:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 75 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jul 5 20:48:03 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il cielo s’è spento

di Emanuela Lazzaro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 28/05/2022 17:40:04

Ieri dalla terra, né un tremito né uno scherzo

levarsi pareva tra gli alberi più alti,

mentre il giorno seguitava il suo giro aperto,

crocchi di giovani ad un bar,

le donne a casa, a stirare o a pulire un po’ l’aia.

Oggi resta però il freddo,

è primavera ma cade giù il cielo,

nella pioggia il vento sfoga la sua natura

e all’uomo non resta più che la fuga,

quando colto dalla paura di finire nel vuoto,

ogni suo artificio sfugge a prigioni senza pietà.

Sono attimi per non dubitare,

per ferire la carne e l’orgoglio tra i crepacci,

nello zolfo il respiro pare perdersi in lame roventi.

Dopo che il cielo s’è spento,

dal silenzio sussurrano i sassi, sono pezzi rotti,

sono ossa di scheletri informi

che attendono d’essere colti da chi ancora resta.

Eppure quando giunge la sera,

ogni uomo è debole come un animale senza mani.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Emanuela Lazzaro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Emanuela Lazzaro, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: E così viene già un respiro gentile dall’Anima. (Pubblicato il 18/06/2022 11:55:50 - visite: 62) »

:: Come d’inverno (Pubblicato il 18/06/2022 11:42:57 - visite: 34) »

:: Scelte. (Pubblicato il 03/03/2022 14:26:26 - visite: 68) »

:: Il buio. (Pubblicato il 26/02/2022 10:36:08 - visite: 170) »

:: A San Valentino sono tutti innamorati (tranne me). (Pubblicato il 11/02/2022 11:21:57 - visite: 114) »

:: Occhi color dell’anima. (Pubblicato il 09/02/2022 13:07:44 - visite: 97) »

:: La libertà dell’anima. (Pubblicato il 11/08/2021 15:16:44 - visite: 545) »

:: Al porto prima di partire (Pubblicato il 10/06/2021 15:53:29 - visite: 298) »

:: Di vento e pioggia. (Pubblicato il 09/04/2021 22:45:24 - visite: 511) »

:: Sulla penna m’è rimasto un verso. (Pubblicato il 21/03/2021 01:40:47 - visite: 332) »