Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Saggi
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1485 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Mar 3 06:39:59 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Studi sull’isteria d’Impero Romano - XI

Argomento: Storia

di Giuseppe Paolo Mazzarello
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i saggi dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 03/07/2009 16:38:01

Studi sull'isteria d'Impero: La Ricostruzione di Roma
del Dr. Giuseppe Paolo Mazzarello

'Il Curatore sembra un buon diavolo,
oggi mi ha offerto anche un caffè:
mi ha poi sorriso dato che ero un po' giù..
e siam rimasti lì, chiusi in noi, sempre di più..
Da. 'La Ricostruzione Del Mocambo' di Paolo Conte

Abbiamo visto che alcuni diventano buoni soldati, atri in minor numero sono buoni amministratori. Tra i buoni curatori fallimentari, l'unico che ricordiamo è Teodosio. Prenderemmo a prestito le parole di Foscolo: 'Celeste dote è negli umani' per attribuirla a chi riconosce nelle ristrettezze attuali semplici manifestazioni naturali. Le vette della Grecia non sono così difficili da salire. Occorrono buone guide che, a cercarle, si trovano. Leopardi notò che ci 'fere il sol che tra lontani monti cadendo si dilegua e par che dica che la beata gioventù vien meno'. Lo avrà pensato anche Graziano quando riattivò la facoltà di un augusto a proporre la nomina dell'altro. Dall'Occidente, egli inviò Teodosio a contabilizzare le perdite di Tracia e Mesia. Il liquidatore parlò ai Goti. Avete ora le strade, gli acquedotti e le fogne: sapete curare l'amministrazione pubblica necessaria al buon funzionamento dei servizi? Tralasciamo le nostre sconfitte, rinunciamo ad attaccarvi ancora, ma non a vendervi l'organizzazione che vi manca. I Goti divennero così 'foederati' accettarono pure di pagare le tasse. Per qualcosa che vale, uno spende volentieri. I Goti avevano il senso della giustizia ed il loro sovrano era chiamato: 'judex regum'. Il grande fallimentarista alienò parte dell'Armenia ai Persiani, gli avrà venduto anche quella invece di farsi propinare qualche loro mercanzia a peso d'oro. Nel suo libro 'The Great Crash', John Kenneth Galbraith scrisse intorno all crisi finanziaria del 1929. Lo studioso richiama al valore storico della memoria, ma sappiamo che la Storia si dimentica volentieri. A meno che essa non venga vissuta, o rivissuta, sulla propria pelle. Non vorremmo che il mondo Anglosassone mantenesse le distanze dalle esperienze dei sensi. Teodosio elaborò bene le percezioni ed ottenne un buon tono dell'umore, che non può essere tale se si trascura il corpo. 'Buon corpo di sir John, ch'io nutro e sazio,/ Va', ti ringrazio' canta il Falstaff verdiano e noi ringraziamo l'imperatore. Imperatore che restò ben presto solo, poiché Graziano prima e Valentiniano poi rimasero vittime delle congiure di usurpatori vari. Un perito fallimentare non si scompone e Teodosio avrebbe apprezzato i versi di Dante: 'Fama di loro il mondo esser non lassa;/ misericordia e giustizia li sdegna:/ non ragioniam di lor, ma guarda e passa'. Egli ragionò invece sulla propria successione a favore dei figli: Onorio per Occidente ed Arcadio per l'Oriente. Così da potere trapassare in pace in AD 395. Non rimasero in pace le 'universae gentes Gothorum'. Non potevano, non avendo una terra dove vivere da emigranti assorbiti nella cultura Romana se non nei suoi programmi. Quanto ai programmi Romani, non è difficile comprenderli. Volevano dare una onorevole sepoltura al braccio secolare della cultura Romana ed a questo servì, in AD 405, trasferire la capitale Occidentale a Ravenna. . In Oriente, la capitale restava sempre nello stesso posto e, in AD 408 per successione del padre Arcadio, vi si insediò Teodosio II°. Siccome era un bimbo, per un po' lasciò governare la sorella grande. Cresciuto, se la prese col Papa e si occupò di comporre un corpo di leggi che sarà secondo solo a quello di Giustiniano. A Ravenna, Onorio lasciava condurre la politica estera a Stilico. Era, quest'ultimo, un militare in cerca d'autore e trovò il suo ruolo come 'generalissimus'. Non basta il superlativo a fare di qualcuno un imperatore d'appoggio perchè il super generale nasce quando manca il sovrano al quale appoggiarsi. Stilico si appoggiò al re dei Goti, Alarico, che oramai era socio dell'Occidente. Egli scese in Italia, fece il sacco di Roma nel 410 e andò a morire al Sud trovando una tomba artigianale sul fondo del Busento. Con l'operazione 'Alarico', la 'Wermacht' occupò Italia e Roma dopo l'otto Settembre 1943. Nel 'Terzo Reich' si apprendeva la storia meglio che nell'Ultimo Regno. Il nuovo re Goto fu Ataulfoche sposò la figlia di Teodosio I°, Galla Placidia. La bella sposa si recò da Onorio, laddove il Po 's'insala' e, per il suo nuovo popolo, ottenne in dote l'Aquitania. 'L'antico valore' non era ancora morto.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giuseppe Paolo Mazzarello, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giuseppe Paolo Mazzarello, nella sezione Saggio, ha pubblicato anche:

:: [ Vari ] Del modo di trattare i popoli degli Stati Uniti (Pubblicato il 01/12/2013 19:51:59 - visite: 1451) »

:: [ Storia ] I Montecuccoli (Pubblicato il 16/09/2011 12:47:22 - visite: 1742) »

:: [ Storia ] Wallenstein (Pubblicato il 05/06/2011 01:49:15 - visite: 1355) »

:: [ Storia ] Gone with the Sea (Pubblicato il 07/05/2011 17:29:31 - visite: 1398) »

:: [ Storia ] Tell them Ambiorix is Here (Pubblicato il 02/05/2011 21:23:57 - visite: 1342) »

:: [ Storia ] Big Trouble In Little Italy (Pubblicato il 29/04/2011 20:14:47 - visite: 1302) »

:: [ Storia ] Sir Oliver Cromwell, breve biografia (Pubblicato il 19/12/2010 23:48:01 - visite: 1914) »

:: [ Arte religiosa ] Filippo Ape e l’approdo alle ’Grazie’ di Genova (Pubblicato il 01/06/2010 00:57:59 - visite: 1717) »

:: [ Arte religiosa ] Filippo Ape e un Santuario Genovese (Pubblicato il 13/05/2010 14:46:21 - visite: 1570) »

:: [ Storia ] L’uomo Cesare e l’indole valorosa (Pubblicato il 13/07/2009 22:01:29 - visite: 2044) »