Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 119 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Sep 18 08:49:43 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

la grotta

di Amabilino Michele
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 04/07/2018 10:59:37

LA GROTTA

RACCONTO

DI MICHELE AMABILINO

Era un territorio selvaggio con letti torrenziali asciutti,qua e là emergevano dal terreno speroni di rocce antichissime e vi crescevano in ordine sparso, gli ultimi esemplari di grandiose foreste di querce, un luogo in altri tempi popolato da foreste immense e da una ricca fauna, cinghiali, daini, orsi e cervi. Paolino era un ragazzetto di 11 anni dalla pelle olivastra, figlio di pastori, ultimo di 7 figli. Il suo lavoro, quello di portare al pascolo un gregge di pecore, unica ricchezza della famiglia. La scuola, la vita moderna, il benessere economico erano per lui echi lontani. Aveva portato con sé il suo cane meticcio di nome Billy, un cane di taglia media e bonario, di circa 6 anni e si rivolgeva spesso a lui, come ad un amico.

-Billy sono stanco, ora mi riposo un po’ – disse al suo cane – la vedi quella grotta lì ? Ci siamo passati tante volte vicino ma non l’abbiamo mai esplorata. Tu che ne dici ? Il cane gli rispose abbaiando festoso e Paolino rise, di buon umore. La grotta, ai piedi di una collina era poco più che un piccolo foro nella roccia, quasi mimetizzata da cespugli di rovi, era conosciuta da tutti i pastori ma lui non l’aveva mai esplorata e così, per passare il tempo, aveva deciso di farlo. Sembrava piccola, poco più di un foro tra le pietre di una collina ma si sbagliava. Si dirisse con il suo cane verso la grotta lasciando incustodito il gregge di pecore, ma, avvicinandosi, notò il suo cane impuntare le zampe per terra e ringhiare. Il ragazzo si sorprese di questo e pensò a qualche presenza sgradevole, forse un cinghiale, allora si rivolse al suo cane un po’ intimidito :

-C’è qualcosa lì dentro, vero ? E’ un pericolo per noi ? Il cane continuò a ringhiare ma nonostante questo, il ragazzo si decise di esplorare la grotta. Si affacciò dentro, guardò in ogni direzione poi si rivolse al cane che era rimasto all’aperto : 

- Non c’è niente e tu sei un cane fifone…

Entrò dentro, si girò attorno, non c’era nessun pericolo e allora Billy perché era diventato nervoso ? Forse aveva percepito la presenza di un topo ? Si voltò verso l’entrata della grotta e vide il cane sparire ma non si preoccupò di questo e si concentrò ad osservare l’interno. Quasi a livello del terreno, notò un piccolo buco e allora tolse qualche pietra e così capì che dietro c’era uno spazio vuoto, incuriosito, spostò altre pietre e non potè immaginare il pericolo che si nascondeva dietro quella cavità nascosta. Ancora qualche pietra e altre ancora fino ad aprire un varco.

-Che c’è dietro ? – si disse e furono le sue ultime parole. Un urlo terribile si sentì fino all’esterno della grotta e questo bastò per fare fuggire il cane terrorizzato. Alcuni giorni dopo, le forze dell’ordine trovarono il corpo del ragazzo dilaniato da una sconosciuta belva, alcuni brandelli di pelle nera sul posto e pecore divorate ma non riuscirono a capire la natura della fiera che aveva fatto lo scempio. Alcuni mesi dopo i fatti accaduti qualcuno ben notò nelle locande dei paesi vicini, raccontò tra un bicchiere e l’altro, strane storie, di pipistrelli giganti e di draghi volanti, le solite storie di chi alticcio ha le traveggole. 1998


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Amabilino Michele, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Amabilino Michele, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: la casa della fortuna (Pubblicato il 07/02/2019 09:47:49 - visite: 104) »

:: una adorabile nonnina (Pubblicato il 16/10/2018 10:37:47 - visite: 94) »

:: Una Notte Senza Fine (Pubblicato il 06/06/2018 10:07:56 - visite: 194) »

:: Presenze (Pubblicato il 09/05/2018 11:15:36 - visite: 270) »

:: Il pianeta del silenzio (Pubblicato il 15/06/2017 17:06:35 - visite: 444) »

:: Bio-Ingegneria e robotica La scienza del futuro (Pubblicato il 29/12/2016 17:06:39 - visite: 513) »