:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Intervista a Pedro Eiras
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 109 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Nov 30 08:42:09 UTC+0100 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La visita

di Teresa Cassani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/09/2022 19:25:44

LA VISITA

La maestra la richiama, come tutte le mattine.
-Dea, che cosa fai? Siediti qui alla cattedra, accanto a me.
La bambina non si scompone e continua a calpestare in lungo e in largo lo spazio antistante la porta dell’aula. Non obbedisce. Non va al suo posto e non vuole neppure sedersi alla cattedra.
La maestra la guarda, insiste, poi si rassegna a trascurarla, almeno per un po’. Deve fare lezione, occuparsi degli altri bambini a cui ha comunicato la notizia:
-Sapete, stamattina verrà a farci visita il nuovo parroco di C.
È contenta ed eccitata e, a giudicare dal suo coinvolgimento, questo nuovo parroco non sembra una persona qualunque.
Le ore della mattinata trascorrono lente. Per capire come funzionano le sottrazioni e le addizioni, i bambini hanno portato a scuola dei sacchetti contenenti piccoli oggetti diversi. C’è chi ha i semi di granoturco, chi le biglie, chi i gettoni rotondi di plastica punti della spesa. E tutti eseguono le operazioni secondo il metodo analogico suggerito dalla maestra.
Dea non si comporta come gli altri. Armeggia intorno alla maniglia della porta nella cui toppa c’è la chiave.
L’insegnante gira tra i banchi, chiede agli alunni di mostrarle il procedimento. Nel grembiule bianco, che avvolge la sua mole robusta, si confronta per un attimo con i corpicini dei piccoli, i grembiuli a quadretti, che siedono a due a due davanti ai banchi e ai calamai.
Poi, ritorna alla cattedra, apre il registro, segna qualcosa, guarda l’orologio.
Ecco, finalmente il toc toc alla porta.
- Avanti! - dice la maestra con enfasi.
- Avanti - ripetono i bambini in coro.
C’è un silenzio generale che accompagna l’attesa.
La maniglia della porta grigia si abbassa, ma l’anta non si muove. È stata chiusa a chiave.
La maestra fa un balzo dalla cattedra, corre alla porta, gira la chiave.
-Dea, che cosa hai fatto? - dice arrossita rivolgendosi alla bambina. È imbarazzata. Teme la brutta figura. È dalle otto che aspetta questo momento. Voleva accogliere nel modo giusto ed ecco che cosa succede con questa bambina che disturba e non obbedisce.
Il reverendo fa ingresso. È elegante nella tonaca ampia e nuova con la fila dei bottoni che partono dal colletto e giungono fino all’orlo sul fondo. Ha un bell’aspetto, gli occhiali da studioso e il sorriso espansivo di chi vuole andare incontro.
L’alunna continua a starsene lì, impalata di fronte alla porta, indifferente al richiamo dell’insegnante.
Il reverendo ha già compreso: si rivolge dolce alla bambina, la giustifica, non la fa sentire in errore.
Dea lo guarda. Sembra in ascolto, presente. Le piace il visitatore gentile che sprigiona qualcosa di forte e buono. È convinta, attratta.
E, per la prima volta, va a sedersi al suo posto.


Dedicato a don Pietro Mongardi.





« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Teresa Cassani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Cassani, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Il profumo alla violetta (Pubblicato il 27/11/2022 17:44:31 - visite: 20) »

:: Per una casa (Pubblicato il 07/11/2022 14:32:02 - visite: 58) »

:: Trovare le parole (Pubblicato il 19/10/2022 13:18:39 - visite: 71) »

:: Amadé e il contrappunto (Pubblicato il 03/09/2022 09:37:41 - visite: 219) »

:: Illusioni (Pubblicato il 17/06/2022 20:43:00 - visite: 178) »

:: Ideali (Pubblicato il 12/03/2022 20:52:05 - visite: 210) »

:: Accomunati (Pubblicato il 27/02/2022 13:33:33 - visite: 308) »

:: Ne basta uno (Pubblicato il 15/02/2022 15:42:47 - visite: 162) »

:: «C’è in te più di quanto tu stesso non sappia» (Pubblicato il 06/02/2022 16:42:06 - visite: 301) »

:: Dono (Pubblicato il 08/01/2022 10:44:32 - visite: 677) »