Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Saggi
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1307 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Mar 3 08:31:45 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Studi sull’isteria d’Impero Romano - X

Argomento: Storia

di Giuseppe Paolo Mazzarello
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i saggi dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/06/2009 20:29:00

Studi sull'isteria d'Impero Romano: Roma è in Ginocchio
del Dr. Giuseppe Paolo Mazzarello

'Take a good look, my dear. It's a historic moment. You can tell your grandchildren how you watched the Old South disappear one night'
From 'Gone With the Wind' - 1939

Non crediamo che Rossella O'Hara ignorasse la realtà. Le crisi collettive accompagnano sempre quelle interiori, i bisogni materiali ricevono desideri che risalgono al passato, emergono i ricordi delle perdite. Le donne pagano duramente il prezzo per la femminilità: sono tentate di monetizzarla che, più che svilirla, significa perderla. Di fronte all'esigenza di essere attivi, gli uomini si accorgono di quanto pesi sull'identità. Se il mondo non ti sostiene, ce la farai da solo? E', più o meno, quanto devono essersi chiesto gli imperatori Illirici di questa generazione. Lo era Gioviano che morì nei pressi di Ankara ed aprì il problema della successione. Il consesso competente fu il bivacco delle bande a Nicea che provvide ad una elezione che favorì Valentiniano. L'imperatore eletto non era sul posto e neppure lo fu, subito partendo per le regioni tra Reno e Danubio. Quivi i popoli residenti non avevano goduto delle prebende attese dalla conquista Persiana prematuramente interrotta. Si riversarono nei territori Romani e l'imperatore difese le sue proprietà. Quelle Orientali le consegnò al fratello Valente: l'impero riprendeva a sdoppiarsi.Valentiniano era un bravo soldato e risiedette a Treviri. Valente era votato alla scienza delle finanze che conosce buone vocazioni meno di quella della guerra. Egli provò a risiedere a Costantinopoli dopo avere annientato l'usurpatore Procopio. In pratica, dovette raddoppiare gli sforzi del fratello nelle terre infiammate dalle contese. Valentiniano morì e gli succedette il figlio Graziano di 8 anni che, fortunatamente, era accudito da una madre invece che dagli enti locali. La Signora non voleva fare preferenze e, così, associò al trono anche l'altro figlio Valentiniano II°. Sul trono d'Oriente nominalmente restava Valente, che materialmente nel AD 378 si trovò nei pressi di Adrianopoli. Lo svolgimento di una battaglia riassume quello di una fase storica. Valente comandava un esercito che fronteggiava quello dei Goti grande il doppio. Di spontanea volontà, gli arcieri Romani a cavallo decisero di attaccare il nemico. Si staccarono dalla loro ala sinistra, il resto della cavalleria non li seguì. Alla cavalleria Gota fu offerto un successo insperato. A sua volta, essa attaccò la fanteria Romana che era disposta immota in campo aperto. Fu un'ecatombe. Arcieri ansiosi si erano mossi anzitempo, fanti depressi non si erano mossi affatto. Dietro questo non ci furono gli errori di un imperatore strappato alla sua amata legge finanziaria ma una nazione esausta dallo spopolamento e dall'esaurimento delle risorse. La personalità imperiale fu valida anche nella circostanza avversa e lo dimostrò accettando la morte. In 'Guerra e Pace', Tolstoj spiegherà la dinamica delle azioni collettive laddove, per timore che la loro onnipotenza non esista, tutti si affannano a cercare nei singoli colpevoli e responsabili. Onnipotente è solo il Padreterno. Le preghiere a Lui rivolte provenivano ormai da entrambi gli eserciti, divisi in campo ma uniti in chiesa. Ulfila era il vescovo dei Goti e tradusse la Bibbia in Tedesco, Atanasio ritornò nella sua diocesi dimostrando di che tempra era fatto un vescovo. Ma erano veramenti perdenti gli imperatori Illirici? Adrianopoli aprì le porte Danubiane alle immigrazioni di massa e queste furono le vere vincitrici. I due fratelli imperatori andarono sufficientemente d'accordo e dire che si erano trovati, tra capo e collo, guai mica da poco. L'unità della famiglia era stata messa alla prova. La famiglia Romana, sia pure quello che rimaneva di essa, restava unita.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giuseppe Paolo Mazzarello, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giuseppe Paolo Mazzarello, nella sezione Saggio, ha pubblicato anche:

:: [ Vari ] Del modo di trattare i popoli degli Stati Uniti (Pubblicato il 01/12/2013 19:51:59 - visite: 1451) »

:: [ Storia ] I Montecuccoli (Pubblicato il 16/09/2011 12:47:22 - visite: 1742) »

:: [ Storia ] Wallenstein (Pubblicato il 05/06/2011 01:49:15 - visite: 1355) »

:: [ Storia ] Gone with the Sea (Pubblicato il 07/05/2011 17:29:31 - visite: 1398) »

:: [ Storia ] Tell them Ambiorix is Here (Pubblicato il 02/05/2011 21:23:57 - visite: 1342) »

:: [ Storia ] Big Trouble In Little Italy (Pubblicato il 29/04/2011 20:14:47 - visite: 1302) »

:: [ Storia ] Sir Oliver Cromwell, breve biografia (Pubblicato il 19/12/2010 23:48:01 - visite: 1914) »

:: [ Arte religiosa ] Filippo Ape e l’approdo alle ’Grazie’ di Genova (Pubblicato il 01/06/2010 00:57:59 - visite: 1717) »

:: [ Arte religiosa ] Filippo Ape e un Santuario Genovese (Pubblicato il 13/05/2010 14:46:21 - visite: 1570) »

:: [ Storia ] L’uomo Cesare e l’indole valorosa (Pubblicato il 13/07/2009 22:01:29 - visite: 2044) »