Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 162 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jun 24 04:03:06 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Gibson

di Franco Bonvini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 23/06/2018 12:22:58

 

 

Gibson era il suo nickname.
Lo aveva scelto in memoria dei tempi andati e di quel pezzo di legno rosso che ancora conserva e lucida.
Le sue dita, una volta abbastanza agili su quella tastiera di legno, riuscivano sempre meno a seguire il pensiero perciò cominciarono a cercare su un' altra tastiera quello di cui aveva bisogno.
Che prezzo avrebbe dato ai suoi sogni?
Già.. perchè erano proprio i sogni quello di cui aveva bisogno e con le dita su quell' altra tastiera riusciva ancora a farlo.
Un biglietto per Tokio? Un click e via.
Per New york? un altro click.
Passava parecchio del suo tempo libero tra finestre aperte, applicazioni, siti strani.
All' improvviso una specie di animazione in flash sul monitor, un foglio bianco su cui scorreva una penna lasciando tracce nere e rosse, parole che aveva già sentito molto tempo prima e che forse vorrebbe ancora sentire.
Ma le lettere che componevano le parole ripresero ad animarsi e a mescolarsi fino a comporre una grande x con scritto sotto: clicca qui.
Click...
Si sentì scuotere mentre una voce gli diceva: ma come si fa ad addormentarsi sulla sedia? Dai vieni che è pronta la cena.
Lui era una persona tranquilla, sempre disponibile verso il prossimo, soprattutto con gli amici ed era molto difficile se non impossibile che qualcosa lo facesse arrabbiare.
C'erano però dei giorni nei quali era intrattabile, percepiva il mondo che gli stava intorno in un unico colore: Nero pece.
In quei momenti in cui precipiti nella delusione assoluta, é bello avere un amico vicino pronto a consolarti con una frase adeguata, e dall' altra parte di quella tastiera ce n' erano molti.
"Cavolo! ti é presa brutta, dammi retta lascia perdere, non ne vale la pena". Dopo quella frase Gibson abbassò lo sguardo e fissando la tastiera negli occhi scrisse: "Già, hai ragione devo fregarmene, non conta niente".
Era da qualche anno che Gibson affrontava in questo modo i suoi demoni, perché in fondo era di questo che si trattava: Paure.
Nel caso di Gibson, Il demone che non gli dava tregua era la paura della solitudine e del tempo.
Nei giorni in cui queste paure gli facevano visita, per allontanarle si rifugiava nei ricordi, ascoltava musica, o meglio guardava perchè erano quasi tutti dvd musicali dei suoi due figli, e sognava.
Fino al solito scossone e alla solita voce che diceva:
Dai Gib che domani devi andare a lavorare.
Uno sguardo all' orologio del pc: 02.35. Alzò il culo dalla sedia, andò a letto, si abbracciò alla moglie e riprese a sognare.
"Hey hey, my my, rock'n roll can never die".
Fuori dal nero, dentro al blu.

 

Quest' ultimo pezzetto è ispirato da una poesia in milanese: "me mader"

Gibson era ossessionato dal ricordo di quel foglio bianco su cui scorrevano parole familiari.
Aveva cercato parecchie volte di ritrovare quel sito dove aveva avuto inizio l' animazione.
Accompagnato dallo scorrere della musica girava la rete sperando di imbattersi ancora in quel foglio e magari riuscire a leggere tutto quello che c' era scritto.
Fino a quando si rese conto che forse non era arrivato dal doppino telefonico ma da un altro tipo di collegamento....una specie di sibilo mentale.
Allora chiuse gli occhi e piano il foglio cominciò a riapparire, e le scritte.... guardati c' era scritto come sei magro, mangia!, non far tardi la notte, e torna presto.
E rimproveri.
E amore.
Ma piano piano quelle scritte svanivano lasciando il foglio bianco e luminoso.
E allora cominciò a scriverci sopra.....guardami, come sono magro, non ho fame, faccio tardi la notte e dormo poco, dimmi che ho una brutta cera.
Ma le scritte svanivano lasciando il foglio bianco e allora lui ricominciava.
Ma lei non rispondeva.
E lui continuava.
E ancora continua.

Continua..


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Franco Bonvini, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Franco Bonvini, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Chi non ha mai seminato un’ alborella? (Pubblicato il 01/04/2019 09:01:50 - visite: 55) »

:: La merla (Pubblicato il 28/01/2019 13:56:38 - visite: 89) »

:: Rimorsi (Pubblicato il 06/08/2018 22:33:37 - visite: 145) »

:: Storie e intrecci (Pubblicato il 06/08/2018 22:31:31 - visite: 117) »

:: Evoluzioni (Rivista e riproposta) (Pubblicato il 28/02/2018 09:27:10 - visite: 149) »

:: Giardino segreto (Pubblicato il 07/02/2018 14:01:30 - visite: 209) »

:: Due piccole piume (Pubblicato il 18/01/2018 10:56:13 - visite: 178) »

:: Genti diverse (Pubblicato il 29/12/2017 11:01:05 - visite: 185) »

:: L’ Eritrea (Pubblicato il 28/08/2017 10:44:29 - visite: 362) »

:: Lettera d’ amore esagerata (Pubblicato il 16/01/2017 00:46:04 - visite: 377) »