Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Saggi
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1550 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Mar 2 11:21:32 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Studi sull’isteria d’Impero Romano - V

Argomento: Storia

di Giuseppe Paolo Mazzarello
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i saggi dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/06/2009 21:57:22

Studi sull'isteria d'Impero: i principi guerrieri del III° secolo AD
del Dr. Giuseppe Paolo Mazzarello

Hedwig is the snowly owl of Harry Potter-
Che cos'è la corruzione in un sistema politico? L'organizzazione sistematica dell'incapacità. Essa può essere primitiva o secondaria. Nel primo caso la capacità non è mai esistita se non per finta: la società è solo relativamente cresciuta in complessità. Nel secondo caso, essa esisteva in un passato che non è più fruttifero: restano i surrogati di variabile qualità. Gli imperatori Romani dovevano esistere per rendere possibili e rapidi i movimenti militari. Questi ultimi si verificavano lontano da Roma e non si ponevano molte alternative. L'imperatore era espresso dalle guarnigioni impegnate nelle operazioni. L'imperatore doveva essere sul posto od essere in grado di raggiungerlo. L'imperatore non aveva neppure una residenza stabile ma variabile in base alla sede delle operazioni. La capacità dell'imperatore era messa in discussione dalla Storia. La capacità della sua burocrazia non era messa in discussione da nessuno. L'imperatore poteva risolvere i problemi bellici e dedicarsi all'amministrazione. Se era bravo, le cose andavano bene. L'imperatore poteva essere sopraffatto dai problemi bellici e l'impero sarebbe caduto. La burocrazia, resa necessaria da un'azione imperiale civile a corrente alternata, non aveva nessuna forza in sè. Nessuna burocrazia ce l'ha mai. Essa dipende sempre dalla forza altrui. Anche dalla forza dei nemici del sistema per soppiantarlo e sostituirlo. Era quello che si apprestavano a fare i Goti in Occidente. I Persiani, non più solo Parti data la crescita della coalizione nelle loro terre, si limitarono a circoscrivere la presenza di Roma in Oriente non volendo misurarsi con la cultura Greca. Le condizioni per muovere il corso della Storia esistevano in tutte in queste premesse. Il mondo odierno non contiene alcuna premessa di movimento, infatti non si muove, ma gli elementi nuovi sopraggiungono sempre. E' solo questione di tempo. Decio morì in Mesia, impegnato in guerra coi Goti. Le legioni espressero Gallo che si accordò malamente col nemico e tornò a Roma. Escogitò la nomina di due imperatori associati, tornò in Mesia e non riuscì ad altro che a farsi ammazzare dai suoi ribelli soldati. Uscì fuori Emiliano. Egli aveva vinto i Goti a Kniva ma non convinse i suoi soldati che, dopo tre mesi, lo avevano già liquidato. E fu il turno di Valeriano, eletto in Gallia dove premevano i Franchi. Egli raggiunse l'Oriente ed inizialmente sconfisse i Persiani in Siria. Poi fu sconfitto ad Edessa e morì loro prigioniero. Era già stato suo associato ed, ora, divenne ordinario il figlio Gallieno. Aveva combattuto in Gallia ed in Tracia, si ripetè in Siria, dove pensò di associare l'arte della diplomazia a quella della guerra. Nominò Odenato, principe di Palmira in Siria, 'dux' dell'Oriente nel quale Mommsen vede un principio d'impero Romano colà residente. Protesse le arti e, se non i Cristiani, intavolò con loro qualche dialogo filosofico che sarà stato almeno un piacevole diversivo. Morì a Milano tradito da generali mentre era impegnato in una sua guerra privata. L'imperatore Claudio il Gotico sconfisse gli Alamanni sul Garda, ma intanto quelli erano già arrivati fin là. Massacrò i Goti a Naisso in Mesia, ma intanto quelli avevano già saccheggiato Grecia e Macedonia. Morì di peste in Pannonia, chè talvolta le malattie ne uccidevano quanto i pretoriani. L'imperatore, venuto dalla Pannonia, fu Aureliano. Dove prese tutta l'energia per correre da ogni dove, impugnando il gladio, se non dal glorioso passato della sua patria? Avevano fatto grandi cose, i Romani, e non era ancora il tempo di venderle ai saldi. Succeduto a Claudio II° dopo la breve presenza di Quintillo, il Magiaro sbattè fuori i Franchi dalla Gallia, i Vandali dalla sua Pannonia, gli Alamanni (udite, udite) da Piacenza, i Goti dai Balcani. Rimuovere la regina Zenobia da Palmira non dovette essere l'impresa più difficile. Costruì le belle mura Romane. Era troppo serio per i suoi ufficiali che lo uccisero vicino a Bisanzio. Tacito combattè in Asia Minore e si meritò il titolo di 'Gotichus maximus'. Curò la rete stradale ed anche per questo, nonostante appena un biennio di regno, si meriterebbe un'altra onorificenza. Un amministratore odierno non ce la farebbe neppure se durasse in carica un secolo. Rinforzò il potere giudiziario del senato, che almeno avrebbe fatto qualcosa. E dire che aveva una nazione percorsa da barbari armati, altro che clandestini affamati! Egli morì sulla strada per Roma. Seguirono negli anni: Floriano, Probo, Caro, Carino e Numeriano. Li abbiamo citati tutti perchè provenivano dai ranghi della truppa e comunque ce la misero tutta contro i nemici della patria, usurpatori compresi che nascevano come funghi qua e là per l'impero. Non tutti furono esempi di virtù. Comunque morirono sui campi di battaglia o negli accampamenti teatri di congiura e furono uomini prima o più che principi. Per questo li abbiamo inseriti tutti nel capitolo dedicato ai principi guerrieri.
'Oh, when you go to Africa
Happy, happy Africa
You live along like a king-o
Right in the jungle all alone' (Perez Prado).
E siamo giunti alla fine del AD 284.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giuseppe Paolo Mazzarello, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giuseppe Paolo Mazzarello, nella sezione Saggio, ha pubblicato anche:

:: [ Vari ] Del modo di trattare i popoli degli Stati Uniti (Pubblicato il 01/12/2013 19:51:59 - visite: 1451) »

:: [ Storia ] I Montecuccoli (Pubblicato il 16/09/2011 12:47:22 - visite: 1743) »

:: [ Storia ] Wallenstein (Pubblicato il 05/06/2011 01:49:15 - visite: 1356) »

:: [ Storia ] Gone with the Sea (Pubblicato il 07/05/2011 17:29:31 - visite: 1398) »

:: [ Storia ] Tell them Ambiorix is Here (Pubblicato il 02/05/2011 21:23:57 - visite: 1342) »

:: [ Storia ] Big Trouble In Little Italy (Pubblicato il 29/04/2011 20:14:47 - visite: 1303) »

:: [ Storia ] Sir Oliver Cromwell, breve biografia (Pubblicato il 19/12/2010 23:48:01 - visite: 1914) »

:: [ Arte religiosa ] Filippo Ape e l’approdo alle ’Grazie’ di Genova (Pubblicato il 01/06/2010 00:57:59 - visite: 1717) »

:: [ Arte religiosa ] Filippo Ape e un Santuario Genovese (Pubblicato il 13/05/2010 14:46:21 - visite: 1570) »

:: [ Storia ] L’uomo Cesare e l’indole valorosa (Pubblicato il 13/07/2009 22:01:29 - visite: 2045) »