:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 139 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jun 18 10:53:46 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Bla, bla, bla … la ‘Nana’ di Picasso.

Argomento: Società

di Giorgio Mancinelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 15/05/2024 11:53:31

Bla, bla, bla … la ‘Nana’ di Picasso.

Ogni riferimento è 'volutamente' casuale.

 

Può sembrare strano (ma non lo è affatto) come certe somiglianze si protraggono nel tempo da farle sembrare redivive nei lineamenti, nei gesti, finanche nei modi che accompagnano il proprio dire. Per quanto l’autenticità in un ritratto è tutt’altra cosa, oggigiorno la trasformazione è accessibile a tutti, per non dire il mascheramento, grazie al quale si può addirittura assumere un’altra identità da quel che si è, e che poi ha la stessa funzione del travestimento tout court. Allora i capelli da bruni diventano biondi, il colore degli occhi da gialli diventano celesti, si ritocca la bocca il naso e gli zigomi, il seno così come le cosce e non solo, dacché le gambe a X stese e coperte da pantaloni palazzo (case basse), finanche si rivede la mancata crescita in altezza che tacchi da 18/21 danno maggiore slancio alla figura, per quanto se si è quel che si è, c'è poco da fare. Del resto “Ognuno ha il suo destino nell’attuale società, terra di metamorfosi, come il presente si infiltra nel passato nessuno mai conserva la sua immagine” – scrive (più o meno) C. Ransmayr. Ma, come in tutte le cose c’è sempre un ma che và  ad aggiungersi ad un voluto non-essere quel che si è. Per quanto, vorrei qui sottolineare che se è pur vero che guardarsi allo specchio può far male, ogni tanto fin troppo male a chi pensa di poter mentire a se stessa, rimane che se sei nana comunque manchi di personalità e non basta alzare il tono di voce per sentirsi importante davanti allo specchio. Come non basta fuorviare lo sguardo ad ogni interrogazione e/o sorridere (niente di più falso) quando si è toccati nel vivo, allorché si è smentiti dai fatti sulle parole pronunciate, o contestati di aver fatto delle scelte sbagliate, falsamente convinte di pronunciarsi in favore degli altri, quando, invero, si fanno solo gli interessi del proprio gruppo famigliare, e/o della propria fazione, diffidente e facinorosa di rivincite settarie semplicemente scandalose. Ma l’elenco non finisce qui, non può finire, sono certo – io che scrivo – che ne dobbiamo ancora vedere delle belle, di fatto il crollo di una personalità così artata prima o poi arriva alla fermata di arrivo, come dice un risonante proverbio : “il diavolo fa le pentole ma non i coperchi”, l’ebollizione comunque sborderà, come di fatto ha già cominciato a fare. Allora non basteranno i trampoli a tenere su la fatiscente architettura di un non-essere mai stati veri, di essersi appropriati di un ruolo che si vuole credere di ‘étoile’, quando altro non si è che una ballerinetta di terza fila, e/o una ridicola freak da circo equestre, con rispetto per l’arte circense che pure mantiene una sua dignità. Ma questo ormai non scandalizza più nessuno, piuttosto è il senso perduto della vergogna, il disagio odierno di quanti applaudono, e che senza imbarazzo alcuno sono pronti a negare di aver applaudito, davanti alla scempiaggine che si consuma. Ma (e questo è un altro ma) è alla mancanza di dignità personale cui va il palmares di una manica di inetti senza amor proprio, (che occupano gli scranni del nostro parlamento), dotati di una incompetenza che dimostra mancanza di educazione  a riguardo e di rispetto per l’esperienza maturata da predecessori che hanno faticato, lottato, costruito con lacrime talvolta di sangue, l’attuale società che oggi viene calpestata da un manipolo spregevole d’incolti. Capaci solo di svendere la propria madre al miglior offerente, o quanto meno per quei fatidici 40 denari (10 in più per via della svalutazione) per i quali oggi sono asserviti a multinazionali senza scrupoli, a imprenditori cui ogni giorno vanno a leccare il culo con la furbesca velleità di accaparrarsi quanto più è possibile, in barba alle malattie incurabili (degli altri), alla denutrizione di milioni di bambini nel mondo, alle guerre fratricide, quando ci sarebbe bisogno di qualunque cosa decisamente più necessaria. Allora la salvaguardia di tutto, quanto fra poco non sarà più disponibile per nessuno, per cui la terra, l’acqua, le risorse nutritive, il clima, saranno indubbiamente primarie, come si pensa di sopravvivere al prossimo cataclisma che segnerà la fine di tutto. È questo il punto assertivo della mia modesta chiusa, cercare e trovare nella comprensione dei diversi linguaggi un comune denominatore di 'collaborazione', onde restituire al genere umano l’indissolubile connessione che ci accomuni tutti nella costruzione d’una 'pace duratura', in grado di trovare unicità nella ‘comunicazione globalizzata’, quella visione pur esemplificata del ‘migliore dei mondi possibili’. Siamo ‘nani’ davanti alla supremazia del creato, nessuno si salva da solo, tantomeno chi oggi spensa di essere superiore ... sì da credersi imperituro, immortale o stupidamente eterno.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giorgio Mancinelli, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giorgio Mancinelli, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Cinema ] ’Marcello Mio’ a film by Cineuropa News (Pubblicato il 31/05/2024 08:09:04 - visite: 40) »

:: [ Poesia ] Mauro Germani .. o i mille volti della memoria. Antologia (Pubblicato il 21/05/2024 15:31:41 - visite: 101) »

:: [ Libri ] La Grotta del Castillo – un libro di Dario Spampinato - R.P. (Pubblicato il 12/05/2024 08:27:18 - visite: 106) »

:: [ Poesia e scienza ] Daniele Barbieri ... e/o la metamorfosi del verso. (Pubblicato il 28/04/2024 09:29:53 - visite: 212) »

:: [ Cinema ] Cinema Industria - Mercato Europa (Pubblicato il 23/04/2024 17:23:55 - visite: 104) »

:: [ Cinema ] Lab Femmes de Cinéma - nuovo rapporto sulle donne registe (Pubblicato il 15/04/2024 10:28:03 - visite: 117) »

:: [ Cinema ] Fabbricante di lacrime un film di Alessandro Genovesi (Pubblicato il 13/04/2024 16:42:31 - visite: 138) »

:: [ Cinema ] Cineuropa torna su Instagram - Tutto Cannes (Pubblicato il 07/04/2024 04:44:57 - visite: 212) »

:: [ Cinema ] Cinema - con Cineuropa News (Pubblicato il 22/03/2024 05:59:43 - visite: 163) »

:: [ Libri ] Marzia Latino – La mia vita in ’ferrari’ , RiseandPress 2024 (Pubblicato il 07/03/2024 08:50:22 - visite: 277) »