le colonne le sfingi le croci

le banconote nelle tasche, le bifore e il leone

i campanili conficcati come picche in attesa di teste

il furore di maestranze impiegate come fari da falene

e Venezia in filigrana.

 

Si allontanano sui barconi nell’acqua che scricchiola

poiché il nemico ottomano è perduto

coi suoi macellai dietro i baffoni spezzati

e nel fondo scolora Šibenik sulla malta silenziosa.

È come se facessero finta di niente

come se continuamente dovessero cancellare o fare esistere all’istante

forse un grido senza provenienza o forse un oggetto che è stato arma.

 

Non si vedono le piattaforme al largo

la melma contaminata attorno e non c’è eco di trivelle

o scarichi di fabbriche a schiumare

solo natanti troppo rasenti

e una panormaica di scogli e banchine.

 

 

[da Quaderno croato, Vanni Schiavoni, Fallone Editore]

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Fra le camere (Pubblicato il 09/07/2022 12:00:00 - visite: 106) »

:: Il mondo sul filo (Pubblicato il 27/06/2022 12:00:00 - visite: 88) »

:: Io non posso uscire dal mio pensiero (Pubblicato il 16/05/2022 12:00:00 - visite: 176) »

:: Morte del partigiano (Pubblicato il 25/04/2022 12:00:00 - visite: 125) »

:: Autobiografia del silenzio (Pubblicato il 11/04/2022 12:00:00 - visite: 294) »

:: Quattro inediti (anticipazione) (Pubblicato il 04/04/2022 12:00:00 - visite: 446) »

:: La pace senza vincitore e senza vinti (anticipazione) (Pubblicato il 28/03/2022 12:00:00 - visite: 339) »

:: Poeti russi e ucraini (Pubblicato il 21/03/2022 12:00:00 - visite: 281) »

:: Memorie di un’avventuriera (Pubblicato il 07/03/2022 12:00:00 - visite: 152) »

:: O soldado morto (Pubblicato il 02/03/2022 10:20:00 - visite: 152) »