Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 573 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Sep 15 01:56:17 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La fase della vergogna

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 25/12/2015 06:17:46

L' importanza della mano destra nello slacciarsi una scarpa

i rumori a tempo nella stanza

si pensa: Ma Gesù, quando è nato, lo sapeva di essere Cristo

l' uomo fatto Dio?

Come lo può sapere un bambino.

Come lo può sapere un bambino?

Ma quando cresce e crede di avere imparato la differenza tra bene e male

comincia a vivere seguendo una sua morale 

che è il frutto di tutta la vita che ha vissuto

si potrebbe dire che comincia ad essere 

ma forse si comincia con l'essere e vivere vuol dire amare

Chi ha forgiato le nostre anime?

E i nostri corpi di passaggio, che ci fanno così male?

Chi mi presta le parole? Chi parla da un altare?

Stanotte lasciatemi stare ma siate con me

repetita iuvant, la programmazione neurolinguistica

che non sia un' arma

i messaggi di mio padre in punto di morte che resisteva per noi

ognuno ha le sue croci ma le radici forti fanno l' albero

e le sue foglie migliori.

Il vento ci consuma, è una meccanica divina!

Ah, prendi un respiro, un bel respiro di quelli di montagna

che ti aprono i polmoni con la forza dell' Abruzzo

poi ne riparliamo, con calma.

-Chi dorme in questo letto muore-

e mi rendo conto adesso perchè dormo sul divano e ho paura a scriverlo

ma lo scrivo lo stesso, perchè la paura si vince

è un dato di fatto, quindi può provarci chiunque

persino io.

La prigionia dura poco, è questione di attimi al secondo

ma che si ripetono.

Poi mi libero o mi liberano.

Come ci programmano i sogni?

Non parlare di cose tristi.

Ci insegnano a desiderare quello che decidono loro

per vendercelo. Qualcuno ci regala qualcosa

e magari noi ringraziamo quelli che ci fanno pagare

e non l' abbiamo mai visti

e ci scordiamo degli uomini che ci stanno vicini.

Che ci sopportano, che ci vogliono bene.

Fa parte di un gioco più grande di noi

e non ci fanno cambiare le regole?

Per adeguarle alla dimensione del massimo bene per tutti

che ci possiamo permettere?

(Mi sa di si)

Questo equilibrio dinamico a chi conviene?

Chi lo controlla? In che parte siamo liberi di scegliere e tra cosa?

Poi ognuno c' ha i suoi demoni

le sue resurrezioni nella carne ogni volta che chiede perdono

e torna da loro.

Tu immagina che se invece di chiedere perdono a dio 

andassi a chiedere perdono a tutti quelli a cui pensi di aver fatto del male

dopo un esame di coscienza

chissà quante persone rivedremmo che non vediamo da tempo

chissà quante le frequentiamo ancora tutti i giorni

quanto siamo onesti e quanto incide la memoria?

Come quello del telefilm che si scrive la lista.

Due pesi e due misure e ricomincia la rissa.

Se mai lo facessimo.

Questo freddo che sento è la mia contrada

tutto ha acquistato significato compresi quei suoni

e dopo tutto sono ancora io, ancora vivo

diverso da prima di qualche riga.

A cosa lo devo?

Se la vita fosse un miracolo di equilibri congiunti?

Non potremmo fare a meno di fare la nostra parte.

Decidessimo pure di tenere il profilo più basso.

Torna una calma che mi piace 

sento che nella sua camera mia madre dorme

e sto più tranquillo

ma se fossi da solo?

Dovrei avere almeno un cane

ma mi concederei un cane e un gatto

presi entrambi cuccioli a distanza di poco.

Per quanto riguarda il cane

al momento sono indeciso tra uno bello da adottare, se lo trovo

oppure quello africano con la cresta, da un allevamento serio

il gatto scelto tra quelli che hanno bisogno di un "appoggio"

si perchè i gatti so fatti così, raramente si affezionano.

Il cane maschio 

e il gatto femminuccia?

Certe tenerezze ci salvano la vita.

Anche se mi vergogno di quello che ho scritto

non lo cancello. Voglio dire, scrivere è terapia, adesso sto meglio

potrei pure cancellare tutto, tanto più che me ne vergogno.

Ma mi chiedo serve a qualcosa che qualcuno lo legga?

Sono le 555 quando mi viene voglia di vedere l' ora

e mia madre si sveglia 

io invece vado a dormire

come fosse Natale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Scacchiera con gatto bianco (Pubblicato il 30/11/2017 01:31:28 - visite: 238) »

:: Riflessione sui social network (Pubblicato il 25/07/2017 01:30:01 - visite: 236) »

:: Hello (Pubblicato il 08/06/2017 01:18:28 - visite: 277) »

:: senza titolo (Pubblicato il 06/06/2017 01:36:03 - visite: 271) »

:: sconclusionato (Pubblicato il 04/06/2017 02:31:19 - visite: 283) »

:: capitolo primo (Pubblicato il 31/05/2017 01:10:20 - visite: 328) »

:: Retrotesto (Pubblicato il 30/05/2017 01:20:52 - visite: 351) »

:: La scoperta del vento (Pubblicato il 17/05/2017 01:01:07 - visite: 316) »

:: La forma del respiro regolare (Pubblicato il 15/05/2017 04:42:32 - visite: 325) »

:: In libreria (Pubblicato il 21/10/2016 03:30:28 - visite: 497) »