:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: le interviste agli autori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 510 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jun 17 08:42:37 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Amico, sei lontano


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/05/2020 12:00:00


*

 

Amico, sei lontano. E la tua vita
ha intorno a sé colori ch’io non vedo.
Ha la mia vita intorno a sé colori
che io non vedo.

 

*

 

Forse la giovinezza è solo questo
perenne amare i sensi e non pentirsi.

 

Forse l’ispirazione è solo un urlo
confuso. Ma entro le colonne della
legge, ridendo si masturba ogni fanciullo.

 

Appoggio la mia fronte alla ringhiera
gelida del cancello. La mia notte
ascolta dileguare ogni fanciullo.

 

Arso completamente dalla vita
io vivo in essa felice e dissolto.
La mia pena d’amore non ascolto
più di quanto non curi la ferita.

 

Forse è meglio soffrire che godere.
O forse tutto è uguale. Anche la neve
è più bella del sole. Ma l’amore…

 

*

 

Al pari di un profilo conosciuto,
o meglio sconosciuto, senza pari
fra gli altri animali, unica terra
la tua forma casuale quanto amai.

 

*

 

Le porte del mondo non sanno
che fuori la pioggia le cerca.
Le cerca. Le cerca. Paziente
si perde, ritorna. La luce
non sa della pioggia. La pioggia
non sa della luce. Le porte,
le porte del mondo son chiuse:
serrate alla pioggia,
serrate alla luce.

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Libro del Sole (Pubblicato il 14/06/2021 12:00:00 - visite: 59) »

:: Invisibile (Pubblicato il 07/06/2021 12:00:00 - visite: 87) »

:: La strage degli aquiloni (Pubblicato il 31/05/2021 12:00:00 - visite: 89) »

:: Teatrin de vozhi e sienzhi (Pubblicato il 24/05/2021 12:00:00 - visite: 201) »

:: Minime circostanze (Pubblicato il 17/05/2021 00:14:00 - visite: 155) »

:: Vela e timone (Pubblicato il 10/05/2021 12:00:00 - visite: 144) »

:: Poesie (2020-1997) (Pubblicato il 03/05/2021 12:00:00 - visite: 111) »

:: Cinque inediti (Pubblicato il 26/04/2021 12:00:00 - visite: 200) »

:: Conclusioni (Pubblicato il 19/04/2021 12:00:00 - visite: 173) »

:: La macchina del tempo (Pubblicato il 12/04/2021 12:00:00 - visite: 162) »